Home » Cinema » Horror & Thriller » The Banishing | La recensione del film horror di Christopher Smith (Sitges 53)

7/10 su 1 voti. Titolo originale: The Banishing , uscita: 22-06-2020. Regista: Christopher Smith.

The Banishing | La recensione del film horror di Christopher Smith (Sitges 53)

14/10/2020 recensione film di Sabrina Crivelli

Il regista inglese si cimenta con la ghost story con diligenza, ma seguendo un po' troppo strade già battute

the banishing film 2020 horror

Le case infestate sono l’ambientazione perfetta per un film horror. Decine e decine di titoli hanno eletto una qualche sinistra magione a sfondo per terrificanti storie di fantasmi o demoni. Intere saghe, come quella iniziata nel 1979 da Amityville Horror di Stuart Rosenberg (la nostra riflessione), popolari franchise recenti come The Conjuring, serie televisive di successo quali Hill House (la recensione) o indie densi d’atmosfera tra cui Sono la bella creatura che vive in questa casa di Osgood Perkins (la recensione) si basano sul tale proficuo e affascinante concept. A volte il risultato è notevole, altre un po’ più deludente. Qualsiasi sia poi il valore di per sé, quasi sempre si rischia di ricadere nell’inevitabile ‘già visto’.

E per The Banishing, l’inglese Christopher Smith scegli di approcciarsi alla ghost story nel modo più classico possibile. Nonostante, difatti, sia ben confezionato e recitato, e vanti un paio di sequenze di notevole impatto visivo, non può desumersi dal riproporre il consueto repertorio di scricchiolii, oggetti che si spostano da soli, sussurri, bambini dai comportamenti sinistri e ombre che appaiono improvvisamente alle spalle. Il tutto collocato in una trama che, peraltro, presenta diversi punti poco chiari.

The Banishing posterProtagoniste di The Banishing (che sarebbe ispirato, come molte altre storie di fantasmi, a fatti realmente accaduti) sono Marianne  (Jessica Brown Findlay, Downton Abbey) e la figlioletta Adelaide (Anya McKenna-Bruce), che raggiungono il nuovo marito di lei, il reverendo Linus (John Heffernan) in una enorme e tetra magione. Il luogo ha un sinistro passato, ma la donna non sospetta nulla, almeno finché la figlia non inizia a comportarsi in modo davvero strano, una serie di inspiegabili eventi si succedono ed entrambi hanno agghiaccianti visioni. Cosa si celerà tra le mura domestiche e cosa avrà in serbo per la famiglia che è andata ad abitare tra quelle mura maledette?

Gli stereotipi del sottogenere infarciscono letteralmente The Banishing, e non manca quasi nulla alla lista. Anzitutto c’è l’ingrediente fondamentale: una casa antica con tanto di labirintici e bui sotterranei in pietra in cui perdersi. Abbiamo la madre che lotta per salvare la propria bambina da una presenza maligna che vuole possederla. Abbiamo un campionario di ‘oggetti classici’ del terrore tra cui bibbie profanate, bambole decisamente inquietanti trovate nella stanza dei giochi (con tanto di occhi cavati) e specchi ‘spiritati’ che favoriscono la messa in scena di sequenze adeguatamente paranormali.

Anche il canovaccio di The Banishing è il solito. Una famigliola ignara si trasferisce nel luogo infestato con alle spalle una storia di efferatezze, omicidi o altri vari ed eventuali fatti di sangue. Le forze che lì risiedono iniziano così a manifestarsi, prima in maniera blanda, con qualche rumore e poco più, poi con apparizioni sempre più violente e terrificanti. Di norma, uno o più membri tra gli avventori viene attaccato – posseduto – e preso di mira. Un soggetto esterno (un prete, un mago, uno stregone, una medium ecc.) arriva in aiuto degli sventurati. In ultimo, in base al grado di nichilismo che contraddistingue il regista e lo sceneggiatore e a quanto si miri a rendere il film ‘commerciale’ (i lieti fine lo sono storicamente di più), il Bene trionfa sul Male, oppure soccombe.

Può sembrare uno schema un po’ semplicistico, ma le regole dei titoli sulle case infestate sono scritti nella pietra da decenni ormai, prendere o lasciare. Per fortuna ci sono le eccezioni e qualche particolarità a differenziare un’opera dall’altra. The Banishing, dal canto suo, opta per una insolita ambientazione novecentesca (sul profilarsi della Seconda Guerra Mondiale) e, al contrario di molti altri ‘cugini’, si mostra decisamente critico verso gli esponenti della Chiesa, mentre a salvare la situazione è, curiosamente, un occultista dai capelli rossi che la sa molto lunga.

the banishing film 2020Se a livello visivo Christopher Smith e il direttore della fotografia Sarah Cunningham (Flatland) si comportano adeguatamente, immergendo la casa e i oscuri meandri di luce fioca, è piuttosto la sceneggiatura scritta da David Beton e Ray Bogdanovich a presentare svariati problemi.

