Home » Cinema » Azione & Avventura » Anna | La recensione del film di Luc Besson con la killer Sasha Luss

6/10 su 1308 voti. Titolo originale: Anna , uscita: 19-06-2019. Budget: $34,000,000. Regista: Luc Besson.

Anna | La recensione del film di Luc Besson con la killer Sasha Luss

19/09/2019 recensione film di William Maga

Il regista francese torna alle origini, provando ad aggiornare dopo oltre 25 anni il sottogenere che lo ha reso celebre, ma il risultato è un film poco plausibile o originale, che punta tutto sulla bellezza della sua protagonista

Sasha Luss in Anna (2019)

Guardando Anna, non si può fare a meno di pensare che Luc Besson abbia visto sia Atomica Bionda (la recensione) che Red Sparrow (la recensione) e poi abbia deciso di girare alla sua maniera un film di spionaggio russo con al centro una bella donna. Entrambi i suddetti titoli hanno infatti palesemente avuto un’influenza pesante sul nuovo sparatutto del regista francese, che vede la top model Sasha Luss vestire i panni di un agente segreto sovietico addestrato all’uso delle armi da fuoco, nei combattimenti corpo a corpo e nell’indossare abiti d’alta moda. L’idea di questo ‘aggiornamento’ sembrerebbe sulla carta promettente, almeno fino a quando non ci si ricorda che il filmmaker 60enne ha già esplorato superspie e assassini con risultati sublimi sia in Nikita (1990) che in Léon (1994).

anna film luc besson posterForse Luc Besson aveva bisogno di ritornare in territori familiari dopo la delusione finanziaria della sua ambiziosa space opera Valerian e la città dei mille pianeti del 2017 (la recensione), costata quasi 200 milioni di dollari e accolta (boicottata?) in modo generalmente poco magnanimo. Anna, prevedibilmente, sceglie quindi di giocare ‘sul sicuro’, cavalcando un filone molto in voga negli ultimi tempi a Hollywood, finendo così per adagiarsi nei territori dell’autocompiacimento di seconda mano, millantando però – sotto la patina da action duro e puro qual è – un’anima riflessiva e persino femminista. Il film supera sì il test di Bechdel, ma questo non significa che Luc Besson eviti di sfruttare il corpo della biondissima Sasha Luss in più di un’occasione per la gioia dei maschietti voyeuristi.

La storia, ambientata durante gli ultimi anni dell’Unione Sovietica, segue appunto Anna Poliatova, una ragazza povera e senza futuro nella società patriarcale moscovita, che un giorno viene reclutata dal KGB. Gestita da Alex (Luke Evans) e dalla scettica veterana Olga (Helen Mirren), Anna si allena a lungo per diventare una spietata assassina. E così, naturalmente, il suo primo incarico all’estero consiste nell’andare sotto copertura come modella a Parigi. Luc Besson sembra crogiolarsi nel bilanciare l’assurdo mondo della moda fatto di fotografi esigenti e di pansessualità con i vari obiettivi della ragazza, l’eliminazione di molti dei quali implica che lei entri in una stanza da letto in abiti succinti o da passerella e freddi l’individuo in questione con un colpo di pistola col silenziatore. Dopo aver completato diverse missioni a Parigi, Milano e altrove, Anna si rende tuttavia conto che non uscirà mai dal giro e, per ottenere la libertà, decide di stipulare un accordo sottobanco con un agente della CIA (Cillian Murphy), che le promette il sogno di una vita che i suoi compagni sovietici le stanno negando. Ci sarà da fidarsi?

Come accennato, checché ne pensi lui, Luc Besson è meno interessato alla storia che alla costruzione di scene d’azione esplosive e complesse. Una sequenza piuttosto impressionante mostra ad esempio Anna mentre elimina una dozzina o più di scagnozzi all’interno di un ristorante affollato, e questa coreografia non può non evocare quella delle scale di Atomica Bionda. Più tardi, la protagonista attraversa il quartier generale del KGB, spazzando via innumerevoli soldati che dal canto lodo si comportano come se non avessero mai maneggiato una pistola prima di quel momento. In generale, il regista francese gioca tutto sulla velocità, senza badare troppo alla logica e alla plausibilità di quello che avviene; e questo vale anche per il design di produzione. Anna si svolge tra il 1985 e il 1990, ma in qualche modo i personaggi usano computer portatili e portano con sé telefoni cellulari che ricordano la tecnologia dei primi anni 2000. Sono quel tipo di dettagli che ti fanno pensare di aver perso qualche cambiamento vitale nell’ambientazione, se non che la presenza degli INXS e dei Technotronic nella colonna sonora suggerirebbe il contrario. A livello strutturale, Anna è uno dei film più assurdi a memoria recente. Ogni quindici minuti circa, Luc Besson opta per la dissolvenza con relativa comparsa di un cartello che recita “Tre anni prima” o “Sei mesi dopo” oppure “Tre mesi prima”, rendendo improbabile qualsiasi speranza di progressione lineare.

