21 giugno 2016

Adrián García Bogliano coinvolge Christina Lindberg nel demoniaco Black Circle

Il regista argentino e l’icona del cinema exploitation degli anni ’70 insieme sul set svedese del film

FacebookTwitterPocketInstapaperEmailPrint
21 giugno 2016
Christina Lindberg thriller

Il regista argentino Adrián García Bogliano (Here Comes the Devil, Scherzo Diabolico) ha da qualche giorno iniziato le riprese del suo nuovo horror, Black Circle, ambientato in Svezia. Il progetto segna il ritorno sul grande schermo dell’attrice Christina Lindberg, icona di culto del cinema exploitation degli anni ’70 (L’età della malizia, Thriller), omaggiata già da Quentin Tarantino in Kill Bill.

La trama del film ruota intorno a un fenomeno di possessione demoniaca, collegato a un misterioso disco “motivazionale” inciso negli anni ’70 capace di cambiare il destino di chi lo ascolta. Come ha spiegato Bogliano: «Black Circle affronta l’ossessione del successo e il modo in cui la società ci chiede continuamente di rimodellare la nostra identità, trasformandoci in qualcosa di diverso e mostruoso».

Lo stile visivo scelto dal regista si ricollega direttamente alle atmosfere vintage evocate nel corso della vicenda, con una parte del film girata in pellicola 16mm. Al fianco della Lindberg troveremo la giovane Madeleine Trollvik (Omicidi tra i fiordi).

Il progetto, annunciato quest’anno al Marché du Film di Cannes, è stato finanziato grazie a un accordo di co-produzione internazionale fra Stati Uniti, Inghilterra, Messico, Svezia, Finlandia e Italia, con la partecipazione di distributori specializzati in cinema cult come Mondo Macabro e Klubb Super8. La produzione è realizzata in associazione con Penny Video, società italiana che distribuirà il film nel 2017 nella collana Opium Visions.

Articolo
Titolo
Adrián García Bogliano coinvolge Christina Lindberg nel demoniaco Black Circle
Descrizione
Il regista argentino e l'icona del cinema exploitation degli anni '70 insieme sul set svedese del film
Autore
Nome del publisher
Il Cineocchio
Logo del publisher

Articoli correlati

Inserisci un commento