Home » Cinema » Horror & Thriller » Slender Man | La recensione del film horror di Sylvain White

4/10 su 1231 voti. Titolo originale: Slender Man , uscita: 10-08-2018. Budget: $10,000,000. Regista: Sylvain White.

Slender Man | La recensione del film horror di Sylvain White

31/08/2018 recensione film di Sabrina Crivelli

Joey King è la sventurata protagonista di un teen horror per famiglie sconnesso e dalla CGI scadente che banalizza l'interessante Creepypasta alla base e il suo boogeyman

Era il lontano 2009 quando Erik Knudsen, in arte Victor Surge, dava vita per un concorso fotografico sul sito Something Awful a un personaggio raccapricciante quanto geniale: lo Slender Man, essere caratterizzato da un’altezza decisamente sopra la media (2.40 mt.), volto privo di occhi, naso e bocca (un po’ come le ‘Muse’ di Giorgio De Chirico), una serie di tentacoli dietro alla schiena e un abito scuro. L’inquietante individuo, rappresentato vicino a un gruppetto di bambini in un parco giochi, fruttò al suo creatore il primo premio e un notevole seguito sulla rete, divenendo presto virale e l’origine di numerosi Creepypasta (storie del terrore perlopiù nate online) influenzando inevitabilmente diversi film, serie e videogiochi (come Slender: The Eight Pages). Non solo, il misterioso boogeyman in completo è divenuto presto anche il protagonista di un nutrito numero di corti e di un paio di lungometraggi, Always Watching: A Marble Hornets Story di James Moran (2015) e il mockumentary Slender di Joel Petrie (2016), ambedue non certo particolarmente esaltanti.

Trascorsa quasi una decade, l’influsso della sinistra invenzione di Knudsen sul cinema pare non essersi ancora esaurita: anche il regista Sylvain White non ha resistito al suo richiamo decidendo di dedicarsi ora a un lungometraggio a lui dedicato intitolato semplicemente Slender Man, girato a distanza di ben 8 anni dal suo precedente The Losers (2010). Purtroppo anche in questo caso, il tentativo di portare sul grande schermo l’Uomo Nero in abito scuro si rivela fallimentare, non riuscendo a dare la giusta consistenza al villain e alla sua leggenda, a causa della sceneggiatura scombinata e superficiale di David Birke (che inspiegabilmente è passato dall’ottimo Elle di Paul Verhoeven a questo obbrobrio) e uno sviluppo a più tratti confuso, tedioso e ripetitivo.

La trama è piuttosto banale: le adolescenti Wren (Joey King), Hallie (Julia Goldani Telles), Chloe (Jaz Sinclair) e Katie (Annalise Basso) abitano in una cittadina americana circondata boschi e frequentano lo stesso liceo. Una sera, per sconfiggere la noia della provincia e incuriosite dai piani – non troppo segreti- per la serata di alcuni loro compagni di classe maschi, guardano su un forum un misterioso video ‘maledetto’, contenente una serie di immagini sconnesse, la silhouette di un fosco e oblungo figuro e tre rintocchi di campane (avete presente la VHS di Ringu/ The Ring?). Ne segue qualche incubo notturno, ma nulla di particolarmente allarmante nell’immediato, almeno finché gli insegnanti della scuola locale non decidono di recarsi tutti insieme per una bella gita di classe al cimitero (!!), durante la quale Katie, che già manifestava diversi segni di cedimento (resi da corrispettive faccette corrucciate e spaesate della Basso), scompare nel nulla.

E’ uno scherzo? E’ una fuga dovuta a una ribellione adolescenziale? E’ qualche maniaco che l’ha rapita? Non si sa bene, ma le sue tre migliori amiche decidono, dopo aver consultato l’apparentemente esperto utente sconosciuto su una chat apertasi dal PC di Katie, di recarsi nel bosco nottetempo e compiere il rituale di donare ciascuna un oggetto a lei caro come merce di scambio all’entità soprannaturale che ritengono colpevole, così da riavere indietro la scomparsa. Ovviamente il risultato dell’operazione non sarà lo sperato, anzi, le protagoniste attireranno su di sé ancor i più l’infausta attenzione della creatura demoniaca del titolo.

