Home » Cinema » Azione & Avventura » [recensione] Spider-Man: Homecoming di Jon Watts

7/10 su 11962 voti. Titolo originale: Spider-Man: Homecoming, uscita: 05-07-2017. Budget: $175,000,000. Regista: Jon Watts.

[recensione] Spider-Man: Homecoming di Jon Watts

04/07/2017 recensione di Alessandro Gamma

Nella sua terza incarnazione cinematografica, Tom Holland è un Peter Parker quindicenne pensato per un pubblico di coetanei. Una base su cui lavorare per i sequel.

In molti, quando l’hanno visto comparire fugacemente in Captain America: Civil War lo scorso anno hanno pensato che, forse, quella di Tom Holland non era stata una scelta così avventata per interpretare il nuovo Spider-Man. L’unico motivo di interesse – e di scetticismo – verso il secondo reboot in 15 anni, era quindi se la storia – e l’attore – avrebbero potuto reggere l’impatto emotivo dei primi due film diretti da Sam Raimi del 2002 e del 2004, considerati più o meno da tutti come tra le migliori trasposizioni dei fumetti mai arrivate nei cinema fino ad oggi (nonostante Tobey Maguire …). Dopo aver visto Spider-Man: Homecoming (le 39 cose da sapere) la classifica non cambia, soprattutto perché questo assomiglia più a uno spin-off degli Avengers pensato per un pubblico di adolescenti che a un film di Spider-Man vero e proprio.

Spider-Man Homecoming poster

Sapendo bene che era stata già raccontata per ben due volte in precedenza, il regista-sceneggiatore Jon Watts (Clown) e la sua squadra di co-sceneggiatori composta da Jonathan Goldstein e John Francis Daley (Vacation), Christopher Ford (Cop Car) e Chris McKenna & Erik Sommers (LEGO Batman – Il Film) decidono di non raccontare la storia delle origini dei superpoteri, presentandoci un quasi quindicenne Peter che sta già pattugliando le strade del Bronx da qualche tempo vestito prima con il tipico costume rosso e blu fatta in casa e poi la tuta in spandex gentilmente donata da Tony Stark (Robert Downey Jr.). Dopo aver acquisito le sue straordinarie abilità in seguito al morso di un ragno radioattivo, il protagonista è stato a sorpresa convocato un paio di mesi prima per assistere Iron Man e i Vendicatori nella delicata missione di salvare il mondo a Berlino (gita che viene documentata sapientemente sul cellulare attraverso un video-diario dal ragazzo).

Ora che ha avuto un assaggio di come sia combattere al fianco di questi eroi, Peter è in attesa più o meno paziente di essere chiamato per la loro successiva missione. Nel frattempo, è naturalmente tornato alla sua normale vita quotidiana di liceale, tra compiti e turbamenti amorosi, frequentando la Midtown School of Science and Technology durante il giorno e agendo come l’amichevole Uomo Ragno di quartiere durante la notte – o nelle ore di ‘stage’ alle Stark Industries, cercando così di fare colpo sul miliardario. Raramente si imbatte in qualcosa di davvero emozionante, finché un tentativo di impedire a un gruppo di ladri di rubare un bancomat porta alla scoperta di una potente arma in loro possesso. La sua indagine su cosa sia tale dispositivo lo porta quindi a incrociare la strada con l’insospettabile Adrian Toomes / L’Avvoltoio (Michael Keaton), un brillante fabbricante e mercante di armi potenzialmente devastanti – tra cui un’armatura alata che gli permette di volare -, che proverà quindi a fermare in ogni modo, aiutato dal suo migliore amico Ned (Jacob Batalon), un super nerd esperto di computer, il quale nel frattempo ha accidentalmente scoperto il suo segreto e che lo guida a distanza nelle sue missioni.

spider-man homecomingQuesta particolare versione di Peter Parker è molto meno complessa e conflittuale delle precedenti incarnazioni, Spider-Man: Homecoming punta a divertire il giovane pubblico a cui è evidentemente rivolto, ci sono numerose gag, che coinvolgono prevalentemente Ned e Happy Hogan (Jon Favreau), incaricato da Tony Stark di fare da balia a Peter, ma anche Captain America; la tragica morte della figura paterna – lo zio Ben – viene solo vagamente accennata, ma è l’intera operazione a essere più leggera, priva di reale senso del pericolo, poste in gioco e conseguenze effettive per le azioni compiute, psicologiche o materiali (molti danni alla res publica ma zero morti).

