Home » Cinema » Azione & Avventura » Spider-Man: Far From Home | La recensione della gita in Europa di Tom Holland

7/10 su 3531 voti. Titolo originale: Spider-Man: Far from Home, uscita: 28-06-2019. Budget: $160,000,000. Regista: Jon Watts.

Spider-Man: Far From Home | La recensione della gita in Europa di Tom Holland

05/07/2019 recensione di William Maga

Il sequel firmato ancora da Jon Watts ci porta a spasso per il Vecchio Continente, puntando forte sulle gag e un'impacciata romance, e aggiungendo a una formula collaudata il misterioso Jake Gyllenhaal

spider-man far from home londra

Arrivando nei cinema a pochi mesi dall’evento Avengers: Endgame (la recensione), questo nuovo capitolo delle avventure cinematografiche dell’Uomo Ragno firmato ancora una volta dal regista Jon Watts si scontra inevitabilmente con innumerevoli aspettative.

Non ci sono squadroni di eroi qui, nessun cammeo a sorpresa o colpi di scena imprevisti relativi al MCU così come lo avevamo lasciato. Lo show di Cap e Tony si è davvero concluso. E la Marvel dovrà lavorare molto duramente per ritrovare e convogliare nuovamente sul grande schermo quella particolare magia durata così a lungo.

spider-man far from home venezia posterOra, Spider-Man: Far From Home ci dà un assaggio di quello che sarà il futuro prossimo. Il film riprende l’azione nel presente, pochi mesi dopo il tremendo cataclisma generato da Thanos, ora definito “il blip“, un simpatico nomignolo affibbiato all’apocalittico evento che temporaneamente aveva cancellato da un momento all’altro metà della vita nell’universo. Nessuno (i ‘gruppi di sostegno’ a cui si accenna in apertura fanno francamente sorridere) sembra pensare seriamente al problema derivante dalla ricomparsa improvvisa – dopo cinque anni in cui la vita per tutti i rimasti è andata avanti – di 3 miliardi di individui che si ritenevano ‘andati per sempre’, ma quel che conta è che tutti quelli che erano morti o scomparsi alla fine di Endgame, conservino il loro ‘status’. In particolare, Tony Stark (Robert Downey Jr.) è ora ricordato alla stregua di un ‘messia’ che si è sacrificato per la salvezza dell’umanità, con la sua facciona che fissa severamente – ma benevolmente – le masse dai murales spruzzati sui muri di ogni angolo delle città, come un Gesù in armatura con problemi di alcol e che ama le auto sportive.

Continuando a soffrire per la dipartita dell’amico / mentore, ma deciso comunque a uscire dalla sua ingombrante ombra, il giovane Peter Parker (Tom Holland) è intanto tornato alla vita newyorkese di tutti i giorni, sognando una storia d’amore impossibile con la caustica compagna di classe MJ (Zendaya) e cercando al contempo di destreggiarsi tra le richieste d’aiuto derivanti dall’essere un amichevole Spider-Man di quartiere e gestire i soliti drammi e traumi di un normale adolescente.

Una possibile via di fuga dalle gravose responsabilità gli viene offerta da una scampagnata oltreoceano, ma la sceneggiatura di Chris McKenna e Erik Sommers sceglie pigramente di imboccare l’ennesima variazione sulla ‘gita nella libertina Europa di un gruppo di studenti americani pronti a far baldoria’, infarcita dei triti cliché di questo tipo di commedie (da American Pie in giù), a cominciare dalle musiche ‘incredibili’ (vedi Umberto Tozzi e Mina) che incorniciano le visite alle diverse città ‘ da cartolina’ dell’itinerario. Si potrebbe pensare a una sorta di parodia, ma – visto anche quanto accaduto con la Sicilia del recente Aquaman (la recensione) – è più facile pensare che a Hollywood l’Italia (ma pure l’Olanda …) sia ancora quella della ‘Dolce Vita’, solo che ora ‘Boh’ ha sostituito il più classico ‘Mamma mia!’.