Slender Man è un film innegabilmente mal riuscito (per una lunga serie di motivi) e, seppur abbia forse qualche scusante, è assai difficile salvarlo. Il canovaccio è sempre la solita ricetta ritrita da teen horror: dei liceali annoiati si incontrano per un’attività latrice di guai ed evocano / liberano più o meno consapevolmente una forza luciferina. Gli ingredienti fondamentali sono una selezione di ignavi personaggi in età scolare con crisi adolescenziali e amorose annesse (studiati ad uopo per rispecchiare le problematiche dello spettatore target), dialoghi vocali e virtuali (messaggistica istantanea) non particolarmente illuminati, una dose di petulanza, pianti e urla, un proficuo uso di device tecnologici (laptop, cellulari) che si integra proficuamente con la narrazione (giusto per reiterare il messaggio in caso di scarsità di comprendonio o di attenzione) e un’entità malvagia che porta a una scia di cadaveri e un buon numero di jumpscare. Solo pochi mesi addietro queste erano state le premesse per quello che allora pareva il ‘grado zero’ della cinematografia orrorifica del 2018, ovvero Obbligo o Verità di Jeff Wadlow (che però aveva il ‘vantaggio’ di essere R Rated), eppure Sylvain White è riuscito a raggiungere qui nuovi impensabili abissi.

La sceneggiatura di David Birke e le psicologie delle protagoniste hanno difatti in ambedue i titoli la medesima profondità (del tutto inesistente), con fastidiosi intramezzi romantici, tafferugli, nonché le consuete indagini dilettantesche sulla natura della maledizione e su un possibile metodo per risolverla. Se tuttavia nel predecessore un qualche barlume di consequenzialità logica ancora permaneva, in Slender Man tutto è abbozzato in maniera assai più sbrigativa e sconnessa; sembra quasi che il principio di causalità sia completamente obliato, con un continuo salto di passaggi logici fondamentali. Ad esempio, il padre della dispersa s’introduce urlante in casa di Hallie (come ha fatto a entrare?) e la accusa di avere trascinato la figlia in qualche setta, per poi essere portato via dalla polizia.

Eppure, il giorno dopo è quieto sul divano della sua spelonca a sbronzarsi, quando Wren suona al suo campanello e la accoglie cortesemente (forse non la ritiene dedita al satanismo come Hallie …). Le ragazzine (soprattutto Wren) sono hacker esperte che craccano il computer dell’amica dispersa, contattano online oscuri utenti e riescono a ottenere la cartella medica di un paziente psichiatrico scoprendone l’identità (non rappresenta uno spoiler perchè è un dettaglio buttato lì sul finale, senza alcuna conseguenza sul piano narrativo).

Uno degli altri studenti, il giorno prima s’incontra con una delle future prede dell’Uomo Nero, il giorno dopo si palesa a scuola con sguardo stralunato, affetto da singolare mutismo, con un cappello di lana in testa, lividi sul braccio e bascula catatonico. Cosa gli è successo? Che cosa ne sarà di lui? Chissà, no lo sapremo mai! Si tratta di un anche qui di un particolare gettato lì a scopo di mera suggestione … Ancor più, i genitori di tutte compaiono forse per tre minuti sul totale dell’intera durata e la loro attenzione per i pargoli in età scolare è pressoché inesistente (a parte sul finale), mentre queste ultime sono libere di pascolare nel mezzo della notte nei boschi senza che siano stati dichiarati coprifuoco o altro dall’inesistente polizia.

La debolezza dell’impalcatura narrativa e la disattenzione alle ‘minuzie’ nel plot non sono nemmeno il peggiore dei mali in Slender Man. Ad abbassare ulteriormente il livello complessivo sono degli effetti visivi in CGI che non solo sono mal realizzati, ma anche mal congegnati. L’apoteosi è raggiunta durante la scena incentrata su un incontro amoroso che si tramuta in un’allucinazione da incubo; una delle vittime del demone sta pomiciando su un divano e d’improvviso vediamo il viso del suo innamorato che muta in una deforme smorfia (visivamente la resa è pessima) e inizia a palpitare come una cassa in preda a dei bassi fuori scala per non una, ma tre volte. Allo stesso modo, le immagini online dello Slender Man sono dei fotomontaggi in photoshop orrendi e posticci oltre misura, virati al seppia giusto per dare un look vintage (e, a onor del vero, molto del materiale che circola effettivamente online è proprio così …).