Luke Evans in Anna (2019)I salti temporali servono comunque a spiegare le motivazioni tortuose dietro alle azioni di Anna, che passa da agente fedele a doppiogiochista, poi a triplogiochista e viceversa. Luc Besson si diletta nel ridefinire continuamente le motivazioni dei suoi personaggi con rapidi flashback o flashforward che ripristinino il presente, che è tutto nel passato. Ma lo spettatore non ha alcun problema a seguire quanto accade. Il francese è un abile regista e, per lo meno, non si dimentica di presentare ognuno di questi salti nel tempo con chiarezza all’interno della storia generale. Quello che non funziona è piuttosto la loro frequenza. Uno o due trucchetti temporali sarebbero stati sufficienti; ma dopo la quinta o sesta volta, diventano noiosi, se non addirittura esasperanti. Questo espediente serve la trama, garantendo adeguati colpi di scena inaspettati, ma allo stesso tempo facendo un grave torto al personaggio principale. La colpa più grossa è infatti forse quella sprecare una ghiotta occasione per costruire una nuova forte eroina. Mentre Charlize Theron e Jennifer Lawrence avevano elevato i film del 2017 e 2018 grazie alle loro solide perfomance davanti alla mdp, Anna è solamente la prima prova da protagonista per la pur tenace Sasha Luss, che in precedenza è apparsa soltanto in un cammeo in Valerian. Semplicemente, la modella russa non ha il carisma delle colleghe vincitrici dell’Oscar, lasciando la personalità sulle spalle di Helen Mirren, Ciallian Murphy e Luke Evans, che tuttavia hanno ben poco materiale su cui lavorare.

Il regista francese vuole disperatamente che Anna sia una protagonista complessa e stratificata, al punto che la sua sceneggiatura la paragona apertamente a una matrioska russa (è una spia, un’amante, una modella, una assassina, ecc.), ma a parte i suoi vari lavori e passatempi, o mostrandola mentre ammazza di botte innumerevoli avversari, la protagonista fa poco più che galleggiare verso dove la storia la porta. E che Luc Besson tratti Anna come un  lussurioso giocattolino dato in premio ai suoi ‘superiori’ per ridicole scene di sesso, non aiuta certo a rafforzare il personaggio.

Insomma, quello che avrebbe potuto essere un intrigante film di spionaggio con un tocco europeo ad alto budget (è costato circa 35 milioni di dollari), si rivela un semplice passatempo di maniera, che punta quasi tutto sulla pruriginosità scatenata dalla sua protagonista.

In attesa di capire quando arriverà nei nostri cinema (l’uscita era prevista per lo scorso giugno …), di seguito trovate il trailer internazionale (per meglio apprezzare le voci originali) di Anna:

accerchiato film van damme
Azione & Avventura

La recensione concisa | Accerchiato di Robert Harmon

di Marco Tedesco

Nel 1993, Jean-Claude Van Damme e Rosanna Arquette erano al centro di un action drama dal sapore curiosamente western

Leggi
mark hamill luke episodio 8 star wars
Azione & Avventura

34 cose da sapere su Mark Hamill

di Redazione Il Cineocchio

Curiosità e aneddoti sulla vita pubblica e privata dell'attore, storico volto della saga di Star Wars ma anche doppiatore e molto altro

Leggi
fumio demura e pat morita karate kid
Azione & Avventura

Dossier | Fumio Demura, il ‘vero’ Mr. Miyagi della saga di Karate Kid (ed è nei film!)

di Marco Tedesco

Il maestro di arti marziali giapponese, classe 1938, è al centro di alcuni gustosi retroscena presentati in un documentario dedicato alla saga con Noriyuki "Pat" Morita e Ralph Macchio

Leggi
big octopus film 2020 cina
logan lucky soderbergh film
Azione & Avventura

La Truffa dei Logan | La recensione del film di Steven Soderbergh

di William Maga

Daniel Craig, Channing Tatum, Adam Driver sono i protagonisti di un heist movie dissacrante e rocambolesco che sovverte i canoni della trilogia Ocean's

Leggi