Home » Cinema » Sci-Fi & Fantasy » [recensione Sitges 50] Errementari – Il Fabbro e il Diavolo di Paul Urkijo Alijo

6/10 su 217 voti. Titolo originale: Errementari, uscita: 02-03-2018. Regista: Paul Urkijo Alijo.

[recensione Sitges 50] Errementari – Il Fabbro e il Diavolo di Paul Urkijo Alijo

19/10/2017 recensione di Sabrina Crivelli

Álex de la Iglesia produce un fascinoso horror fantastico immerso nel folklore basco incentrato sulla leggenda del fabbro di cui aveva timore perfino il Diavolo

Lungometraggio di debutto Paul Urkijo Alijo, Errementari – Il Fabbri e il Diavolo (Errementari: El herrero y el Diablo) riesce a dare forma a un insieme di leggende vernacolari basche, attraverso una medievalesca e riuscitissima iconografia infernale; indiscutibile garanzia di qualità è la presenza, in veste di produttore, di Álex de la Iglesia.

Errementari IglesiaAl centro della storia c’è un uomo tanto terribile che perfino il Diavolo ne aveva paura, l’Errementari del titolo, ossia il fabbro Paxti (Kandido Uranga). La vicenda si apre con una sommaria esecuzione di gruppo durante la Guerra Carlista nel 1833, un manipolo di disperati viene fucilato senza pietà, poi tra la nebbia compare un sagoma luciferina, subito dopo segue quella di un uomo barbuto che aggredisce e mette in fuga la milizia, si tratta proprio del suddetto. Stacco. Passano sette anni e vediamo la piccola Usue (Uma Bracaglia), un’orfana la cui madre si è suicidata, che viene costantemente sgridata dalla tutrice e dal sacerdote di campagna a cui è stata affidata, poi vessata dalle bambine e dai bambini del paese, i quali la escludono e le fanno angherie in continuazione. In particolare, alcuni coetanei per dispetto le rubano la bambola, poi le strappano la testa e la buttano proprio all’interno della proprietà del fabbro. Nel mentre arriva alla locanda del villaggio un commissario del governo, Alfredo (Ramón Aguirre), sulle tracce proprio del suddetto, dichiarando di essere convinto che nella sua magione sia stato nascosto un carico d’oro rubato molti anni prima. Si susseguono poi una serie di strani eventi, che ammantano sempre più di mistero la fosca abitazione: anzitutto muore nel giardino uno dei componenti della spedizione al seguito del pubblico ufficiale, addentratisi nella sinistra magione per indagare sul tesoro scomparso. Successivamente Ursue, trovatasi all’interno dell’edificio fatiscente ricoperto di grosse croci e spunzoni di metallo, scova un bambino macilento in una gabbia che la supplica di liberarlo. Tuttavia l’apparenza inganna e sia il fabbro, sia colui che la bimba incontra all’interno della sua sinistra magione, non sono ciò che sembrano.

Molti sono gli aspetti interessanti della pellicola del giovane regista spagnolo, nel contenuto come nella forma. Anzitutto si tratta della silloge di svariati elementi tratti dalla cultura locale radicata nella tradizione del popolo basco. Viene così fornita anche a coloro che la ignorano la possibilità di conoscere tale incredibile patrimonio, che comprende la leggenda di Errementari e le peripezie del buffo diavolo Sartael (incarnato da Eneko Sagardoy). Al fascinoso emisfero folkrorico si unisce poi un immaginario vasto e immaginifico, ossia la messa in scena di una vasta rosa di creature infernali, tra l’antropomorfo e il ferino, tutte caratterizzate con incredibile minuzia, quasi fossero studi fisiognomici del mostruoso. Non solo; viene data una suggestiva e terrificante configurazione anche all’entrata dell’Inferno, presieduta da uno stuolo di demoni che spingono una lunga fila di anime peccatrici scalze e ricoperte di stracci verso l’eterna dannazione, tra fuliggine, lapilli incandescenti e tenebra. Oltre all’estetica, anche la parlantina, la psicologia del piccolo diavolo, come dei suoi simili, è costruita con grande maestria, tra intrigante, petulante e goffo, fornendo del Male un ritratto grottesco, all’altezza del luciferino seguito del professor Woland (in Il Maestro e Margherita ovviamente).

