Home » Cinema » Horror & Thriller » Wounds | Recensione del film horror di Babak Anvari con Armie Hammer (su Netflix)

4/10 su 189 voti. Titolo originale: Wounds, uscita: 26-01-2019. Regista: Babak Anvari.

Wounds | Recensione del film horror di Babak Anvari con Armie Hammer (su Netflix)

19/10/2019 recensione film di William Maga

A tre anni da Under The Shadow, il regista iraniano è tornato dietro alla mdp per un'opera irrisolta, che ad interessanti slanci ripugnanti affianca una ostile recitazione catatonica di Dakota Johnson

wounds film 2019 babak

Con la metà di ottobre, siamo entrati in quel periodo dell’anno in cui TV e piattaforme di streaming si preparano all’arrivo della notte di Halloween riempiendo il palinsesto / catalogo di film horror. Netflix ovviamente non fa eccezione e così, dopo i modesti Eli (la recensione) e Influenza Maligne (la recensione) ha provveduto a inserire nella sua offerta agli abbonati anche il body horror demoniaco Wounds, già presentato in anteprima a inizio anno al Sundanceounds. Quest’ultimo esce alla fine di questa settimana e genera un inquietante orrore corporeo a cui i fan possono dimenarsi.

Quando un barista di New Orleans, Will (Armie Hammer), si porta a casa un cellulare perduto da alcuni ragazzi nel suo locale dopo lo scoppio di una violenta una rissa, iniziano a succedergli cose inquietanti e misteriose, collegate alla scoperta di alcune terribili immagini e video racchiuse proprio nel telefono. Questa la premessa minima dell’opera seconda – e molto attesa – basata sul racconto The Visible Filth di Nathan Ballingrud del regista iraniano Babak Anvari dopo l’acclamato Under The Shadow – L’ombra della paura del 2016 (la recensione).

wounds film poster netflix 2019 babakSarebbe facile classificare Wounds come una assurda (in tutti i sensi) perdita di tempo, ma è nostro compito – e tradizione – provare a raccontare in più dello spazio con cui di solito si scrive un post su Facebook il perché un dato titolo si o meno consigliabile. Innanzitutto, gli spettatori più sensibili alla vista degli scarafaggi potrebbero rimanere ‘turbati’ dalla visione, in quanto tali insetti vengono mostrati quando c’è qualcosa che non va, a mo’ di presagio. E come dice uno dei personaggi all’inizio, dove ce n’è uno, ce ne sono migliaia che dentro ai muri …

Anche se non sono certo secondari, è però il telefonino al centro del lungometraggio. Dopo averlo portato a casa infatti, Will – che trova agilmente il codice per sbloccarlo – invia un messaggio a uno degli studenti del college per dirgli che lo ha lui e di tornare a riprenderlo. Tuttavia, mentre il telefono è in suo possesso, l’uomo inizia a ricevere strani messaggi inviati al proprietario. Messaggi che raccontano di ‘qualcosa’ che li perseguita, fotografie di denti dentro a pozze di sangue e, in definitiva, inquietanti scorci di ciò che dovrebbe attendere il protagonista.

Se c’è un pregio in Wounds, è che fare affidamento su jumpscare consegnati attraverso un cellulare consente un distacco tale da farli sembrare meno il solito trucchetto spicciolo per spaventare all’improvviso e più come vere e proprie rivelazioni di terrore puro e stordente. Ciò detto, l’orrore nel film dovrebbe provenire dal guardare Will perdere poco a poco, ma inesorabilmente, la ragione, mentre gli scarafaggi iniziano a moltiplicarsi intorno – a addosso – a lui, intanto che suoni ineffabili lo stordiscono e inizia a mettere in discussione la stessa realtà che lo circonda.

