The Movie Db/10
The Movie Db/10
28 febbraio 2017

[recensione pilot] SS-GB, un’ucronia in cui i nazisti conquistano la Gran Bretagna

Saprà la miniserie BBC ricalcare il successo di The man in the high castle? Le premesse sono assolutamente buone.

28 febbraio 2017

L’ucronia, o storia alternativa, è un genere molto particolare. A differenza delle distopia, di cui è “parente”, è spesso ambientato nel passato o nel presente e si basa su una semplice domanda: “E se la Storia fosse andata in modo diverso?”

Ss-gb_coverOgni ucronia che si rispetti si basa su un POD (Point of divergence): un momento lungo la linea temporale in cui un particolare evento si è svolto in modo differente da come lo conosciamo. I nazisti, si sa, suscitano sempre grandi ispirazioni e quindi molte ucronie, in letteratura, collocano il proprio POD durante la Seconda Guerra Mondiale: è il caso, per esempio, dei romanzi The man in the high castle / La Svastica sul Sole di Philip K. Dick, di recente trasformato in una bellissima serie TV da Amazon, e di Fatherland di Robert Harris (andatevi a recuperare il film per la televisione realizzato nel 1994 con Rutger Hauer, ne vale la pena). Ed è il caso di SS-GB, la nuova produzione di BBC tratta dall’omonimo romanzo di Len Deighton.

SS-GB è ambientato a Londra nel novembre del 1941. Dal primo episodio non ci è dato conoscere nello specifico quale sia il POD che ha creato la linea temporale alternativa: tutto quello che sappiamo è che l’operazione Leone Marino è stata un successo e Hitler ha conquistato la Gran Bretagna. Le bandiere con la svastica sono ovunque: sui palazzi, per le strade, sulla House of Parliament, su un devastato Buckingham Palace. In Europa la Francia è capitolata, mentre gli USA sono ancora neutrali (Pearl Harbour è del dicembre di quell’anno, e chissà se ci sarà in questa versione della Storia) e l’Unione Sovietica sta per firmare un’alleanza con il Reich (un rafforzamento del patto Molotov-Ribbentrop?).

ss-gb bbc posterIl protagonista della serie è un giovane sovrintentendente di Scotland Yard, Douglas Archer (Sam Riley, Maleficent). Archer è un uomo di legge tutto d’un pezzo che si aggrappa alla legalità per tirare avanti in un mondo sbagliato: fa il suo lavoro, nonostante la Polizia inglese sia sotto il controllo delle SS e i partigiani – sì, c’è ancora una Resistenza, di cui fa parte anche la sua segretaria nonché amante, Sylvia (Maeve Dermody, Dieci piccoli indiani) – lo considerino alla stregua di un “collaborazionista”. Sullo sfondo, un omicidio e l’arrivo da Berlino di un alto funzionario dei servizi segreti del Reich, Oskar Huth (Lars Eidinger), spedito direttamente da Himmler per indagare sul caso: una morte che ha a che fare con una misteriosa malattia che sa tanto di arma biologica segreta – ma costruita da chi? E perché? E cosa c’entra in tutto ciò l’intrigante giornalista americana Barbara Barga (Kate Bosworth, Superman returns)?

SS-GB, per certi versi, ricorda “The man in the high castle” in versione inglese. Le storie personali dei protagonisti si intrecciano fin da subito con le vicende storiche e politiche. Le atmosfere e i luoghi sono ricostruiti fedelmente e l’episodio pilota riesce nell’intento di non svelare troppo né della trama né del contesto storico-alternativo. C’è del materiale per vedere uno show di alto livello, anche se purtroppo composto da soli 5 episodi (ma è una caratteristiche dei telefilm british).

Non resta che vedere le prossime puntate, quindi, per capire se SS-GB sarà all’altezza delle aspettative (alte) create dal pilot. E se, chissà, potrà avere un seguito…

Di seguito il trailer ufficiale della miniserie, il cui arrivo in Italia al momento non è previsto:

Articolo
[recensione pilot] SS-GB, un’ucronia in cui i nazisti conquistano la Gran Bretagna
Titolo
[recensione pilot] SS-GB, un’ucronia in cui i nazisti conquistano la Gran Bretagna
Descrizione
Saprà la miniserie BBC ricalcare il successo di The man in the high castle? Le premesse sono assolutamente buone.
Autore
Nome del publisher
Il Cineocchio
Logo del publisher
CAST

Articoli correlati

Inserisci un commento