ErrementariInfine c’è l’antropologico, gli uomini che sono descritti con uno humor altrettanto sagace nelle loro piccole grettezze, nei loro meschini peccati. Come i diavoli, anche i personaggi umani rappresentano una gamma variegata di tutte le età e di tutti i tipi; i più però soccombono a un cattolicesimo ipocrita, come il prete del paese, che seppure non sia apertamente malvagio, certo non ha la forza di seguire la retta via, ma impone una dottrina opportunistica e gretta. Allo stesso modo, molti seguono questo mediocre credo, che pretende di giudicare il prossimo in maniera sommaria senza nessuna pietà e solo sulle apparenze, che emargina il diverso, come gli adulti con Paxti e i bambini con Ursue. L’andare in chiesa e dire qualche Ave Maria non cambierà di sicuro la squallida natura del gruppo di ragazzini e ragazzine che vessano la piccola orfana, né quella dei loro genitori che non fanno lo stesso col fabbro solo per paura e superstizione perfino; Sartael si rivela più pietoso dei meschini paesani, chiusi invece nelle loro ottuse credenze. I due emarginati si dimostreranno invece di gran lunga i migliori e più nobili tra i personaggi.

Denso d’atmosfera, visionario nell’estetica, sagace nei dialoghi ed elevato ulteriormente dalla ottima performance dal trio di attori protagonisti, l’ironico e mefistofelico Sagardoy, il ruvido Uranga e l’ottima Bracaglia – nonostante la sua giovane età -, Errementari – Il Fabbro e il Diavolo è una pellicola di indiscutibile qualità e originalità. 

Di seguito il trailer originale:

Kandido Uranga
Eneko Sagardoy
Uma Bracaglia
Ramón Aguirre
Gorka Aguinagalde
Josean Bengoetxea
José Ramón Argoitia
Iñigo de la Iglesia
Itziar Ituño
Gotzon Sánchez
Aitor Urcelai
Maite Bastos
Zigor Bilbao
Jon Ander Alonso
Naia García
Haizea García
Unax González
Lisa Costanza
Elias García
Ioar Argomaniz
Urko Olazabal
Ander Pardo
José Ruiz de Azúa
Almudena Cid
Pako Eizagirre
Ortzi Acosta
Ramón Agirre
Daybreak (2019) serie netflix
Sci-Fi & Fantasy

Teaser per Daybreak: il post Apocalisse è irriverente nella serie Netflix con Matthew Broderick

di Redazione Il Cineocchio

Il regista Brad Peyton adatta per il piccolo schermo il fumetto indipendente di Brian Ralph, che dà una nuova lettura adolescenziale e divertita delle atmosfere alla Mad Max

Leggi
Blood Machines (2019) film carpenter brut
Sci-Fi & Fantasy

Full trailer per Blood Machines, l’immaginifica space opera retrò di Seth Ickerman

di Redazione Il Cineocchio

L'inventivo duo francese espande il concept dell'acclamato videoclip Turbo Killer del 2016, avvalendosi delle musiche a tutto synth del musicista Carpenter Brut

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Il Trono di Spade: c’è lo script del pilot di Fire and Blood, spin-off prequel sui Targaryen

di Redazione Il Cineocchio

Dopo The Long Night, HBO prepara un'altra serie ambientata nel passato, con la benedizione di George R.R. Martin

Leggi
Ridley Scott in Blade Runner (1982)
Sci-Fi & Fantasy

Tra le pieghe del tempo | Ridley Scott nel 1997: “Giro Blade Runner 2, ispirato da Anne Rice”

di Redazione Il Cineocchio

Già 20 anni prima che ci mettesse mano Denis Villeneuve, il regista del seminale film del 1982 rivelava a sorpresa i dettagli del concept del sequel e l'influenza della scrittrice sulla decisione

Leggi
orlando e cara carnival row serie
Sci-Fi & Fantasy

Carnival Row | La recensione della serie fantasy vittoriana con Orlando Bloom e Cara Delevingne

di William Maga

Ci sono gli Amazon Studios dietro alla prima stagione dello show originale che maschera temi sociali attualissimi dietro una patina di magia e steampunk