A parte questo, le ferite del titolo sono rese in modo disgustosamente reale. Da Will che fa visita al suo amico ferito da un coccio di bottiglia alla guancia a quelle che si aprono nel corpo del protagonista nel corso del film, non mancano i dettagli ‘succosi’ per gli amanti di questo genere di cose, come pure Babak Anvari non si tira indietro quando ci sono da filmare macabre scene snuff. E se i dialoghi sono spesso piatti o ridicolo, questo indugiare nella mutilazione corporea, per qualche ragione, rende Wounds interessante.

wounds film 2019 babakL’opera del regista iraniano è piena di squarci affascinanti – bulbi oculari sfigurati, oscuri tunnel ultraterreni, misterici libri simili al Necronomicon -, ma piuttosto che sviluppare queste idee agghiaccianti, sceglie di continua semplicemente ad aggiungere qualcos’altro di nuovo. Il risultato è che lo spettatore rimane con un pungo di immagini promettenti, ma lasciate a metà cottura. A parte l’orrore cosmico, Babak Anvari è chiaramente interessato a prendere in esame il machismo tossico attraverso il velo dell’orrore, ma la sceneggiatura decide di non approfondire. Armie Hammer è uno stronzo e, sostanzialmente, deve essere punito. Questo è tutto.

Il problema più grande di cui soffre Wounds è comunque la mancanza di buon senso nei suoi personaggi, principalmente la Carrie interpretata dalla catatonica Dakota Johnson, la fidanzata di Will, che riconoscono un pericolo ma sono incapaci di agire adeguatamente. Se la ragazza sembra inizialmente la più intelligente del gruppo, spingendo Will ad andare alla polizia, la performance dell’attrice vista in Suspiria entra in crisi quando si tratta di svoltare a livello emotivo. Uno degli obiettivi più importanti da raggiungere per un horror è riuscire a costruire una forte connessione empatica ai personaggi sullo schermo, che consenta alla spettatore di provare qualcosa per loro e la loro sorte.

Dakota Johnson e Armie Hammer in Wounds (2019)Purtroppo, non che sia una sorpresa, la voce (in originale) di Dakota Johnson suona allo stesso modo sia quando è spaventata che quando è arrabbiata o altro, sempre pacata e monotona. Una recitazione che risalta ancor di più specie considerato che dall’altra parte abbiamo una performance molto emotiva di Armie Hammer. Urla, è rabbioso e mentre sta perdendo la testa, ha paura. Eppure, nonostante questo sforzo, Will non è nemmeno per un minuto un tipo piacevole o simpatico, e l’attore fa di tutto per renderlo tale.

L’inclusione della dinamica “tradirà o non tradirà” con la Alicia interpretata da Zazie Beetz (Deadpool 2) aggiunge una vaga spinta dinamica che rende ulteriormente semplice schierarsi contro di lui, e detestarlo, augurandogli quello che gli sta succedendo. Le sue insicurezze, il suo egoismo, sono al centro di tutto, alimentando le sue azioni prima – e dopo – che il telefonino maledetto è entrato nella sua vita.

In ogni caso, Babak Anvari inzuppa Wounds nel soprannaturale per determinare la follia di Will e l’apertura di ferite sul suo corpo, e per come intende esplorare il male che è entrato nella sua esistenza e nella sua casa. Wounds non si colloca comodamente in un certo sottogenere, è psicologico sì, ma presto il film si focalizza sugli elementi soprannaturali, più alla The Ring e meno alla Bug – La paranoia è contagiosa. Se la scelta non è disprezzabile, resta il fatto che provochi una interruzione nel tono della narrazione.

Ugualmente, negli ultimi minuti la follia esplode libera e, quando Wounds, non si ha ben chiaro così si è appena visto (vi rimandiamo al nostro approfondimento per la spiegazione). Intanto che ci si riflette su, andare al supermercato e prendere una bomboletta di insetticida potrebbe non essere una cattiva idea.

