Home » Speciali » [riflessione] Perché gli adattamenti cinematografici dei romanzi di Stephen King spesso non funzionano?

[riflessione] Perché gli adattamenti cinematografici dei romanzi di Stephen King spesso non funzionano?

11/01/2017 news di Alessandro Gamma

Con il prossimo arrivo al cinema di La Torre Nera e IT ci si chiede se questi si aggiungeranno all'alta pila dei 'terribili' o andranno in quella molto più sottile dei 'meritevoli'

Con il recente ronzio che ha cominciato ad avvolgere entrambi gli adattamenti di La Torre Nera e IT, per non parlare dell’a lungo attesa distribuzione di Cell, Stephen King si ritrova ancora una volta sotto i riflettori nelle vesti di benevolo signore dell’horror. Lo scrittore non è certo estraneo ad opere basate sul suo lavoro, essendo stato anche lui coinvolto nella produzione di un paio di film e serie televisive in ​​passato, ma questa recente ondata di adattamenti sembra essere un sogno che diventa realtà per gli appassionati di lunga data. Quindi, siamo in procinto di essere testimoni delle nostre storie preferite, portate in vita come capolavori ad alto budget in una qualche forma di rinascita dei blockbuster? Probabilmente no.

pennywise it costumeLa dura verità con cui i fan di Stephen King devono fare i conti è che molti, se non la maggior parte, delle trasposizioni della sua meravigliosa produzione letteraria sono in realtà estremamente deboli, anche se questo non è necessariamente colpa dell’autore del Maine. Tendiamo a ricordare classici come Shining e Carrie, mentre film come The Mangler – La macchina infernale e La creatura del cimitero si sono rapidamente persi negli annali della storia del cinema più scadente. Anche alcuni dei preferiti dagli appassionati come la mini serie originale di IT si sbriciola ad un esame attento (anche se Tim Curry resta un motivo più che sufficiente per riguardarlo ogni tanto). Con poche eccezioni, la maggior parte di queste pellicole ricade generalmente da qualche parte tra “terribile” e “abbastanza decente”.

Questo significa che il lavoro di King è intrinsecamente scarso, o addirittura infilmabile? Ovviamente no. Tentativi riusciti Le notti di Salem e Stand by Me – Ricordo di un’estate, tra i numerosi, hanno dimostrato di volta in volta che è del tutto possibile tradurre lo stile unico dell’autore americano sia sul piccolo che sul grande schermo, quando dietro al progetto c’è la squadra giusta. Come notato da molti, la serie evento di Netflix Stranger Things non è altro che uno pseudo-adattamento di IT, e le possibilità che la trasposizione ufficiale del regista Andrés Muschietti superi la suddetta serie quale lettera d’amore verso l’originale di King sono piuttosto poche.

la torre nera posterTuttavia, il fallimento di critica e pubblico di Cell è l’esempio più recente di come sia difficile adattare correttamente queste storie. Pur avendo una sceneggiatura co-scritta da King stesso (che ha ascoltato i fan riuscendo a migliorare alcuni aspetti del romanzo originale, compreso il finale), il film è rapidamente divenuto una delle uscite più deludenti del 2016. In realtà si tratta di un godibile B-movie con qualche sottotesto interessante. In ogni caso, l’opera diretta da Tod “Kip” Williams dimostra semplicemente che la transizione di un racconto ben scritto sullo schermo non è sufficiente a garantire il suo successo come film.

Tuttavia, ciò non significa che i registi dovrebbero semplicemente rinunciare ad adattare le storie di King. Significa soltanto che bisognerebbe pensare di più a quali storie scegliere e come girarle al meglio. Dando uno sguardo ai tentativi di maggior successo, è facile vedere che i migliori non hanno avuto paura di prendersi qualche libertà dal materiale originario per facilitarne la transizione sul grande schermo. Questo non è solo vero per le trame e personaggi, ma anche per i momenti più spaventosi. Ciò che funziona sulla pagina non funziona sempre sullo schermo, e quando si tratta di terrore, le cose si fanno ancora più complicate.

