22 settembre 2016

Charlie Brooker spiega perchè Netflix è ‘la casa perfetta per la stagione 3 di Black Mirror’

Lo showrunner ha parlato dei possibili problemi a cui una serie come la sua avrebbe potuto andare incontro

FacebookTwitterPocketInstapaperEmailPrint
22 settembre 2016
charlie-brooker-black-mirror

Il 21 ottobre l’acclamata e distopica Black Mirror di Charlie Brooker tornerà in TV per la sua terza attesissima stagione. Ma, a differenza dell’ultima volta (era il 2014), dovrete andare su Netflix per trovare i nuovi episodi della serie antologica che ha catturato il pubblico con il suo mix di sci-fi, thriller e drama. E questo è un cambiamento di cui l’ideatore e showrunner sembra incredibilmente felice.

black mirror bryce 3“[Netflix è] la piattaforma per gli show antologici che stavamo aspettando”, ha spiegato. “Tradizionalmente le serie antologiche hanno difficoltà a sopravvivere in televisione, perché non hanno personaggi ricorrenti e una trama generale. Ai Confini della Realtà ha lottato con gli ascolti per la gran parte della sua vita. Dato che siamo in grado di lanciare tutti i sei [episodi] in una sola volta è più simile a un album, o un film festival di cortometraggi, o a un libro di racconti“. Il produttore esecutivo Annabel Jones ha continuato: “E’ uno show da passaparola. La gente vuole parlarne una volta che lo ha visto. Netflix è perfetta per questo.”

Quindi come saranno i sei nuovi episodi che saranno disponibili dal mese prossimo? Saranno un incubo alla White Bear? O teneri come Be Right Back? Mackenzie Davis sarò protagonista di San Junipero, un filosoficamente provocante episodio ambientato in California, mentre Joe Wright ha diretto Alice Eve e Bryce Dallas Howard in Nosedive, “una satira giocosa sull’insicurezza dei social media”, e Dan Trachtenberg (10 Cloverfield Lane) è stato il regista di Playtest, un videogioco “horror birichino” con Wyatt Russell. Gli altri episodi sono un procedurale, un thriller militare e “un incubo contemporaneo che si dispiega” senza alcun elemento sci-fi, stando almeno a Brooker.

“Ritengo che se aveste chiesto alla persone, ‘immagina il primo episodio della nuova serie di Black Mirror’, avrebbero pensato a qualcuno accigliato che tiene in mano un cellulare trasparente in un futuro con dei droni che scattano alle sue spalle”, ha detto Brooker. “Speriamo di riuscire a tenere gli spettatori sull’attenti così che non pensino soltanto che sia qualcuno che rovina la sua vita per colpa di un telefono. Anche se questo genere di cose accade”.

 

Articolo
Titolo
Charlie Brooker spiega perchè Netflix è 'la casa perfetta per la stagione 3 di Black Mirror'
Descrizione
Lo showrunner ha parlato dei possibili problemi a cui una serie come la sua avrebbe potuto andare incontro
Autore
Nome del publisher
Il Cineocchio
Logo del publisher

Articoli correlati

Inserisci un commento