Di seguito il trailer internazionale di Wounds, nel catalogo di Netflix da 18 ottobre:

Armie Hammer
Dakota Johnson
Zazie Beetz
Karl Glusman
Brad William Henke
Kerry Cahill
Ritchie Montgomery
Lawrence Turner
Jim Klock
Martin Bats Bradford
Xena Zeit-Geist
Alexander Biglane
Christin Rankins
Ben Sanders
Terence Rosemore
Luke Hawx
Creek Wilson
Kevin Beard
Kermit Burns III
Cami Roebuck
Matthew Underwood
Horror & Thriller

Motherless Brooklyn – I Segreti di una città | Recensione del film noir di – e con – Edward Norton

di William Maga

La star 50enne porta al cinema l'adattamento del romanzo di Jonathan Lethem, mantenendosi estremamente ligio agli stilemi del genere noir e catalizzando su di se tutta l'attenzione

Leggi
Horror & Thriller

Dove la terra trema | Recensione del film di Wash Westmoreland con Alicia Vikander (su Netflix)

di William Maga

Il regista dirige l'adattamento del romanzo di Susanna Jones, optando per uno 'studio del personaggio' piuttosto che su un thriller ossessivo in senso classico

Leggi
countdown film horror 2019
Horror & Thriller

Countdown | Recensione del film horror di Justin Dec con la App che predice l’ora della morte

di William Maga

Il regista pesca da Final Destination e da The Ring per costruire una malandata opera derivativa PG-13 che spaventa poco e diverte meno

Leggi
VERTIGO - LA DONNA CHE VISSE DUE VOLTE di Alfred Hitchcock
Horror & Thriller

Trailer per La donna che visse due volte: nei cinema l’edizione 4K del classico di Alfred Hitchcock

di Redazione Il Cineocchio

Il film del 1958 con Kim Novak e James Stewart è pronto a stupire nuovamente gli spettatori italiani dopo il restauro per i 60 anni

Leggi
curon serie netflix
Horror & Thriller

Curon: teaser, trama e cast per la serie mistery di Netflix girata sul Lago di Resia

di Redazione Il Cineocchio

L'evocativo campanile sommerso del XIV secolo fa da scenario allo show originale scritto da Ezio Abbate (Suburra - La serie)

Leggi
Horror & Thriller

Red band trailer per A Million Little Pieces: la rehab e irta di allucinazioni per Aaron Taylor-Johnson

di Redazione Il Cineocchio

Nell'adattamento del controverso romanzo di James Frey 'In un milione di piccoli pezzi' ci sono anche Giovanni Ribisi, Juliette Lewis e Charlie Hunnam

Leggi
stefano cardoselli Hellraiser Il Tributo
Horror & Thriller

Esclusivo | Stefano Cardoselli ci parla dei disegni per Hellraiser: Il Tributo, sequel di Schiavi dell’Inferno di Clive Barker

di Alessandro Gamma

L'artista toscano ha realizzato 6 illustrazioni a colori per l'edizione da collezione a tiratura limitata della novella scritta da Mark Alan Miller

Leggi
Horror & Thriller

Dossier | Sarah Connor e Laurie Strode: la riscossa delle eroine che invecchiano ma non mollano

di Sabrina Crivelli

Superati i 60 anni, Linda Hamilton e Jamie Lee Curtis sono ritornate sulle scene per i nuovi capitoli di Terminator e di Halloween, le saghe che hanno lanciato le rispettive carriere, per dimostrare che l'età non è un limite per chi nasce final girl

Leggi
shining versione estesa + annabelle 3 home video
Horror & Thriller

Recensione home video | Shining – Versione Estesa 4K (BD) + Annabelle 3 (DVD)

di Redazione Il Cineocchio

Esaminiamo da vicino le edizioni del classico di Stanley Kubrick del 1980 più lungo di 25 minuti e dell'horror sulla bambola malefica diretto da Gary Dauberman

Leggi
l'immortale film marco d'amore 2019
Horror & Thriller

Full trailer per L’immortale – Il Film, spin-off di Gomorra sul redivivo Ciro Di Marzio

di Redazione Il Cineocchio

Questa volta Marco D'Amore ha fatto tutto da solo, scrivendo la sceneggiatura, recitando e firmando la sua prima regia

