Home » Cinema » Horror & Thriller » [recensione BIFFF 35] El Bar di Álex de la Iglesia

6/10 su 655 voti. Titolo originale: El bar, uscita: 15-02-2017. Regista: Álex de la Iglesia.

[recensione BIFFF 35] El Bar di Álex de la Iglesia

17/04/2017 recensione di Alessandro Gamma

Il regista spagnolo colpisce duro la natura umana in una commedia caustica venata di thriller

Presentato come film di chiusura dell’edizione numero 35 del Festival di Bruxelles, El Bar (The Bar) è un film riconducibile ad Álex de la Iglesia al 100%, con tutti i pregi e i difetti che ne conseguono. A un certo punto, due dei protagonisti speculano sul fatto che la paura riesca a tirare fuori il peggio delle persone o le riveli per quelle che sono veramente (l’adagio homo homini lupus è più che mai attuale a quanto pare). In entrambi i casi, si tratta comunque di un ritratto ben poco lusinghiero della condizione umana, con un atto finale – con i personaggi rimasti immersi in liquami di varia natura – che sembra offrire una metafora adeguata della società in cui ci ritroviamo a vivere.

el-bar-poster de la iglesiaEl Bar non è certo il primo film ad utilizzare l’espediente di sconosciuti intrappolati all’interno di uno spazio ristretto da un’ignota minaccia (un cecchino che spara senza pensarci due volte alla testa a chiunque esca dall’esercizio pubblico) e il regista spagnolo ha citato espressamente non a caso Distretto 13 – Le brigate della Morte di John Carpenter come sua diretta influenza. A questa mancanza di originalità nella premessa vengono però in soccorso sia l’abilità organizzativa di de la Iglesia, sia una sceneggiatura che deve prendersi qualche libertà narrativa – un personaggio ad esempio è casualmente in possesso di una pistola – al fine di mantenere la tensione alta. Si parte così per una corsa sulle montagne russe delle emozioni in cui solo i più adatti potranno sopravvivere, secondo un principio darwinista tanto deviato quanto credibile.

Agli spettatori vengono poste domande come: quali sono i comportamenti migliori da adottare per garantirsi la sopravvivenza? Si è ancora in grado di essere gentile con gli altri quando la propria vita è gravemente minacciata? E’ possibile sfruttare un momento di crisi? Attraverso il suo variegato cast, il regista si addentra fino in fondo negli angoli più turpi di ciò che significa essere umani. Anche se il film può contare su una buona dose di momenti assurdi, de la Iglesia riesce a creare una sensazione di fondo di perpetuo di terrore, che si traduce nel desiderio di inspirare profondamente, come quando si torna in superficie dopo una lunga immersione.

L’azione si svolge dentro e nei pressi di un piccolo bar di un quartiere di Madrid. Dentro troviamo l’avvenente e modaiola Elena (Blanca Suárez), che si è fermata per ricaricare il suo telefono mentre si sta recando a un appuntamento con un ragazzo conosciuto via chat; Nacho (Mario Casas), un hipster dalla folta barba che lavora nel settore pubblicitario e che sembra isolato dal mondo per via delle grandi cuffie collegate a un iPad; Amparo (Terele Pávez), l’anziana proprietaria del bar che sa come tenere a bada i suoi litigiosi clienti abituali e il chiacchierone Sátur (Secun de la Rosa) che lavora da 15 anni per lei; la claustrofobica e dedita al gioco d’azzardo Trini (Carmen Machi); il venditore di biancheria intima di lusso Andrés (Joaquín Climent); infine Israel (Jaime Ordóñez), un senzatetto dedito alla bottiglia e con problemi di salute mentale che si evolvono e si manifestano ogni volta che la pellicola ha bisogno di una spintarella per portare in avanti la trama.

el bar de la iglesiaPoi un cliente esce dalla porta e viene colpito a morte, così come pure l’unica persona andata in suo soccorso. Mentre il resto degli avventori vengono colti dal panico, i due cadaveri scompaiono nel nulla. Fuori non c’è traccia della polizia, non ci sono più macchine o passanti e i cellulari restano senza campo. In pochissimo tempo, tra una teoria più o meno fantasiosa e l’altra, cominciano gli scambi di vicendevoli accuse tra i presenti, che con l’escalation di insulti finiscono per dividersi in due fazioni. Elena difende Nacho (che ha con sé uno zaino sospetto e ha la ‘barba come i terroristi’), mentre i due uomini – abitué del locale – formano un fronte unito contro gli stranieri sospetti capitati in mezzo a loro. Improvvisamente però, un uomo morente, gonfio e con gli occhi lattei viene ritrovato nel bagno dove si era rinchiuso nei primi minuti, sanguinante dalle orecchie e dai denti, e tutti capiscono così quello che gli spettatori dovrebbero aver già intuito fin dalla sequenza dei titoli di testa. La seconda parte di El Bar si sviluppa da qui, ma preferiamo non fare spoiler.