E’ richiesta una certa finezza per poter suggerire qualcosa di orribile in letteratura, e quindi lasciare che siano i lettori a riempire gli spazi vuoti con le parti più buie della loro immaginazione. Questo è qualcosa in cui King è maestro indiscusso, qualcosa che rende il compito di adattare un suo lavoro ancora più complesso. Ad esempio, gli animali intagliati nelle siepi di Shining sono terrificanti nel libro, ma hanno un aspetto assolutamente ridicolo sullo schermo (in particolare in TV). Anche oltre il regno dell’horror, lo stesso vale per cose come la bizzarra “Mano di Dio” di L’ombra dello Scorpione, e molti altri eccentrici elementi di queste storie. In definitiva, la natura personale della scrittura di King, che lo ha reso in primo luogo un autore così popolare, può benissimo essere responsabile dei risultati misti di così tante delle sue trasposizioni.

cell king film 2Detto questo, La Torre Nera, IT e il ventilato L’Ombra dello Scorpione non devono essere condannati per forza alla mediocrità. Da quello che abbiamo potuto intravedere fino ad ora, l’avventura cinematografica di Roland verso la Dark Tower sembrerebbe una emozionante nuova interpretazione (dovuta in non piccola parte al casting di Idris Elba e Matthew McConaughey), mentre Bill Skarsgard come Pennywise sembra pronto a scatenare un’epidemia di coulrofobia su una nuova generazione di ignari bambini. Se questi film avranno successo, si potrebbe potenzialmente pensare anche a un nuovo universo cinematografico multi-genere basato su vicende interconnesse prese dai romanzi di King (anche se con pellicolare prodotte da studi e team creativi differenti).

Dobbiamo aspettarci qualcosa sulla falsariga di quanto fatto da Peter Jackson con la trilogia di Il Signore degli Anelli? Non necessariamente. Dovremmo essere entusiasti della possibilità di condividere queste storie con un’intera nuova generazione? Assolutamente! Fino a quando i registi faranno bene i compiti, c’è la possibilità che da questa situazione escano fuori alcuni film indimenticabili. Alla fine, è più importante per i team creativi dietro questi lungometraggi catturare quella sensazione illusoria dei racconti di Stephen King piuttosto che adattarne la trama pezzo per pezzo. Anche nella peggiore delle ipotesi, un “cattivo” adattamento di King potrebbe comunque essere piuttosto divertente. Dopo tutto, chi può negare che Brivido sia uno dei film più spassosi tutti i tempi?

Kurt Russell la cosa 1982
Speciale

Dossier | Oltre il Tempo: i molti futuri del 1982 fantascientifico (parte 2)

di Giorgio Paolo Campi

Si conclude il nostro viaggio in quello che è probabilmente l'anno tra i più significativi e sottovalutati della storia recente del cinema sci-fi, quello in cui arrivarono nelle sale Blade Runner e La Cosa, innescando una reazione a catena la cui eredità è ancora oggi pesantissima

Leggi
Speciale

Dossier | Chi sorveglia i vigilantes? La vendetta dell’uomo comune al cinema (parte 2)

di Redazione Il Cineocchio

Prosegue e si conclude l'analisi sul sottogenere, che può contare su esponenti di spicco del calibro di Taxi Driver e che ha trovato in qualche modo un omologo nel poliziottesco dei commissari 'di ferro' nostrano

Leggi
Speciale

Dossier | Chi sorveglia i vigilantes? La vendetta dell’uomo comune al cinema (parte 1)

di Sabrina Crivelli

Da Ispettore Callaghan: il caso Scorpio è tuo! a Il giustiziere della notte, ripercorriamo la nascita, le caratteristiche e le motivazioni di uno dei sottogeneri più controversi e chiacchierati

Leggi
Speciale

Dossier | Oltre il Tempo: i molti futuri del 1982 fantascientifico (parte 1)

di Giorgio Paolo Campi

Ripercorriamo un anno fondamentale nella storia della sci-fi su celluloide, con l'uscita di La Cosa di John Carpenter e Blade Runner di Ridley Scott (e non solo), cercando di capire i motivi del loro flop all'epoca e il fondamentale lascito per il cinema a venire

Leggi
Speciale

60 cose da sapere su Black Panther di Ryan Coogler

di Redazione Il Cineocchio

Tutto ciò che dovete conoscere sul nuovo film della Marvel che ci porta nel misterioso regno di Wakanda insieme al protagonista Chadwick Boseman

Leggi