Jake Gyllenhaal in Spider-Man Far from Home (2019)In ogni caso, il Vecchio Continente viene usato in Spider-Man: Far From Home come esotico sfondo per una serie di violenti incontri ravvicinati con gli Elementali, creature apparentemente interdimensionali legate ai quattro elementi (fuoco, aria, terra, acqua) che appaiono improvvisamente e non si sa per quale ragione in alcune zone ben precise del nostro pianeta con l’intento di distruggere ogni cosa. Per fortuna, visto che tutti i supereroi noti sono a quanto pare in ‘gita’ altrove e / o non hanno più voglia di occuparsi di eventuali nuove minacce che potrebbero costare la vita a milioni di persone, compare altrettanto dal nulla tale Quenti Beck (interpretato da un Jake Gyllenhaal che pare proprio a suo agio nel ruolo), che – come anticipato dai trailer – sembrerebbe arrivare da un’altra Terra di un ipotetico multiverso ed essere l’unico in grado di contrastare e sconfiggere i suddetti giganteschi villain grazie ai suoi poteri e al suo curioso costume. Soprannominato Mysterio dall’opinione pubblica, viene ‘assoldato’ dal redivivo Nick Fury (un Samuel L. Jackson in versione zimbello, ma c’è un motivo ….), che gli affianca Peter Parker, nella speranza che il ragazzo abbracci il suo destino di nuovo Avenger. Naturalmente, quando un trailer promozionale spoilera con mesi d’anticipo qualcosa di così scioccante, uno o più inghippi sono dietro l’angolo.

C’è una formula collaudatissima da eoni ormai per qualsiasi film di superoi, e Spider-Man: Far From Home non fa eccezione: l’eroe ha dei conflitti da risolvere, l’eroe viene sconfitto, l’eroe impara delle importanti lezioni di vita, l’eroe alla fine trionfa. Qui, lungo il tragitto troviamo una serie di sporadiche gag più o meno divertenti (o imbarazzanti, come il ‘Peter prurito’ …) e il consueto profluvio di effetti speciali milionari (facciamoli sentire sti 160 milioni di dollari di budget).

spider-man far from home iron manLa storia tra Tom Holland e Zendaya è – più o meno prevedibilmente – al centro del film, i due attori mettono sul tavolo una certa chimica, e per lo più hanno successo nel rendere spontanea e adeguatamente ‘imbranata’ la loro relazione adolescenziale, mentre il mondo letteralmente esplode intorno a loro. Ah, a tal proposito, varrebbe la pena aprire un’altra piccola ‘insignificante’ parentesi. Venezia viene rasa al suolo da un Elementale. Praga viene rasa al suolo da un Elementale. Londra viene rasa al suolo da un altro Elementale. Vediamo palazzi crollare, bus e auto in fiamme, persone correre via. Cinque minuti dopo che la minaccia è stata sventata, nessuno sembra più curarsi della succitata distruzione, niente polizia o esercito per le strade, niente ambulanze o elicotteri. Va beh. Dettagli.

Parlando dei comprimari, Jon Favreau si ritaglia qualche scena ‘importante’ come Happy Hogan, che, fedele al suo nome, dispensa allegria a piene mani e sembra aver superato alla grande la morte di Tony, broccolando audacemente la premurosa zia May (Marisa Tomei). Tutti gli altri sullo schermo sembrano invece esser stati inseriti come mero riempimento per portare a casa le 2 ore d’ordinanza: la biondina innamorata, gli insegnanti agitati, gli altri compagni di classe che pascolano anonimi fornendo rumore di fondo.

Jon Favreau, Tony Revolori, Angourie Rice, Zendaya e Jacob Batalon in Spider-Man Far from Home (2019)E se qualcuno degli spettatori ha familiarità con il personaggio di Mysterio visto nei fumetti Marvel, non farà troppa fatica ad anticipare – almeno parzialmente – il colpo di scena centrale di Spider-Man: Far From Home. Per tutti gli altri fan del MCU invece, si tratterà di un pigro ‘omaggio’ al bistrattato Iron Man 3.