Spider-Man: Homecoming – che curiosamente si concentra sul ballo di fine anno del titolo soltanto per circa 1′, con un effetto anticlimatico che lascia interdetti per la scelta – cerca di essere nemmeno troppo velatamente (Sony e Marvel Studios hanno anche diffuso un teaser e delle fotografie che tributavano omaggio diretto a Breakfast Club) una commedia sullo stile di quelle dirette da John Hughes negli anni ’80 ogni volta che la storia si concentra sui compagni del liceo o sull’ambientazione scolastica, con risultati piuttosto controproducenti, vista l’immediatrzza dei riferimenti, che qualcuno potrebbe giustamente (?) non cogliere, ma che lambiscono ugualmente la mancanza di idee originali. Non bastasse la colonna sonora retrò – inspiegabile razionalmente in una pellicola giovane in cui termini come ‘zio’ e ‘raga’ la fanno da padrone – a un certo punto, per sottolineare la venerazione per l’esponente del Brat Pack, viene addirittura mostrata apertamente una clip di Una pazza giornata di vacanza quando Spider-Man sta correndo attraverso recinzioni e giardinetti del quartiere.

Spider-Man: Homecoming 6Se poi una delle cose che balza subito all’occhio del film è la grande varietà etnica del cast, che probabilmente riflette alla perfezione la realtà delle high school americane, dispiace che questi personaggi manchino di qualsivoglia spessore, stanziandosi tra l’unidimensionale e lo stereotipato. Il Flash di Tony Revolori è un bullo – senza il fisico – giusto per esserlo, la Liz interpretata dalla 27enne (!!) Laura Harrier dimostra pochissima chimica con Holland nonostante sia il suo interesse amoroso, niente altro che la bella – oltre che brillante e illibata – ragazza del liceo. Ned, come anticipato, è quello con più minutaggio ed è la vera spalla comica di Peter, l’amico grassottello che giustamente è anche un genio, capace di bypassare agilmente sistemi creati da Stark in persona. Ci sono poi molti altri ragazzi, ma nessuno emerge in qualche modo. L’unica che riesce a lasciare un qualche segno è la Michelle incarnata da Zendaya, scazzata e sarcastica il giusto, che molto probabilmente otterrà maggior minutaggio nel sequel. Niente da dire invece sul protagonista.

Tom Holland, pur non avendo la profondità di Maguire o di Andrew Garfield (non certo per colpa sua), dimostra una fisicità adeguata e tempi comici interessanti, donando a Peter la giusta esuberanza, ma lasciando ampi margini di crescita. Purtroppo a non venire praticamente esplorata è la sua convivenza con la zia May (Marisa Tomei), che fondamentalmente viene relegata ad autista per il nipote e a pose plastiche davanti a qualche scaffale. Nei panni dell’ingegnere divenuto criminale Adrian Toomes, Keaton è sicuramente più cool e minaccioso rispetto al personaggio visto in Birdman o (L’inaspettata virtù dell’ignoranza) e il suo carisma e l’esperienza gli permettono di essere uno dei villian più interessanti apparsi ultimamente in un cinecomic, nonostante anche a lui lo script non abbia dato molto su cui lavorare e nonostante il minutaggio complessivo, che raggiunge a stento i 30′ complessivi (sui 133′ di durata).