Leggi
dark crystal la resistenza serie 2019 netflix
Sci-Fi & Fantasy

Dark Crystal: la Resistenza | La recensione della serie prequel che ci riporta a Thra

di William Maga

Dopo quasi 40 anni, il regista Louis Leterrier e Netflix realizzano un prequel al classico del cinema fantasy di Frank Oz e Jim Henson, un rispettoso tributo che è una festa per gli occhi e per lo spirito

Leggi
parodie hard fantascienza film xxx porno
Sci-Fi & Fantasy

Dossier | Storia delle parodie porno dei classici della fantascienza in 25 film

di Redazione Il Cineocchio

Fin dal lontano 1974, l'industria del cinema per adulti ha 'omaggiato' a modo suo i grossi successi al botteghino e le serie TV più popolari, andando a creare un sottogenere ancora oggi florido

Leggi
bozzetto Victor Togliani GILGAMESH MANIFESTO
Sci-Fi & Fantasy

Intervista | Victor Togliani: “Voglio portare sul grande schermo l’Epopea di Gilgamesh”

di Alessandro Gamma

Abbiamo incontrato nuovamente l'artista, che ci ha parlato del suo ambizioso progetto di lunga data di un film sul primo poema della storia dell'umanità, mostrandoci anche alcuni bozzetti in anteprima assoluta

Leggi
no.7 cherry lane film 2019
Sci-Fi & Fantasy

No.7 Cherry Lane | La recensione del film animato di Yonfan (Venezia 76)

di Teresa Scarale

Vincitore per la miglior sceneggiatura a Venezia 76, il primo lungometraggio disegnato del regista cinese 71enne avanza al ritmo di un bradipo letargico. Ma, accettando di sperimentare in prima persona la relatività del tempo, si verrà rimunerati con anticonformismo, eros, poesia. E con quel tocco di spirito rivoluzionario, così irresistibile in una donna elegante

Leggi
leone d'oro venezia 76
Sci-Fi & Fantasy

Diario da Venezia 76 | Giorno 10: pagellone finale e pronostici dei vincitori

di Giovanni Mottola

Siamo giunti alla fine dell'edizione 2019, quindi non ci resta che tirare le somme

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Recensione Blu-ray | Dredd – Il Giudice Dell’Apocalisse + Stake Land 2

di Redazione Il Cineocchio

Esaminiamo da vicino le edizioni del fanta-poliziesco di Pete Travis, distribuito dopo 7 anni di oblio, e dell'horror diretto da Dan Berk e Robert Olsen

Leggi
disincanto serie stagione 2 netflix
Sci-Fi & Fantasy

Teaser lungo per Disincanto parte 2: Bean scende all’Inferno nella serie animata di Netflix

di Redazione Il Cineocchio

Nei nuovi episodi dello show animato originale di Netflix, la principessa ubriacona e il demonietto Luci si metteranno sulle tracce dell'amico perduto, incontrando pericoli di ogni sorta

Leggi
summer glau fireflfy serie
Sci-Fi & Fantasy

Summer Glau su Firefly: “Sono combattuta sul reboot; non so se sarebbe giusto farlo”

di Redazione Il Cineocchio

La protagonista dell'amata - e sfortunata - serie di Joss Whedon del 2002 ha parlato del perché rimetterci mano oggi potrebbe non essere una cosa positiva, specie per i fan

Leggi
matthias hues arma non convenzionale
Sci-Fi & Fantasy

Matthias Hues su Arma non convenzionale: “Nessuna chimica con Dolph Lundgren sul set”

di Redazione Il Cineocchio

A quasi 30 anni dall'uscita, l'attore tedesco ha ricordato l'esperienza nel film cult diretto da Craig R. Baxley

Leggi
Brad Pitt in Ad Astra (2019)
Sci-Fi & Fantasy

Ad Astra | La recensione dell’odissea verso le stelle di James Gray con Brad Pitt (Venezia 76)

di William Maga

Il regista gira un film ambiziosissimo, che si affida a modelli 'alti' ma il cui messaggio finisce per edulcorarsi sotto il peso della composizione visiva

Leggi