Non solo la struttura di The Banishing è – come detto – piuttosto ‘usurata’, ma i caratteri più distintivi (i truci monaci torturatori, l’esperto di occulto, il lato oscuro della Chiesa, il nazismo sullo sfondo) restano abbozzati, senza che vengano fornite le necessarie spiegazioni o un approfondimento sul come o il perché, generando così non pochi dubbi che sarebbe stato importante fugare.

Poco può allora l’impeccabile cast principale composto da Jessica Brown Findlay, Anya McKenna-Bruce e John Heffernan che, pur mettendocela tutta nel restituire sensazioni e stati d’animo di una situazione sempre più inspiegabile, deve fare i conti con una scrittura convenzionale e che avrebbe potuto calcare maggiormente la mano nel tratteggiare i cattivi (o presunti tali). Non aiuta nemmeno il blando messaggio femminista di cui la protagonista, madre fiera di un figlio concepito al di fuori del matrimonio, si fa portatrice. Anche qui, la problematica è affrontata in maniera un po’ troppo semplicistica; senza contare poi alcune note ‘complottiste’ di cui il patriarcato ecclesiastico si sarebbe reso colpevole in diverse epoche.

Jessica Brown Findlay in The Banishing (2020)Quello che, invece, funziona maggiormente è, oltre alla parsimonia nel ricorrere ai jumpscare, l’uso intelligente di sfalsamenti spazio-temporali (storicamente cari a Christopher Smith, vedi Triangle e Detour – Fuori Controllo). Ad esempio, una delle sequenza più riuscite di The Banishing vede Marianne inseguire il suo doppio in un corridoio di notte, mentre in un’altra i fotogrammi si ripetono a simulare uno sdoppiamento nel continuum. Siano essi visioni febbrili, angoscianti premonizioni oniriche, oppure veri e propri shift dovuti alla malevola incursione del fantasmatico nel mondo fisico, il risultato lascia spaesati e colpiti.

Allo stesso modo, alcuni scene, soprattutto quelle che coinvolgono i sinistri monaci che infestano la casa, non possono che risultare inquietanti. Una serie di figure incappucciate circonda il letto di Adelaide nel mezzo della notte e la osserva nel sonno, oppure in un’allucinazione cosciente i medesimi individui, maggiori in numero, fluttuano a metri da terra in maniera innaturale (e così via); sono pochi fotogrammi, ma generano subito la giusta tensione.

In definitiva, abbiamo fotografia, regia, montaggio e recitazione di buon livello, un’ambientazione è suggestiva e carica di atmosfere, ma la storia è estremamente banale, con una scarsa attenzione per i particolari. Insomma, The Banishing non ha niente di meno – e forse addirittura qualcosa di più – di qualsiasi altro titolo riconducibile al tentacolare universo horror creato da James Wan, ma quasi certamente non avrà nemmeno di quei successi.

Di seguito trovate il trailer internazionale:

The toll main
Horror & Thriller

The Toll | La recensione del film horror di Michael Nader (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Jordan Hayes e Max Topplin sono i protagonisti di un'opera che gioca con gli stereotipi del genere, divertendosi a spiazzare con le aspettative del pubblico

Leggi
Post Mortem-3
Horror & Thriller

Post Mortem | La recensione del film horror di Péter Bergendy (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Un'ambientazione ungherese primo novecentesca molto suggestiva viene sprecata da una regia che opta per effetti speciali bizzarri e da una sceneggiatura troppo vaga

Leggi
lockdown all'italiana film ezio greggio 2020
Azione & Avventura

Lockdown all’italiana | La recensione del film (poco comico) di Enrico Vanzina

di Giovanni Mottola

Il regista, qui all'esordio dietro alla mdp, rivendica giustamente il diritto alla commedia, ma non ne assolve al dovere, realizzando un'opera che non fa ridere mai

Leggi
the haunting of bly manor serie 2020 fantasma
Horror & Thriller

The Haunting of Bly Manor: un video svela tutti i fantasmi nascosti negli episodi

di Redazione Il Cineocchio

Anche per la seconda stagione dello show di Netflix, Mike Flanagan ha celato in bella vista molti spettri

Leggi