Leggi
sono solo fantasmi film 2019
Horror & Thriller

Sono Solo Fantasmi | Recensione del film di – e con – Christian De Sica

di Alessandro Gamma

Carlo Buccirosso e Gianmarco Tognazzi sono i comprimari di un'opera che sotto il becero velo del fu cinepanettone nasconde un inaspettato omaggio alla figura paterna di Vittorio De Sica

Leggi
buffy l'urlo
Horror & Thriller

Sarah Michelle Gellar su Buffy: “Vi rivelo i miei 3 episodi favoriti della serie”

di Redazione Il Cineocchio

L'interprete della 'cacciatrice' nell'amato show di Joss Whedon ha ricordato anche i momenti più complicati del lavoro sul set

Leggi
Horror & Thriller

Recensione libro + Intervista | L’occhio del testimone – Il cinema di Lucio Fulci di Michele Romagnoli

di Alessandro Gamma

Un volume che ripercorre i retroscena di oltre 30 anni di cinema italiano popolare raccontati con onestà e disillusione dal 'terrorista di generi' che li ha affrontati e plasmati in modo indelebile coi suoi film

Leggi
stomach castle freak abrakadabra dvd
Horror & Thriller

Recensione DVD | Stomach + Castle Freak + Abrakadabra

di Redazione Il Cineocchio

Esaminiamo da vicino le edizioni italiane del viscerale horror di Alex Visani, del film di Stuart Gordon del 1995 e dell'omaggio al giallo anni '70 di Luciano e Nicolás Onetti

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per Fantasy Island: la magica Fantasilandia trasforma i desideri in incubi di morte

di Redazione Il Cineocchio

Il film di Jeff Wadlow prodotto dalla Blumhouse stravolge l'assunto alla base della serie anni '80 con Ricardo Montalbán, portando Maggie Q, Lucy Hale e Michael Rooker su un'isola piena di trappole letali

Leggi
Depeche Mode: Spirits in the Forest

Depeche Mode: Spirits in the Forest

21-11-2019

Aspromonte - La terra degli ultimi

Aspromonte - La terra degli ultimi

21-11-2019

Countdown

Countdown

21-11-2019

RECENSIONE

Cetto c'è, senzadubbiamente

Cetto c'è, senzadubbiamente

21-11-2019

The Lodge

The Lodge

21-11-2019

RECENSIONE

Light of My Life

Light of My Life

21-11-2019

RECENSIONE

L'ufficiale e la spia

L'ufficiale e la spia

21-11-2019

RECENSIONE

Citizen Rosi

Citizen Rosi

18-11-2019

The Report

The Report

18-11-2019

Come se non ci fosse un domani

Come se non ci fosse un domani

14-11-2019

Sono solo fantasmi

Sono solo fantasmi

14-11-2019

RECENSIONE

Gamberetti per tutti

Gamberetti per tutti

14-11-2019

The Bra - Il reggipetto

The Bra - Il reggipetto

14-11-2019

Ailo - Un'avventura tra i ghiacci

Ailo - Un'avventura tra i ghiacci

14-11-2019

Pupazzi alla riscossa

Pupazzi alla riscossa

14-11-2019

Le Mans '66 - La grande sfida

Le Mans '66 - La grande sfida

14-11-2019

Zombieland - Doppio colpo

Zombieland - Doppio colpo

14-11-2019

RECENSIONE

Gli uomini d'oro

Gli uomini d'oro

07-11-2019

La belle époque

La belle époque

07-11-2019

Le ragazze di Wall Street - Business Is Business

Le ragazze di Wall Street - Business Is Business

07-11-2019

La famosa invasione degli orsi in Sicilia

La famosa invasione degli orsi in Sicilia

07-11-2019

Attraverso i miei occhi

Attraverso i miei occhi

07-11-2019

Motherless Brooklyn - I segreti di una città

Motherless Brooklyn - I segreti di una città

07-11-2019

RECENSIONE

Parasite

Parasite

07-11-2019

RECENSIONE

Una canzone per mio padre

Una canzone per mio padre

07-11-2019

Deep - Un'avventura in fondo al mare

Deep - Un'avventura in fondo al mare

07-11-2019