Home » Cinema » Horror & Thriller » Recensione story | Il Profumo della Signora in Nero di Francesco Barilli

6/10 su 25 voti. Titolo originale: Il profumo della signora in nero, uscita: 29-03-1974. Regista: Francesco Barilli.

Recensione story | Il Profumo della Signora in Nero di Francesco Barilli

di Sabrina Crivelli

Mimsy Farmer è la disturbata protagonista del sottovalutato thriller psicologico del 1974, memorabile anche per il truce e inaspettato finale

Con l’arrivo dell’ottimo Hereditary – Le Radici del Male di Ari Aster (la nostra recensione), torna in sala l’horror incentrato sui culti satanici e sui loro adepti. Al film, dalla realizzazione impeccabile ma che risente palesemente dell’influsso di diversi predecessori (come tranquillamente ammesso dal regista stesso), è stata riconosciuta – e da alcuni criticata – l’affinità con alcune pietre miliari del filone, primo tra tutti Rosemary’s Baby – Nastro rosso a New York di Roman Polański. Se il capolavoro del 1968 ha indubbiamente dei punti in comune con Hereditary, esiste però anche nella cinematografia italiana un titolo – probabilmente a molti sconosciuto – incredibilmente affine e sempre incentrato sul medesimo soggetto: Il Profumo della Signora in Nero, scritto e diretto da Francesco Barilli nel 1974.

Protagonista è una giovane donna, l’affascinante Silvia Hacherman (una notevole Mimsy Farmer, che molto ricorda la Mia Farrow di Rosemary’s Baby). Orfana dopo la misteriosa morte della madre, la ragazza ha all’apparenza una vita normale, ricopre un posto di rilievo in un’azienda farmaceutica e ha un avvenente fidanzato, Roberto (Maurizio Bonuglia). Tutto sembra quindi procedere per il meglio, quando d’improvviso, a una cena, un professore di sociologia specializzato negli usi e costumi africani, Andy (Jho Jhenkins), inizia a parlare ai suoi ospiti del culto delle messe nere, che dichiara essere ancora attivo nel continente, lasciando profondamente turbata Silvia. A partire da quel momento, la ragazza inizia ad esperire una serie di fenomeni inquietanti, vede comparire d’improvviso una donna vestita di nero e una bambina, inizia ad avere numerose allucinazioni e a rivivere alcuni momenti drammatici del suo passato. La sua condizione psichica degenera velocemente, fino a divenire un’intensa psicosi, la cui origine non è tuttavia nel suo passato, ma in un rituale di cui è inconsapevole vittima.

Denso di tensione e con non poco sangue, Il Profumo della Signora in Nero (il cui titolo è un omaggio a Le parfum de la dame en noir di Marcel L’Herbier del 1931) tanto ha in comune con il già citato horror di Roman Polański, nella creazione della tensione, nella sospensione tra realtà e psicologico, nel delineare le tese dinamiche tra la protagonista / vittima designata di un’oscura congiura e coloro che contro di lei tramano, gli insospettabili vicini, gli amici, perfino il compagno. Se da un lato, dunque, è decisamente simile al predecessore, ci sono anche non poche differenze. Thriller psicologico dominato da uno sviluppo conturbante e allucinatorio, emergono nelle sequenze una serie di fantasmi dal passato di Silvia, di miraggi e di visioni funeste, che in parte ricordano per l’indefinibilità tra realtà e delirio Venezia… un dicembre rosso shocking, ma con un epilogo meno surreale e al contempo più scioccante dell’omicidio con cui si concludeva solo un anno prima il film di Nicolas Roeg. Difatti, memorabile e particolarmente scabroso è il suicidio della protagonista, al culmine di una grave nevrosi che la porta a rivivere un evento traumatico dell’infanzia. Ossessionata dalla visione di una bambina – proiezione di lei stessa -(Daniela Barnes, che reciterà poi ancora minorenne nel controverso Maladolescenza del 1977 con lo pseudonimo di Lara Wendel) e della madre mentre si spruzza un profumo e poi viene posseduta da un uomo viscidissimo, Silvia precipita lentamente nella follia, fino a buttarsi giù dal terrazzo della sua abitazione. Tuttavia, scoperta sconvolgente, una volta che la giovane è morta, assistiamo a un funesto sabba in cui tutti coloro che lei conosceva e di cui si fidava, Roberto, il sig. Rossetti (Mario Scaccia), una coinquilina e pure Andy, dopo averla brandito un grosso coltello, la sventrano e ne mangiano un organo o un brandello di carne. Il tutto è descritto con macabra minuzia, come se ciascun adepto attendesse il proprio turno in questo banchetto satanico che certo è la perversione della comunione cattolica, in cui i fedeli accettano il Corpus Christi.

