Home » Cinema » Horror & Thriller » 47 Metri: Uncaged | La recensione del film di squali di Johannes Roberts

5/10 su 700 voti. Titolo originale: 47 Meters Down: Uncaged , uscita: 15-08-2019. Budget: $12,000,000. Regista: Johannes Roberts.

47 Metri: Uncaged | La recensione del film di squali di Johannes Roberts

26/10/2019 recensione film di William Maga

A due anni dal primo capitolo, il regista britannico scompiglia le aspettative girando un divertente sequel dalle dinamiche tipiche di uno slasher, che si prende poco sul serio e non molla la presa fino alla fine

47 meters down uncaged film

Se nel 2017, con 47 metri (la recensione), Johannes Roberts aveva provato a riportare il creature film a baso costo all’epoca di massimo splendore degli anni ’70, in cui alcuni affabili protagonisti venivano messi loro malgrado di fronte ad avversità impossibili e spesso non riuscivano tutti a sopravvivere alle mostruosità varie ed eventuali fuoriuscite di volta in volta dagli abissi marini, il suo sequel, 47 Metri – Uncaged (47 Meters Down : Uncaged, precedentemente noto come 48 Meters Down) si ispira abbastanza apertamente agli anni ’80 e in particolare ai titoli della New World Pictures di Roger Corman. Tale influenza si può vedere sia nel make-up del cast – quasi completamente composto da ragazze adolescenti – e nella ‘trasformazione’ degli squali da neutrali figure in acque aperta a mutanti vissuti per decenni in isolamento in qualche caverna sotterranea più simili al Jason Voorhees di Venerdì 13 che al Bruce meccanico del film di Steven Spielberg per come eliminano i personaggi uno dopo l’altro.

Anche la colonna sonora offre degli indizi in tal senso, visto che in più punti emergono canzoni di gruppi come gli Aztec Camera e i Roxette. In ogni caso, la seconda avventura di Johannes Roberts nel pericoloso mondo degli squali (nel mentre ha diretto lo slasher The Strangers 2) è piuttosto diversa da come ce la si sarebbe potuta aspettare, dato il primo film e l’assoluta serietà degli intenti del regista inglese. Eppure, non si tratta tanto di un cambiamento in peggio, quanto di un cambiamento di tono, e il film si rivela molto divertente, a condizione che lo si accetti per quel che vuole essere (e, preferibilmente, lo si veda sul grande schermo).

47 Meters Down Uncaged film posterA prendere il posto di Mandy Moore e Claire Holt come esche sono qui Mia (Sophie Nélisse) e Sasha (Corinne Foxx, figlia di Jamie), una coppia di sorelle ‘diverse’ che hanno molti problemi ad adattarsi alla loro nuova vita insieme. La madre (Nia Long) vuole che si avvicinino l’una all’altra, e il padre (John Corbett) decide di spedirle in un tour guidato su una barca dal fondo di vetro in acque infestate dagli squali a largo dello Yucatan. Sasha è arrabbiata perché vuole rilassarsi con le sue migliori amiche (Brianne Tju e Sistine Stallone, figlia di Sly) durante il loro giorno libero, e Mia non vuole andare perché il gruppetto di coetanee che la bullizza sarà parimenti sull’imbarcazione con lei. Quindi, naturalmente, mollano la comitiva scolastica e optano per recarsi in un posto poco conosciuto a fare immersioni dentro una serie di grotte sotterranee per vedere da vicino alcune incredibili rovine azteche che il loro patrigno archeologo ha scoperto e che sono state completamente sommerse dall’oceano nel corso dei decenni. Proprio quello che fa ogni 17enne appena ha un’oretta libera nella sua giornata, dato che ogni adolescente è una subacquea certificata …

Comunque, una volta giunte nella sezione principale dell’antica città, le ragazze scoprono che un qualche tipo di forma acquatica mutante ha trovato il modo di affermarsi da quelle parti e, grazie, a un jumpscare indotto da un pesce cieco  e trasparente urlante (già …) e al conseguente crollo della grotta, nella confusione che ne segue il quartetto rimane inevitabilmente intrappolato a molti metri di profondità. Niente di grave no? In fondo, dovranno solo nuotare un po’ e badare al livello di ossigeno, e probabilmente saranno in grado di trovare il loro papà che lavora con i suoi due assistenti (Davi Santos e Khylin Rhambo) in pochissimo tempo. E invece no, perché è tempo di far entrare in scena dei giganteschi squali albini mutanti! Ebbene, le ragazze si ritrovano bloccate laggiù con un grande bianco senza occhi ma dall’acutissima ecolocalizzazione che si è adattato perfettamente a quelle condizioni estreme ed insolite. Quindi, è assai probabile che presto il sangue comincerà a macchiare di rosso quelle acque, poiché le protagoniste dovranno sia respingere gli attacchi improvvisi dell’animale tra uno stretto corridoio marino e l’altro, ma anche tornare in superficie prima che la riserva d’aria finisca.