Frenetico in tutto, dal ritmo ai dialoghi, il film trasmette un senso di disagio e di ansia claustrofobica, grazie ai movimenti senza sosta della macchina da presa all’interno di spazi ridotti. L’onnipresente accompagnamento musicale si inserisce da qualche parte tra la paranoia di Alfred Hitchcock e il classico disaster movie. De la Iglesia non tenta mai di vendere la sua storia come qualcosa di realistico, ma piuttosto lascia che i suoi personaggi esplodano senza freni. Tutto è comunque così forte, oltraggioso e veloce da rendere impossibile non venire risucchiati in una storia così eccentrica in grado di creare un proprio deliziosamente bizzarro campo di forza gravitazionale. La palette cromatica usata è inoltre pungente e funzionale – in alcuni momenti sembra diventare cartoonesca -, aggiungendo un ulteriore livello di assurdità all’impianto visivo.

In definitiva, chi conosce il regista e ha apprezzato le sue opere precedenti, difficilmente rimarrà deluso.

Di seguito il trailer originale del film, che molto probabilmente verrà distribuito direttamente da Netflix dalle nostre parti:

Mario Casas
Blanca Suárez
Carmen Machi
Secun de la Rosa
Jaime Ordóñez
Terele Pávez
Joaquín Climet
Alejandro Awada
Jordi Aguilar
Diego Braguinsky
Mamen García
Daniel Arribas
Paco Sarro
Mari Giner
Mariano Andrés
Tony Lam
Sue Flack
Daniele Fileti
Miguel Fajardo
Helena Resano
5 è il numero perfetto film igort servillo
Horror & Thriller

Trailer per 5 è il numero perfetto: Toni Servillo è un gangster nella Napoli degli anni ’70

di Redazione Il Cineocchio

Igort adatta per il grande schermo il suo fumetto del 2002, strizzando l'occhio al cinema di Hong Kong di Johnnie To e a John Woo

Leggi
The Hunt film 2019
Horror & Thriller

Teaser per The Hunt: Emma Roberts e Hilary Swank braccate per sport da milionari spietati

di Redazione Il Cineocchio

C'è Damon Lindelof alla sceneggiatura del film diretto da Craig Zobel e prodotto dalla Blumhouse

Leggi
l'uomo invisibile film universal
Horror & Thriller

L’uomo Invisibile: trovato il protagonista del reboot; c’è la data di uscita

di Redazione Il Cineocchio

Arriva dalla serie horror Hill House l'attore che affiancherà Elisabeth Moss e Storm Reid nel film diretto da Leigh Whannell prodotto da Blumhouse e Universal

Leggi
Something Else film 2019
Horror & Thriller

Something Else | La recensione della monster dramedy con Brea Grant (NIFFF 2019)

di Sabrina Crivelli

Jeremy Gardner - attore e regista insieme a Christian Stella - è al centro di un horror bizzarro, che gioca con le aspettative dello spettatore e sulla sanità mentale del protagonista

Leggi
Achoura film 2019 nifff
Horror & Thriller

Achoura | La recensione dell’horror di Talal Selhami sul Bougatate (NIFFF 2019)

di Sabrina Crivelli

Il regista franco-marocchino torna sulle scene con una favola dark sulla perdita dell'innocenza un po' debitrice di IT, che ha il pregio di introdurre al pubblico occidentale un boogeyman del folkore arabo che mangia i bambini

Leggi
drag-me-to-hell-raimi
Horror & Thriller

Sam Raimi su Drag Me To Hell: “Vi spiego perché non c’è stato un sequel”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista dell'horror del 2009 ha parlato del banale motivo per cui non ha mai pensato di proseguire la storia che ha visto coinvolta Alison Lohman