Tuttavia, a lasciar nello spettatore un profondo senso di inquietudine non è solo il cruento apice in cui si consuma un blasfemo rito di antropofagia, ma il modo in cui l’intero Il Profumo della Signora in Nero è sviluppato. Così il mondo tangibile si confonde con l’emisfero della mente, i ricordi con il presente in un turbinio di immagini e sensazioni. L’afa quasi tangibile dell’estate romana filtra l’immagine filmica rendendola vaga, nebulosa, come se dal caldo e dall’umidità emergessero una teoria di spettri, che poi nel tremolio dell’aria svaniscono. Atmosfera metafisica degna d’un quadro di Giorgio de Chirico, le strade semi deserte di giorno, e ancor più di notte, sembrano sospese in un universo quasi surreale, effetto che trasmette la fotografia degli esterni di Mario Masini (che nel 1976 vinse a Cannes la Palma d’Oro con Padre Padrone di Paolo e Vittorio Taviani). Gli interni, d’altro canto, celano nell’ombra sinistre e indefinite presenze, come la donna seduta in un angolo oscuro della stanza di Roberto che Silvia scorge in uno specchio quando va a cercarlo. Sovente Francesco Barilli ricorre all’inquadratura dell’immagine riflessa in una superficie specchiata, come nella scena topica dell’interrogazione di una medium (Nike Arrighi); tuttavia, si tratta di un inganno dello sguardo e della mente … Il pubblico è allora immerso in questo mondo tra materia e sogno, quello esperito dalla protagonista, che sempre più si tramuta in un incubo infantile che emerge crudele nell’età adulta. Cupamente nostalgico, ad acuire il senso di angoscia che dalla sventurata vittima designata si propaga allo spettatore è la colonna sonora di Nicola Piovani (che nel 1999 vincerà il premio Oscar per La vita è bella di Roberto Benigni), con le sue note melanconiche e a tratti stridenti di violino.

Il Profumo della Signora in Nero riesce così sino al finale, inaspettato e di certo ad effetto, a lasciare chi guarda in bilico sulla vera natura di ciò che è stato messo in scena. Sarà stato tutto un delirio di Silvia, o sarà invece realtà? Gli indizi di cui sono disseminati i dialoghi sibillini e alcuni momenti topici, gli sguardi e i gesti ambigui dei personaggi con cui la donna ha a che fare, fino alle vere e proprie allucinazioni, tutto concorre a creare questo stato d’incertezza, portata sapientemente avanti fino all’ultimo istante. A coronare la pellicola è la performance di Mimsy Farmer, inizialmente timida e stranita, quasi in balìa degli eventi, ma la sua recitazione presto cambia nettamente una volta dominata dalla pazzia, che la porta a compiere, almeno all’apparenza, una serie di efferati gesti e quindi a togliersi la vita.

Di seguito trovate il trailer originale:

Horror & Thriller

Recensione Sitges 51 | 7 sconosciuti a El Royale di Drew Goddard

di
Sabrina Crivelli

Il regista dell'arguto 'Quella Casa nel Bosco' torna dietro alla mdp per un thriller alla Tarantino dal sapore 60s, che gioca con gli stereotipi ma finisce per essere troppo derivativo

Leggi
Horror & Thriller

Il trailer di Monster Party scatena la furia omicida di Julian McMahon

di
Redazione Il Cineocchio

Una rapina in villa finisce molto male nell'horror diretto da Chris von Hoffmann, in cui a sporcarsi le mani di sangue ci sarà anche Robin Tunney

Leggi
Horror & Thriller

Trama e poster per Between Worlds, revenge movie soprannaturale con Nicolas Cage

di
Redazione Il Cineocchio

La star ha lavorato al fianco di Franka Potente nel film di produzione spagnola diretto dalla regista Maria Pulera

Leggi
Horror & Thriller

Nel trailer di The Clovehitch Killer, Dylan McDermott è un padre perfetto con un lato oscuro

di
Redazione Il Cineocchio

Il regista Duncan Skiles racconta la faccia nascosta dell'America in un thriller che vede tra i protagonisti anche Charlie Plummer e Samantha Mathis

Leggi
Horror & Thriller

John Carpenter su Halloween: “Rendere fratelli Laurie e Michael Myers fu uno sbaglio dettato dall’alcol”

di
Redazione Il Cineocchio

A 40 anni di distanza, il regista ha ripensato allo spiazzante colpo di scena del primo film, inserito controvoglia nella versione destinata alla TV americana e poi formalizzato nel secondo capitolo