Tutto sommato, quella offerta da 47 Metri – Uncaged è un’ambientazione abbastanza solida per un film di genere, anche se potreste averla già vista declinata in altre forme (in particolare, Neil Marshall, il regista di The Descent – Discesa nelle tenebre (la recensione) potrebbe aver qualcosa da dire in proposito, nonostante il suo horror del 2005 sia stato apertamente citato da Johannes Roberts come fonte di ispirazione primaria) e, per la maggior parte, costituisce un buon seguito. Magari non concreto come il recente Crawl – Intrappolati di Alexandre Aja (la recensione), visto che quello poteva contare su un R-Rated che in operazioni del genere aiuta senz’altro. Tecnicamente, il lungometraggio di Johannes Roberts è molto più valido del predecessore: la sincronizzazione dei suoni si adatta meglio alle voci delle attrici e ai loro movimenti e, a differenza del primo capitolo, non sembra di essere di fronte a immagini associate in post-produzione. Gli interni della città azteca sommersa (ci sono pure le catacombe piene di teschi) sono poi opportunamente inquietanti, con statue di pietra erose dal tempo che riescono sempre a distrarre l’occhio dagli spaventi che stanno per sorprenderci altrove.

47 meters down uncaged 2019 filmJohannes Roberts ha scelto sapientemente di girare 47 Metri – Uncaged (che è costato solo 12 milioni di dollari) in un ambiente molto stretto e claustrofobico al posto dell’oceano aperto, una scelta che rende i jumpscare più efficaci. Gli squali appaiono casualmente sullo sfondo di un fotogramma e, per quanto economico possa apparire, questo metodo funziona davvero bene quando non ce lo si aspetta. Anche ampliare il numero di protagonisti in scena è un’altra decisione saggia, in quanto consente un bodycount più elevato, garantendo che gli squali rimangano sempre una presenza minacciosa e raramente scompaiano dallo schermo troppo a lungo.

Ora, il cast non è certo eccezionale (Matthew Modine d’altronde non è semplice da rimpiazzare), ma fanno del loro meglio con il materiale a disposizione, in quelle che è facile immaginare come circostanze di riprese incredibilmente difficili in un set sottomarino. Anche la trama non è certo niente di particolarmente inventivo come detto, ma proprio tale familiarità – e soprattutto gli squali killer mutanti! – lo rendono una visione divertente, con gli ultimi 15 minuti da manuale della legge di Murphy assolutamente allucinanti in tal senso, tra incredibili rallenty e colpi di scena a raffica. Approcciarsi a 47 Metri – Uncaged con l’idea di empatizzare, o addirittura immedesimarsi, coi personaggi (alla maniera di Open Water, per citare un esempio classico) è quindi fuori discussione.

In definitiva, questo approccio si rivelerà probabilmente alienante per coloro che erano rimasti turbati dal finale di 47 Metri, dato che Johannes Roberts qui abbraccia senza remore l’assurdità della premessa e confuta parte dell’oscurità che aveva definito la precedente fatica, ma è innegabile che, preso nel modo giusto, 47 Metri – Uncaged sia un piccolo film di exploitation riuscito.

In attesa di vederlo nei nostri cinema dal 26 marzo, di seguito trovate il trailer internazionale:

The Vigil (2019) film
Horror & Thriller

Trailer per The Vigil: una veglia funebre notturna si fa puro orrore

di Redazione Il Cineocchio

L'americano Keith Thomas esordisce al lungometraggio con un horror radicato nella tradizione ebraica

Leggi
overlord film 2018 avery
Horror & Thriller

Overlord | La recensione del film horror di guerra di Julius Avery

di William Maga

Pilou Asbæk e Jovan Adepo sono tra i protagonisti di un'opera che ibrida con successo i due generi, mescolando genuinamente splatter ed emozioni. Produce J.J. Abrams.

Leggi
JU-ON Origins serie netflix 2020
Horror & Thriller

Ju-On: Origins | La recensione della serie horror di Netflix Japan

di William Maga

La storica saga horror creata da Takashi Shimizu agli inizi del 2000 arriva sul piccolo schermo, rilanciandosi clamorosamente dopo svariati passi falsi

Leggi
villaggio dei dannati film 1960
Horror & Thriller

Villaggio dei dannati: si prepara la serie TV; i dettagli

di Redazione Il Cineocchio

Dopo due film per il cinema, il romanzo sci-fi I figli dell'invasione di John Wyndham arriva sul piccolo schermo

Leggi
doctor sleep film 2019 rebecca
Horror & Thriller

Mike Flanagan su Doctor Sleep: “Stephen King turbato da una scena del test screen; mi chiese di cambiarla”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista dell'adattamento ha rivelato le reazioni dello scrittore del Maine di fronte a un'anteprima organizzata in esclusiva a casa sua

Leggi