Home » Cinema » Horror & Thriller » Thriller | La recensione dello slasher di Dallas Jackson (made in Blumhouse)

4/10 su 16 voti. Titolo originale: Thriller , uscita: 23-09-2018. Regista: Dallas Jackson.

Thriller | La recensione dello slasher di Dallas Jackson (made in Blumhouse)

16/04/2019 recensione film di William Maga

Il regista prova a rimescolare stilemi e stereotipi del genere, cambiando ambientazione e protagonisti usuali, ma se l'idea è lodevole, il risultato lo è molto meno

thriller film dallas jackson netflix

Mettiamoci per un attimo nei panni dell’esordiente Dallas Jackson. Essere distribuiti direttamente e in esclusiva su Netflix (non certo garanzia di qualità negli ultimi tempi …) quando alle spalle si ha la Blumhouse Productions (ugualmente non garanzia di qualità, ma sicuramente di incassi) e si è potuto contare sulla presenza nel cast – e nella colonna sonora – di RZA, va intenso come un segno di fiducia, oppure il contrario? Già dal ben poco inventivo titolo, Thriller un’indicazione precisa la dà.

Già dalla trama, il film suonerà molto familiare a molte persone: quando uno scherzo per terrorizzare Chauncy Page (Jason Woods), un adolescente con problemi di salute mentale, provoca la morte di uno dei pestiferi ragazzini mascherati che lo stanno mettendo in atto, il gruppetto di bulli attribuisce senza dubbio la colpa allo spaventato coetaneo. Quattro anni più tardi, Chauncy viene rilasciato dal penitenziario per minori e i membri della cricca presto capiscono che le loro vite sono in serio pericolo.

thriller film 2018 Dallas Jackson posterGià, ancora una volta ci troviamo nei battutissimi territori dello slasher; un campo di gioco in cui solitamente ragazzotti più o meno avvenenti e muscolosi sui 20 anni vengono uno alla volta inseguiti da un misterioso killer (spesso in maschera) dentro le loro grandi case e / o scappano sulle loro auto sportive ancora più grandi. Dallas Jackson sovverte però ciò che pensiamo di sapere di questo tipo di film, non limitandosi a stravolgere l’usuale cast, ma spostando l’ambientazione e la mattanza nelle strade del quartiere non proprio rinomato di Compton.

In tal modo, essendo tutti qui afroamericani o latamente ispanici (nessuna bianco), non è immediato identificare qualcuno come ‘il primo che muore’, ‘la spalla comica’ oppure ‘quello che si sacrifica di sicuro per salvare il/la protagonista’. Certo, l’horror velato di blaxploitation non è una assoluta novità (è di pochi mesi fa l’uscita di Tales from the Hood 2), ma è sicuramente stata una rarità negli annali del cinema del terrore e la conferma tra i big di Jordan Peele potrebbe significare il proliferare di questi prodotti. Naturalmente, proprio come il recente Noi, il pubblico di riferimento resta inevitabilmente soprattutto quello americano. In Thriller comunque ci sono elementi apprezzabili trasversalmente, come la soundtrack che riecheggia apertamente quelle di John Carpenter o i numerosi cenni a classici del genere, da Non entrate in quella casa Scream e persino a Carrie, indice della grande passione di Dallas Jackson per la materia.

Tuttavia, anche così Thriller non risulta particolarmente entusiasmante. Il sangue praticamente è assente (così come il sesso), non ci sono spaventi tangibili o nemmeno qualche personaggio per cui fare il tifo. esattamente come in So cosa hai fatto e nei suoi tremendi sequel, è difficile dispiacersi per un gruppo di adolescenti che finalmente ottengono la meritata punizione per aver cercato di coprire la morte di qualcuno. E divengono doppiamente odiosi quando si considera la salute mentale della persona con cui se la prendono.

thriller film blumhouse netflixUn altro dei problemi del film è la strada che Dallas Jackson sposa per inserire l’inevitabile commento sociale dentro una cornice horror. Se il citato Noi di Jordan Peele affrontava questioni relative alla razza e alla struttura delle classi sociali attraverso una storia di home invasion, Thriller praticamente si sbriciola non appena i protagonisti si soffermano a discutere su come la loro vita da afroamericani sia dura e ‘già segnata’. Il lavoro che il regista / sceneggiatore  cerca di fare è lodevole, e i problemi di cui scrive importanti, ma ogni retorica scena in cui questo lo spiattella sembra appartenere a un film completamente diverso.

Come avrete intuito, in definitiva Thriller non è davvero un grande film, pur non essendo neppure osceno. È un tentativo poco riuscito e blando di aggiornare il genere slasher sovvertendone le storiche dinamiche e stilemi. La buona volontà non manca, quindi sarà interessante vedere quale sarà il prossimo passo di Dallas Jackson. Speriamo solo che non sia un sequel di Thriller.

Di seguito il trailer internazionale del film, messo a catalogo da Netflix (ma non ancora in Italia) il 14 aprile:

mads mikkelsen hannibal serie
Horror & Thriller

Bryan Fuller su Hannibal: “Mads Mikkelsen non fu la prima scelta; vi svelo chi fu considerato”

di Redazione Il Cineocchio

Lo showrunner ha ricordato la sua lotta per convincere i vertici della rete a puntare sull'attore danese

Leggi
i due volti del terrore libro 2020 odoya
Horror & Thriller

Recensione libro + Intervista | I due volti del Terrore. La narrativa horror sul grande schermo di M. Tetro e R. Azzara

di Alessandro Gamma

Un compendio di oltre 500 pagine che mette a confronto film e serie TV con le relative controparti cartacee da cui prendono spunto, raccontandone similitudini e differenze più o meno significative

Leggi
Horror & Thriller

Chi ha paura delle streghe?: cast e trama per il nuovo adattamento firmato Robert Zemeckis

di Redazione Il Cineocchio

A 30 anni dal primo film, il classico fanta-dark per ragazzi scritto da Roald Dahl è pronto a tornare sul grande schermo con una nuova veste

Leggi
blind film 2020 slasher walz
Horror & Thriller

Trailer per Blind: Pretty Boy è il nuovo maniaco mascherato che si aggira per L.A.

di Redazione Il Cineocchio

Il regista Marcel Walz torna sulle scene con un film che mescola orrore e disabilità

Leggi
the pale door film horror 2020