Leggi
Horror & Thriller

Nel trailer di Escape Room, risolvi enigmi e trova indizi o muori

di
Redazione Il Cineocchio

Logan Miller e Deborah Ann Woll tra gli sconosciuti costretti dal regista Adam Robitel a partecipare a un crudele gioco contro il tempo per salvare le proprie vite

Leggi
Horror & Thriller

John Krasinski su A Quiet Place: “Sto scrivendo il sequel e c’è una data di uscita”

di
Redazione Il Cineocchio

L'attore, regista e produttore del fanta-horror campione di incassi ha anche accennato a quelli che potrebbero essere gli argomenti affrontati

Leggi
Horror & Thriller

Recensione Sitges 51 | Piercing di Nicolas Pesce

di
Sabrina Crivelli

Il regista del raggelante The Eyes of My Mother torna dietro alla mdp per dirigere Mia Wasikowska e Christopher Abbott nel perverso e straniante adattamento del romanzo di Ryû Murakami

Leggi
Horror & Thriller

Nel trailer di La Llorona – Le lacrime del male, la ‘donna che piange’ va a caccia di bambini

di
Redazione Il Cineocchio

Il regista Michael Chaves debutta sul grande schermo con un film che intende lanciare una nuova icona horror, prodotto da James Wan e interpretato da Linda Cardellini

Leggi
Horror & Thriller

John Carpenter: “Stanno lavorando su sequel e reboot di Essi Vivono, Christine e Il Signore del Male”

di
Redazione Il Cineocchio

Il regista 70enne ha rivelato che - dopo Halloween - gli studi di Hollywood sono intenzionati a 'saccheggiare' ancora la sua fortunata produzione degli anni '80

Leggi
Horror & Thriller

Esclusivo | Abbiamo visto i primi 20′ di Glass + incontro carriera con M. Night Shyamalan ricco di aneddoti

di
Alessandro Gamma

Al Festival di Sitges il regista ci ha parlato della sua ultima fatica, ma anche ripensato ad Unbreakable, Split e il Sesto Senso, parlando delle sue paure e del fondamentale bisogno di libertà espressiva a ogni costo

Leggi
Horror & Thriller

Mike Flanagan: “In ogni episodio di Hill House ho nascosto fantasmi in bella vista, ma c’è un motivo”

di
Redazione Il Cineocchio

Il regista dell'adattamento per il piccolo schermo del celebre romanzo horror di Shirley Jackson ha rivelato di aver imbottito la serie originale di Netflix di Easter Egg, anche dei suoi precedenti film, spiegandone la ragione

Leggi
Horror & Thriller

Recensione Sitges 51 | Galveston di Mélanie Laurent

di
Sabrina Crivelli

Elle Fanning e Ben Foster sono i protagonisti assai poco adatti di un crime drama dai toni cupi e dal ritmo estenuante, che adatta un romanzo di Nic Pizzolatto

Leggi
Horror & Thriller

Recensione Sitges 51 | Under the Silver Lake di David Robert Mitchell

di
Sabrina Crivelli

Il regista di 'It Follows' torna dietro alla mdp un noir moderno ambizioso ma pasticciato e sovraccarico di elementi, in cui Andrew Garfield non brilla nei panni dell'inadeguato protagonista

Leggi
Horror & Thriller

Recensione Sitges 51 | Zombie contro Zombie di Shinichiro Ueda

di
William Maga

Il regista giapponese si fa beffe dell'industria cinematografica realizzando un film sui non morti irriverente che racconta con ironia problemi e gioie di una produzione low budget, infilandoci anche un clamoroso piano sequenza di quasi 40 minuti

