3 novembre 2015

Lionsgate progetta parchi a tema sui suoi franchise di successo (tra cui Hunger Games…)

Tre progetti sono già in cantiere e saranno pronti a breve

FacebookTwitterPocketInstapaperEmailPrint
3 novembre 2015
The-Hunger-Games

Dopo il debutto, previsto a brevissimo, di Hunger Games: Il canto della rivolta – Parte II si scriverà la parola fine su questo celebre franchise (almeno per il momento).

Tuttavia questa potrebbe non essere l’ultima occasione per i fan di vivere le avventure della ‘Ragazza di Fuoco’ e dei suoi compagni. Secondo il New York Times infatti, la Lionsgate sta attualmente pianificando diversi parchi a tema che ricostruiscano le ambientazioni di tutti i film di cui possiede i diritti, da Hunger Games a Divergent e persino di Now You See Me.

Sorge a questo punto un problema: se la saga di Katniss Everdeen contiene una forte carica critica sull’attuale società occidentale, come è possibile farne l’attrazione di innocui parchi per famiglie? Certo i dirigenti della casa di produzione sono stati colti dal medesimo dubbio, ma, visto il successo economico delle pellicole, hanno deciso di procedere ugualmente.

Tim Palen, CBO della Lionsgate, ha dichiarato a riguardo: “Più ci abbiamo pensato, più abbiamo capito che era una grossa opportunità – non solo per creare qualcosa di intelligente e accattivante che i fan di Hunger Games avrebbero amato, ma per dare nuova vita a tutti i nostri franchise.” Ha aggiunto poi: “Ci sono così tanti aspetti positivi di questi film, a cominciare dal fatto che ci sia una giovane donna al potere.”

Sempre secondo la medesima fonte, la società seguirà il modello della Warner Bros. di vendere a terzi la licenza di sviluppo e gestione e dei parchi, piuttosto che realizzarli in prima persona. Per quest’anno sono già previste due strutture, ad Atlanta e in Cina, mentre ci sarà una ‘Lionsgate zone’ nel Motiongate Park in apertura nel 2016 negli Emirati Arabi Uniti.

Potenziali attrazioni saranno la ricostruzione della città mineraria di Katniss e del panificio di Peeta Mellark, oltre che le montagne russe ispirate al treno ad alta velocità per Capital City.

Articoli correlati

Inserisci un commento