Le motivazioni che spingono il suo personaggio verso il lato oscuro sono esplicitate bene (è stanco dell’elite di riccastri privilegiati che curano soltanto i propri interessi fregandosene se i poveracci in strada non riescono ad arrivare alla fine del mese), ma la sua caratterizzazione e la sua ostinazione rientrano in standard canonici e familiari già visti sia nei film di Raimi che in The Amazing Spider-Man (il suo Avvoltoio è il vecchio Goblin, anche per le dinamiche familiari …). Per concludere la carrellata, Downey Jr., che appare in alcune scene chiave e leva sempre le castagne dal fuoco all’avventato Parker, è in definitiva quello che tutti conosciamo da anni, un Tony Stark che qui prova a fare il fratello maggiore / mentore con l’usuale manierismo che ormai l’ha reso una cosa sola col personaggio.

Spider-Man: HomecomingPer chi se lo stesso magari domandando – e sia arrivato già fino a qui a leggere – la sospensione dell’incredulità è naturalmente fondamentale, quindi inutile elencare i comportamenti forzati o incredibili che passano totalmente inosservati. Soffermandosi piuttosto sul nuovo costume di Spider-Man, quello che lascia più perplessi è proprio la volontà di renderlo così iper-tecnologico. Se da un lato infatti, tutti i gadget in dotazione sono esaltanti, dall’altro questa I.A. interna fa assomigliare troppo Spidey ad Iron Man, un sistema di sicurezza capace di ogni cosa che pensa al posto suo, lo guida e lo protegge in ogni occasione, quando sarebbe stato senza dubbio doveroso insistere sul ‘senso di ragno‘ o al limite giocare con la scoperta e l’apprendimento graduale del funzionamento della tuta.

In definitiva, Spider-Man: Homecoming dimostra un certo fascino intermittente e una certa intelligenza nel suo approccio autoreferenziale all’Universo Cinematografico Marvel (o MCU), di cui Peter è sconvolto di trovarsi a fare parte. E’ soltanto il primo film, una nuova introduzione al personaggio che ha sicuramente del potenziale, ma una minore superficialità avrebbe giovato. Se l’intensità di un dialogo faccia a faccia in auto tra Peter e Adrian è adeguata, le sequenze d’azione, che pure non sono il fulcro del film, non sono altrettanto all’altezza.

Si vedano in particolare il primo incontro/scontro tra Spidey e l’Avvoltoio o la battaglia finale fuori e dentro un aereo in volo sui cieli della città, coreografati approssimativamente, o la scena del traghetto, ben poco immaginifica (ricordate quella del treno della metropolitana in Spider-Man 2 ad esempio?). Alla sua terza incarnazione cinematografica, Tom Holland è quindi un Peter Parker quindicenne pensato per un pubblico di coetanei, che ha ancora molta strada da fare prima di diventare il personaggio problematico e con cui ci si può identificare che l’hanno reso uno dei supereroi più amati di sempre.

Naturalmente non alzatevi prima dei titoli di coda, ci sono due brevi sequenze extra, la prima collegata al sequel, la seconda che dimostra come Deadpool abbia già fatto scuola.

Di seguito il trailer ufficiale italiano di Spider-Man: Homecoming, nei cinema dal 6 luglio:

Tom Holland
Marisa Tomei
Zendaya
Tony Revolori
Laura Harrier
Robert Downey Jr.
Michael Keaton
Michael Barbieri
Kenneth Choi
Donald Glover
Martin Starr
Hannibal Buress
Selenis Leyva
Logan Marshall-Green
Isabella Amara
Josie Totah
Jorge Lendeborg Jr.
Abraham Attah
Bokeem Woodbine
Michael Mando
Jonah Bowling
Tyne Daly
Garcelle Beauvais
Tiffany Espensen
Angourie Rice
Jacob Batalon
Rebeca Donovan
Lorenzo James Henrie
Martha Kelly
Michael Chernus
Tunde Adebimpe
Ethan Dizon
Jona Xiao
Jon Favreau
Chris Evans
Stephen Vining
Jennifer Connelly
Gwyneth Paltrow
Gary Weeks
Christopher Berry
Hemky Madera
Sondra James
Bob Adrian
Stan Lee
Wayne Pére
Kerry Condon
Miles Mussenden
Zach Cherry
Joe Hang
Yu Lew
Gary Richardson
Alexa Laraki
Liza Fagin
John Penick
Amy Hill
Kevin LaRosa Jr.
Ren Colley
Jennifer Kim
Ari Groover
Louis Gonzalez
Stewart Steinberg
Andy Powers
Omar Capra
Nitin Nohria
Vince Foster
Brian Schaeffer
Chris Adams
Myles Anderson
Cassidy Balkcom
Sydney Shea Barker
Jeremy Francis Bell
Romar Bennett
Jonnah-Blaine Bowling
Maiya Boyd
Dante Brattelli
Michael Breath
Lauren Brumbelow
Wayne Burley
Randy Burnett
Liam Capek
London Carlisle
Friday Chamberlain
Leonardo Collaguazo
Richard R. Corapi
Marmee Regine Cosico
Joy Costanza
Roy Coulter
John Druzba
Elli
Adrian Favela
Gregory French
Tahseen Ghauri
Davvy Glab
Melissa Kay Glaze
Emelita T. Gonzalez
Austin Handle
Jonathan Randall Hunter
Jada Jarvis
Jerome Joyce
Faith Logan
Destiny Lopez
Sherin Maldonado
Melvin Kindall Myles
Donald K. Overstreet
Darshan Patel
Felix Perez
Calvin Powell
Salena Qureshi
Hallie Ricardo
Doug Scroggins III
Chris Sepulveda
Johnny Serret
Stephen Vining
Megan Wilkens
Nickolas Wolf
Trevor Wolf
Tiani Wright
Kirk R. Thatcher
Mary Liz Adams
Jaine Ye
Gina Cordan
DJ Khaled
Jay and Silent Bob Reboot (2019) film
Azione & Avventura

Red band trailer per Jay and Silent Bob Reboot: special guest e assurdità sulla via per Hollywood

di Redazione Il Cineocchio

A 18 anni da Jay & Silent Bob... Fermate Hollywood, Kevin Smith e Jason Mewes tornano sulle scene per un sequel zeppo di vecchi amici

Leggi
top gun maverick film tom cruise
Azione & Avventura

Nel trailer di Top Gun: Maverick, Tom Cruise è ancora il pilota scapestrato del 1986

di Redazione Il Cineocchio

A 33 anni dal classico di Tony Scott, l'attore torna sul suo caccia sotto la regia di Joseph Kosinski, in un sequel in cui ci sono anche Miles Teller e Jennifer Connelly

Leggi
leonardo dicaprio c'era una volta a hollywood rick dalton western
Azione & Avventura

Quentin Tarantino su Bounty Law: “Ho scritto 5 storie per la serie western con Rick Dalton; vorrei girarla per Netflix”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista ha rivelato di aver praticamente pronto uno show ispirato al serial 'fittizio' con Leonardo DiCaprio di cui si parla nel film C'era Una Volta ... a Hollywood

Leggi
Azione & Avventura

Recensione fumetto | La Lega degli Straordinari Gentlemen Vol. 1 di A. Moore e K. O’Neill (ed. 2019)

di Redazione Il Cineocchio

Nel suo ventennale, riscopriamo il primo volume dell'amata saga, riproposta da BAO Publishing in una nuova edizione in due diversi formati

Leggi
first love film takashi miike
Azione & Avventura

First Love | La recensione della yakuza romance di Takashi Miike

di Sabrina Crivelli

Il prolifico regista giapponese torna sulle scene con un film molto sopra le righe e intriso di black humor, in cui fa capolino la sua inaspettata vena romantica

Leggi
Azione & Avventura

Trailer per The King’s Man – Le Origini: alla fondazione della Kingsman con Ralph Fiennes

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono anche Gemma Arterton e Matthew Goode nel prequel diretto ancora una volta da Matthew Vaughn

Leggi
Nikolaj Coster-Waldau in Domino (2019) film
Azione & Avventura

Domino | La recensione del film (rinnegato) di Brian De Palma

di William Maga

Nikolaj Coster-Waldau, Guy Pearce e Carice van Houten sono i malamente sfruttati protagonisti di un action thriller pieno di problemi