Leggi
Euforia

Euforia

T. originale: Euforia

Data di uscita: 25-10-2018

Voto medio: 0 su 0 voti
Angel Face

Angel Face

T. originale: Gueule d'ange

Data di uscita: 25-10-2018

Voto medio: 7 su 20 voti
7 Sconosciuti a El Royale

7 Sconosciuti a El Royale

T. originale: Bad Times at the El Royale

Data di uscita: 25-10-2018

Voto medio: 6 su 75 voti

RECENSIONE

Halloween

Halloween

T. originale: Halloween

Data di uscita: 25-10-2018

Voto medio: 6 su 75 voti

RECENSIONE

Disobedience

Disobedience

T. originale: Disobedience

Data di uscita: 25-10-2018

Voto medio: 6 su 211 voti
Fahrenheit 11/9

Fahrenheit 11/9

T. originale: Fahrenheit 11/9

Data di uscita: 22-10-2018

Voto medio: 6 su 10 voti
In viaggio con Adele

In viaggio con Adele

T. originale: In viaggio con Adele

Data di uscita: 18-10-2018

Voto medio: 0 su 0 voti
Nessuno come noi

Nessuno come noi

T. originale: Nessuno come noi

Data di uscita: 18-10-2018

Voto medio: 0 su 0 voti
Le ereditiere

Le ereditiere

T. originale: Las herederas

Data di uscita: 18-10-2018

Voto medio: 8 su 2 voti
Searching

Searching

T. originale: Searching

Data di uscita: 18-10-2018

Voto medio: 7 su 281 voti
The Children Act - Il verdetto

The Children Act - Il verdetto

T. originale: The Children Act

Data di uscita: 18-10-2018

Voto medio: 7 su 74 voti
Piccoli Brividi 2 - I fantasmi di Halloween

Piccoli Brividi 2 - I fantasmi di Halloween

T. originale: Goosebumps 2: Haunted Halloween

Data di uscita: 18-10-2018

Voto medio: 6 su 16 voti
Pupazzi senza gloria

Pupazzi senza gloria

T. originale: The Happytime Murders

Data di uscita: 18-10-2018

Voto medio: 5 su 58 voti
Soldado

Soldado

T. originale: Sicario: Day of the Soldado

Data di uscita: 18-10-2018

Voto medio: 6 su 569 voti

RECENSIONE

Il saluto - La storia che nessuno ha mai raccontato

Il saluto - La storia che nessuno ha mai raccontato

T. originale: Salute

Data di uscita: 16-10-2018

Voto medio: 5 su 3 voti
Ville Neuve

Ville Neuve

T. originale: Ville Neuve

Data di uscita: 15-10-2018

Voto medio: 0 su 0 voti
Mirai

Mirai

T. originale: 未来のミライ

Data di uscita: 15-10-2018

Voto medio: 7 su 12 voti

RECENSIONE

La fuitina sbagliata

La fuitina sbagliata

T. originale: La fuitina sbagliata

Data di uscita: 11-10-2018

Voto medio: 7 su 11 voti
L'apparizione

L'apparizione

T. originale: L'Apparition

Data di uscita: 11-10-2018

Voto medio: 6 su 30 voti
Il complicato mondo di Nathalie

Il complicato mondo di Nathalie

T. originale: Jalouse

Data di uscita: 11-10-2018

Voto medio: 6 su 74 voti
Johnny English colpisce ancora

Johnny English colpisce ancora

T. originale: Johnny English Strikes Again

Data di uscita: 11-10-2018

Voto medio: 6 su 166 voti
Zanna Bianca

Zanna Bianca

T. originale: Croc-Blanc

Data di uscita: 11-10-2018

Voto medio: 7 su 23 voti
Quasi Nemici - L'importante è avere ragione

Quasi Nemici - L'importante è avere ragione

T. originale: Le Brio

Data di uscita: 11-10-2018

Voto medio: 7 su 285 voti
A-X-L - Un'amicizia extraordinaria

A-X-L - Un'amicizia extraordinaria

T. originale: A.X.L.

Data di uscita: 11-10-2018

Voto medio: 4 su 32 voti
The Predator

The Predator

T. originale: The Predator

Data di uscita: 11-10-2018

Voto medio: 5 su 595 voti

RECENSIONE

A Star Is Born

A Star Is Born

T. originale: A Star Is Born

Data di uscita: 11-10-2018

Voto medio: 7 su 738 voti
Il banchiere anarchico

Il banchiere anarchico

T. originale: The Anarchist Banker

Data di uscita: 10-10-2018

Voto medio: 0 su 0 voti
Titolo Data Regista

Ghost Stories - (Limited Edition) (Blu-Ray+Booklet)

07/09

Jeremy Dyson, Andy Nyman

L'Isola Dei Cani (Blu-Ray)

13/09

Wes Anderson

The Strangers - Prey At Night (Blu-Ray)

13/09

Johannes Roberts

Ready Player One (Blu-Ray)

13/09

Steven Spielberg

La Truffa Dei Logan (Blu-Ray)

13/09

Steven Soderbergh

Manhunt (Blu-Ray)

20/09

John Woo

The Carpenter'S House (Dvd)

21/09

Brace Beltempo

Creepy Tales Of Pizza And Gore (Dvd)

21/09

Lorenzo Fassina

Mad In Italy (Dvd)

21/09

Paolo Fazzini

Milza Man (Dvd)

21/09

Vincenzo Campisi, Antonio Vezzari, Arturo Volpes