3 febbraio 2017

Vudù e misteriose badanti filippine nel trailer di Madre

Il secondo lungometraggio di Aaron Burns verrà presentato al SXSW di Austin

FacebookTwitterPocketInstapaperEmailPrint
3 febbraio 2017
Madre film Burns

La sezione principale del prossimo SXSW Film Festival di Austin si colorerà di una sfumatura dark di genere con Madre, nuovo lavoro dello sceneggiatore e regista Aaron Burns. Il primo film sfornato dalla nuova etichetta Purgatorio del produttore Nicolas Lopez dipinge un quadro della vita familiare che prende una piega decisamente oscura, come il trailer – da poco diffuso – fa ampiamente intuire.

Madre poster BurnsQuesta la sinossi ufficiale:

Diana Prieto (Daniela Ramírez) è incinta e si prende cura del suo primo figlio, Martin (Matías Bassi), che soffre di problemi di sviluppo diventati ormai opprimenti. La donna non ha nessuno che la aiuti mentre il marito Tomas (Cristobal Tapia Montt) trascorre mesi di lavoro in Asia. Diana è vicina al punto di rottura con Martin quando Luz (Aida), un’esperta badante filippina interviene per aiutarla. Martin rapidamente comincia a migliorare sotto la supervisione di Luz, ma Diana è preoccupata poichè la donna gli sta insegnando a parlare soltanto in filippino. Diana comincia così a sospettare che Luz stia usando la barriera linguistica e il voodoo per mettergli contro Martin e per qualcosa di molto più sinistro …

Cominciando la sua carriera come esperto di VFX per Robert Rodriguez in pellicole come Sin City, A prova di Morte e Planet Terror, Burns ha poi proseguito la sua carriera in Cile, dove ha lavorato con Lopez in Aftershock e The Green Inferno – tra gli altri -, raccogliendo parallelamente premi per il suo primo lungometraggio, Blacktino.

Intanto qui di seguito potete vedere il primo inquietante trailer (sottotitolato) di Madre:

Articolo
Titolo
Vudù e misteriose badanti filippine nel trailer di Madre
Descrizione
Il secondo lungometraggio di Aaron Burns verrà presentato al SXSW di Austin
Autore
Nome del publisher
Il Cineocchio
Logo del publisher

Articoli correlati

Inserisci un commento