19 settembre 2017

[recensione] Kingsman: Il Cerchio d’Oro di Matthew Vaughn

Un sequel meno imprevedibile del capostipite, ma che intrattiene puntando maggiormente sulla faccia da dark comedy della sua medaglia

FacebookTwitterPocketInstapaperEmailPrint
19 settembre 2017
kingsman 2 cerchio

Tre anni fa, Matthew Vaughn aveva spiazzato un po’ tutti con Kingsman – Secret Service, action scatenato tratto da un fumetto del Millaworld di Mark Millar e Dave Gibbons capace di svecchiare i film di spionaggio che negli ultimi tempi hanno cominciato a prendersi un po’ troppo sul serio puntando sulla ‘credibilità’ del contesto e sulla sofferenza dei protagonisti. Non solo. Ha anche legittimato l’allora astro nascente Taron Egerton e lanciato Colin Firth come ‘uomo d’azione’ in uno dei ruoli più brillanti della sua carriera, in totale contrapposizione a quanto eravamo stati abituati in precedenza. Una vera e propria lettera d’amore del regista e sceneggiatore ai film della saga di James Bond – specie quelli più scanzonati con Roger Moore -, che Kingsman: Il Cerchio d’Oro (Kingsman: The Golden Circle) prova ora a controfirmare grazie anche a un incremento del budget, finendo però per sacrificare – come quasi sempre accade coi sequel – l’ingrediente che ha reso l’originale così interessante, ovvero l’effetto sorpresa, optando per dare di nuovo al pubblico quello che più o meno si pensava avrebbe dovuto – e voluto – aspettarsi.

KINGSMAN - IL CERCHIO D'ORO posterLa storia è presto detta. Come forse ricorderete, il primo film terminava con un omicidio di massa su scala globale e la morte di molti leader mondiali. Senza versarci sopra troppe lacrime, ripartiamo qualche tempo dopo questi eventi, con Eggsy (Egerton) che conduce senza problemi una doppia vita, come agente dell’intelligence per i Kingsman e come tipico perditempo della classe operaia. Convive con la principessa Tilde di Svezia (Hanna Alström) e continua ad andare in missione con la sua partner di spionaggio Roxy (Sophie Louise Cookson) e il supporto tecnico del geniale Merlino (Mark Strong). Dopo che il quartier generale dei Kingsman viene letteralmente distrutto però, il ragazzo e Merlino devono recarsi in Kentucky, alla ricerca degli Statesmen, la loro controparte americana, che operano dietro la copertura di una grande distilleria di bourbon quotata in borsa e i cui operativi hanno nomi in codice appropriati: Tequila (Channing Tatum), Whiskey / Jack Daniels (Pedro Pascal), Ginger Ale (Halle Berry) e Champagne / Champion (Jeff Bridges). La loro comune nemesi è Miss Poppy (Julianne Moore), una melliflua sociopatica nostalgica degli anni ’50 e ossessionata dai robot che ha preso – senza che nessuno lo capisse – il totale monopolio sul commercio mondiale di droga e che sta per scatenare il suo diabolico piano di portata planetaria da una base segreta immersa nella foresta cambogiana.

Come detto, Il Cerchio d’Oro non brilla certo per imprevedibilità, a partire dall’ampiamente annunciata ‘resurrezione’ di Harry Hart / Galahad (non si tratta di uno spoiler, visto che la sua presenza è nota da mesi grazie a trailer e poster) e si presenta come un sequel ben più allegro e senza pensieri, che nei suoi non 140 minuti strizza parecchie volte (troppe?) l’occhio al capostipite, replicandone svariate gag (vedi la rissa ‘uno contro molti’ nel bar) e indulgendo in caotiche sequenze action dilatate e a lungo andare anestetizzanti, infarcite da un uso smodato e vistoso della CGI, che dona al tutto un’atmosfera molto cartoonesca, esaltata anche dalle numerosi morti  iper gore ma senza sangue (questo a beneficio di chi invece cercasse reale suspense e senso del pericolo).