Leggi
blair witch woods wingard
Horror & Thriller

Eduardo Sanchez su The Blair Witch Project: “Ho idee per dei film su Rustin Parr ed Elly Kedward”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista dell'horror del 1999 ha rivelato come vorrebbe continuare la saga, adottando un approccio decisamente alternativo e poco tradizionale

Leggi
Dario Argento Netflix Stranger Things
Horror & Thriller

Dario Argento su Stranger Things: “Ci avrei messo più sangue; vi dico come affronterei un Demogorgone”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista 78enne parla della serie fanta-horror di Netflix, rivelando quali cambiamenti avrebbe apportato lui negli anni '80 e le armi più adatte per sconfiggere il terribile mostro

Leggi
Come to Daddy film 2019 2
Horror & Thriller

Come to Daddy | La recensione della horror comedy con Elijah Wood (NIFFF 2019)

di Sabrina Crivelli

Il neozelandese Ant Timpson debutta alla regia con un film intriso di gore e humor nero che racconta un difficile rapporto tra padre e figlio

Leggi
Sylvester Stallone Terminator 2 Deepfake
Horror & Thriller

Video Deepfake | Sylvester Stallone è il T-800 di Terminator 2 al posto di Arnold Schwarzenegger

di Redazione Il Cineocchio

Con la stessa rivoluzionaria e inquietante tecnologia, in altre 3 clip Jim Carrey diventa Jack Torrance in Shining e Bill Murray è il Sergente Maggiore Hartman di Full Metal Jacket

Leggi
bruce campbell la casa 1981
Horror & Thriller

Sam Raimi su La Casa: “Penso a un nuovo film della saga, magari con Bruce Campbell e Fede Alvarez”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista della trilogia originale riaccende la speranza dei fan dopo la cancellazione della serie Ash vs. Evil Dead e il 'ritiro' dal ruolo dell'attore

Leggi
they reach film sylas dall 2019
Horror & Thriller

Trailer per They Reach, horror retrò che ‘rubacchia’ da Stranger Things

di Redazione Il Cineocchio

Il regista Sylas Dall prova ad attirare un po' l'attenzione del pubblico per il suo film d'esordio 'omaggiando' sfacciatamente l'acclamata serie di Netflix

Leggi
sadako film 2019 nakata
Horror & Thriller

Trailer per Sadako: Hideo Nakata torna su The Ring dopo 14 anni

di Redazione Il Cineocchio

Il regista, già dietro alla mdp dei primi due film giapponesi, ci porta ancora una volta nei pressi del pozzo maledetto

Leggi
Secret Obsession film netflix 2019
Horror & Thriller

Trailer per Secret Obsession: Brenda Song senza memoria nel thriller di Netflix

di Redazione Il Cineocchio

L'attrice irretita da Mike Vogel dopo un trauma nel film originale diretto da Peter Sullivan

Leggi
Takeshi Kitano in Sonatine (1993)
Horror & Thriller

Riflessione | Come Sonatine di Takeshi Kitano ha anticipato Pulp Fiction

di William Maga

Vediamo come, nel 1993, il film giapponese contenesse già tutti gli elementi sdoganati l'anno dopo a Hollywood - e al pubblico occidentale - dal cult di Quentin Tarantino

Leggi
Vita segreta di Maria Capasso

Vita segreta di Maria Capasso

18-07-2019

Good Boys - Quei cattivi ragazzi

Good Boys - Quei cattivi ragazzi

18-07-2019

Birba - Micio Combinaguai

Birba - Micio Combinaguai

18-07-2019

Skate Kitchen

Skate Kitchen

18-07-2019

Serenity - L'Isola dell'Inganno

Serenity - L'Isola dell'Inganno

18-07-2019

Edison - L'uomo che illuminò il mondo

Edison - L'uomo che illuminò il mondo

18-07-2019

Raccolto amaro

Raccolto amaro

18-07-2019

Welcome Home

Welcome Home

11-07-2019

Il mostro di St. Pauli

Il mostro di St. Pauli

11-07-2019

Domino

Domino

11-07-2019

RECENSIONE

Powidoki - Il ritratto negato

Powidoki - Il ritratto negato

11-07-2019

G.A.I.A.

G.A.I.A.

10-07-2019

Spider-Man - Far From Home

Spider-Man - Far From Home

10-07-2019

RECENSIONE