Leggi
Point Blank - Conto alla rovescia film netflix
Azione & Avventura

Point Blank – Conto alla Rovescia | La recensione del film Netflix con Anthony Mackie e Frank Grillo

di William Maga

Joe Lynch dirige un blando remake dell'omonimo action francese del 2010 di Fred Cavayé, puntando molto sui nomi degli attori coinvolti e poco sulla sceneggiatura

Leggi
The Joker Year of the Villain 2019 cover
Azione & Avventura

John Carpenter scrive The Joker: Year of the Villain, copertina e trama del fumetto DC

di Redazione Il Cineocchio

Il regista 71enne torna a collaborare con Anthony Burch per il numero speciale dedicato al Clown Principe del Crimine e a Lex Luthor

Leggi
the prey film jimmy henderson
Azione & Avventura

The Prey | La recensione del film di Jimmy Henderson (NIFFF 2019)

di Sabrina Crivelli

Il regista italiano torna sulle scene per portarci nella giungla cambogiana per seguire una spietata caccia all'uomo senza esclusione di colpi

Leggi
predatori dell'arca perduta set spielberg ford
Azione & Avventura

I Predatori dell’Arca Perduta: la genesi del film secondo Steven Spielberg e George Lucas

di Redazione Il Cineocchio

Nel 1981, a ridosso dell'uscita nei cinema, il regista e il produttore esecutivo raccontavano candidamente la nascita della prima avventura di Indiana Jones e la loro collaborazione

Leggi
Azione & Avventura

Trailer per Madness in the Method: Jason Mewes e Kevin Smith ancora insieme (con molti special guest)

di Redazione Il Cineocchio

Tra i moltissimi ospiti della meta-commedia satirica ci sono Vinnie Jones, Gina Carano, Teri Hatcher e Stan Lee

Leggi
Lupin III film 3d 2019
Azione & Avventura

Teaser per Lupin The Third: The First, film animato in 3DCG sul ladro in giacca rossa

di Redazione Il Cineocchio

Dopo oltre 20 anni, il personaggio creato da Monkey Punch torna al cinema per una nuova avventura in compagnia di Jigen, Goemon, Fujiko e Zenigata

Leggi
sub-zero mortal kombat
Azione & Avventura

Mortal Kombat: trovato Sub-Zero e data di uscita per il reboot prodotto da James Wan

di Redazione Il Cineocchio

È un grande esperto di arti marziali il primo interprete ufficiale del film diretto da Simon McQuoid

Leggi
Cavalieri dello Zodiaco Netflix 2019
Azione & Avventura

Trailer italiano per I Cavalieri dello Zodiaco: voci storiche per la serie remake di Netflix

di Redazione Il Cineocchio

Il colosso dello streaming sembra aver scongiurato un altro 'caso Cannarsi', coi fan che, se non altro, non potranno contestare il doppiaggio

Leggi
Passpartù: Operazione Doppiozero

Passpartù: Operazione Doppiozero

18-07-2019

Vita segreta di Maria Capasso

Vita segreta di Maria Capasso

18-07-2019

Il mangiatore di pietre

Il mangiatore di pietre

18-07-2019

Good Boys - Quei cattivi ragazzi

Good Boys - Quei cattivi ragazzi

18-07-2019

Birba - Micio Combinaguai

Birba - Micio Combinaguai

18-07-2019

Skate Kitchen

Skate Kitchen

18-07-2019

Serenity - L'Isola dell'Inganno

Serenity - L'Isola dell'Inganno

18-07-2019

RECENSIONE

Edison - L'uomo che illuminò il mondo

Edison - L'uomo che illuminò il mondo

18-07-2019

Raccolto amaro

Raccolto amaro

18-07-2019

Welcome Home

Welcome Home

11-07-2019

RECENSIONE

Il mostro di St. Pauli

Il mostro di St. Pauli

11-07-2019

Domino

Domino

11-07-2019

RECENSIONE

Powidoki - Il ritratto negato

Powidoki - Il ritratto negato

11-07-2019

G.A.I.A.

G.A.I.A.

10-07-2019

Spider-Man - Far From Home

Spider-Man - Far From Home

10-07-2019

RECENSIONE