kingsman cerchio d'oroSecret Service era sì allo stesso modo ‘eccessivo’, tra esplosioni e inseguimenti vari, ma poteva contare su una storia delle origini intrigante, con un ragazzo dei quartieri poveri e senza un futuro che veniva ripulito e trasformato in un perfetto 007 britannico. Vaughn e la sua co-sceneggiatrice Jane Goldman hanno qui preferito non uscire troppo dal seminato, forse consapevoli dei doveri di chi ha per le mani un prodotto che non può permettersi di fallire al botteghino. Il film è certamente ancora R-rated, tra linguaggio parecchio colorito, riferimenti alla liberalizzazione delle droghe (di ogni tipo) che farebbero meno danni dello zucchero e discorsi sul fingering (che rimpiazza abilmente quelli sull’anal del precedente capitolo, giusto per rimanere sui rimandi diretti), ma non c’è praticamente più traccia di spirito anarchico. Non aspettatevi quindi nulla di altrettanto aggressivo dell’incredibile sparatoria in piano sequenza nella chiesa. Azzardando un paragone poco azzardato (visto che sempre di Vaughn e sempre di Millar si parla), è lo stesso che accadeva con i due Kick-Ass (anche se lì era cambiato il regista nella seconda iterazione).

Anche la cinguettante Poppy della Moore richiama parecchio il Richmond Valentine di Samuel L. Jackson, tra la passione per la robotica avanzata (tra mastini-borg e protesi cibernetiche impiantate su un’altra vecchia conoscenza, Charlie, interpretato da Edward Holcroft) e quella per il rapimento di celebrità (stavolta tocca a Elton John, nei panni di sé stesso e tra le cose più divertenti del film). Chi si aspettava poi una concreta partecipazione degli Statesmen alla mischia rimarrà deluso, perchè Bridges – e persino Tatum – occupano ruoli davvero marginali. Diverso il discorso per il lanciatissimo Pascal, gustoso terzo incomodo accanto a Firth ed Egerton, e per la Berry, simpatico clone a stelle e strisce di Merlino, al tempo stesso quota rosa e quota di colore (così a Hollywood stanno tutti tranquilli).

kingsman cerchio d'oro filmIn ogni caso, Kingsman: Il Cerchio d’Oro riesce nell’intento di intrattenere chi è consapevole di cosa sta andando a vedere, cioè una versione rivisitata e tendente alla dark comedy delle vecchie pellicole di Bond, tra cattivi cattivissimi, femmes (quasi) fatales da farci sesso e poi gettare via, viaggi nei posti più esotici del mondo (c’è addirittura anche l’Italia, con la SkyWay del Monte Bianco), gadget esagerati e impossibili e rimandi sapidi all’attualità (vedere il comportamento del presidente americano Bruce Greenwood per credere). Nota a margine per le musiche, importantissime, che spaziano dalle azzeccate Word Up dei Cameo a Let’s Go Crazy di Prince, passando per l’ennesimo omaggio (sarà per il ventennale della morte?) a John Denver, iniziato quest’anno con Alien: Covenant e Okja).

In definitiva, questo secondo capitolo piacerà quasi sicuramente a chi ha già apprezzato il lungometraggio del 2014, ma probabilmente non riuscirà nell’intento di raccogliere nuove reclute.

Di seguito il trailer ufficiale italiano e il red band trailer originale di Kingsman: Il Cerchio d’Oro, nei nostri cinema dal 20 settembre:

Articolo
Titolo
[recensione] Kingsman: Il Cerchio d’Oro di Matthew Vaughn
Descrizione
Un sequel meno imprevedibile del capostipite, ma che intrattiene puntando maggiormente sulla faccia da dark comedy della sua medaglia
Autore
Nome del publisher
Il Cineocchio
Logo del publisher

Articoli correlati

Inserisci un commento