Inoltre, la creatura, incarnata dall’altissimo veterano dell’horror Javier Botet (la nostra intervista esclusiva) – qui sfruttato veramente poco e male -, non riesce le poche volte che compare e a creare nessun palpabile senso d’angoscia. Al contrario, il massimo a cui Sylvain White ricorre per instillare in chi guarda un po’ di sano spavento (a parte le apparizioni repentine finalizzate a sporadici salti sulla sedia) sono scricchiolii, fruscii di foglie, sagome lontane e sfocate, il già menzionato video che sembra la brutta copia della cassetta maledetta con Sadako e qualche corsa all’impazzata in mezzo agli alberi nelle tenebre. D’altronde, come la sventurata ragazza dell’horror di Hideo Nakata anche questo boogeyman è solito (video)chiamare le sue vittime prescelte prima di eliminarle, aggiungendo anche il vezzo di riprendere col cellulare la sua entrata nelle di loro magioni (sequenza che si ripete pari pari per più di una di loro).

In ultimo, ad aggravare il tutto, non si vede nemmeno un secondo di vera violenza, né una goccia di sangue! Certo il PG 13 (già, è un film del terrore per tutti …) ha implicato a sorpresa l’eliminazione di ogni elemento particolarmente terrificante, scabroso o cruento, impattando così sul risultato finale e determinando il taglio maldestro di molte sequenze, fatto che dà la reiterata percezione di mancanza di coesione tra un momento e il successivo … A coronare il tutto c’è, poi, la fastidiosa e poco credibile performance della leader delle giovani scream queens, Joey King, che qui conferma la poco naturale recitazione che l’aveva contraddistinta già nel similmente scadente Wish Upon di John R. Leonetti.

In conclusione, davvero arduo è trovare delle qualità nell’opera di Sylvain White, il cui livello di regia, montaggio, sceneggiatura e recitazione è insospettabilmente basso, sprecando malamente un concept, quello del tentacoluto Slender Man per l’appunto, pieno di potenziale. Sarebbe certo stato più interessante esplorare i terribili fatti di cronaca contenuti nell’interessante documentario della HBO Beware the Slenderman di Irene Taylor Brodsky

Di seguito trovate il full trailer italiano di Slender Man, nei nostri cinema dal 6 settembre:

The toll main
Horror & Thriller

The Toll | La recensione del film horror di Michael Nader (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Jordan Hayes e Max Topplin sono i protagonisti di un'opera che gioca con gli stereotipi del genere, divertendosi a spiazzare con le aspettative del pubblico

Leggi
Post Mortem-3
Horror & Thriller

Post Mortem | La recensione del film horror di Péter Bergendy (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Un'ambientazione ungherese primo novecentesca molto suggestiva viene sprecata da una regia che opta per effetti speciali bizzarri e da una sceneggiatura troppo vaga

Leggi
lockdown all'italiana film ezio greggio 2020
Azione & Avventura

Lockdown all’italiana | La recensione del film (poco comico) di Enrico Vanzina

di Giovanni Mottola

Il regista, qui all'esordio dietro alla mdp, rivendica giustamente il diritto alla commedia, ma non ne assolve al dovere, realizzando un'opera che non fa ridere mai

Leggi
the haunting of bly manor serie 2020 fantasma
Horror & Thriller

The Haunting of Bly Manor: un video svela tutti i fantasmi nascosti negli episodi

di Redazione Il Cineocchio

Anche per la seconda stagione dello show di Netflix, Mike Flanagan ha celato in bella vista molti spettri

Leggi
the banishing film 2020 horror
Horror & Thriller

The Banishing | La recensione del film horror di Christopher Smith (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Il regista inglese si cimenta con la ghost story con diligenza, ma seguendo un po' troppo strade già battute

Leggi