In definitiva, molto è successo nell’universo cinematografico Marvel tra Spider-Man: Homecoming (la recensione) del 2017 e questo sequel. Che lo script fosse non semplice da gestire era forse inevitabile, ma Jon Watts e i suoi sceneggiatori avrebbero dovuto raccogliere con maggior coraggio la sfida lanciata dagli ultimi film e provare davvero a raccontare qualcosa di nuovo e forse più audace e adulto. Così, oltre a qualche gadget (giusto accennato), otteniamo solo qualche piccolo passo avanti nella crescita personale di Peter Parker verso il supereroe con problemi di responsabilità che tutti conosciamo già. D

A tal proposito, non alzatevi prima della fine dei titoli di coda. Sono presenti 2 scene post-credits, con la prima che sicuramente vi lascerà sbalorditi per quello che anticipa.

Di seguito trovate il full trailer italiano e quello internazionale (per meglio apprezzare le voci originali) di Spider-Man: Far From Home, nei nostri cinema dal 10 luglio:

BIRDS OF PREY film margot robbie
Azione & Avventura

Teaser e poster per Birds of Prey: Harley Quinn è la paladina pazzerella di Gotham City

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono anche Mary Elizabeth Winstead e Ewan McGregor al fianco di Margot Robbie nel nuovo film della DC diretto da Cathy Yan

Leggi
l'immortale serie amazon 2019 anime
Azione & Avventura

Trailer per L’Immortale: Manji fa un bagno di sangue nella serie animata di Amazon

di Redazione Il Cineocchio

A un paio d'anni dal film di Takashi Miike, il popolare e violentissimo manga di Hiroaki Samura arriva sul piccolo schermo

Leggi
cobra stallone 1986 film
Azione & Avventura

Sylvester Stallone su Cobra: “La serie TV è nelle mani di Robert Rodriguez”

di Redazione Il Cineocchio

La star del film del 1986 ha confermato che il progetto di riportare sul piccolo schermo Marion Cobretti è ancora caldissimo

Leggi
Azione & Avventura

Danny Trejo su Machete Kills in Space: “Lo giro io stesso se nessuno si decide a farlo”

di Redazione Il Cineocchio

L'attore 75enne è tornato a parlare del rimandatissimo film, mostrandosi assolutamente intenzionato a realizzarlo

Leggi
Jurassic World Battle at Big Rock cortometraggio
Azione & Avventura

Cortometraggio | Jurassic World – Battle at Big Rock: notte di terrore al campeggio in balìa dell’Allosauro

di Redazione Il Cineocchio

André Holland e Natalie Martinez sotto attacco negli 8 minuti diretti da Colin Trevorrow che ci rivelano cos'è successo dopo gli eventi di Il Regno Distrutto

Leggi
Azione & Avventura

Trailer esteso per Watchmen (la serie): un esercito di Rorschach è sul punto di scatenare il caos

di Redazione Il Cineocchio

Nello show originale supervisionato da Damon Lindelof, che ci riporta nell'universo distopico creato da Alan Moore oltre 30 anni fa, troviamo Jeremy Irons e Don Johnson

Leggi
Sylvester stallone rambo 1982
Azione & Avventura

Dossier | Rambo Saga: First Blood, tutto inizia nel 1982 (Parte I)

di Francesco Chello

Oltre 35 anni fa, Sylvester Stallone portava nei cinema il primo film dedicato a un altro eroe problematico, un reietto con cui empatizzare simbolo delle ferite lasciate aperte dalla guerra del Vietnam

Leggi
Jesus Rolls – Quintana è tornato film 2019
Azione & Avventura

Data di uscita e immagini per Jesus Rolls – Quintana è tornato, spin-off di Il Grande Lebowski

di Redazione Il Cineocchio

A 20 anni dal film dei fratelli Coen, John Turturro riprende il suo personaggio, circondandosi di star del calibro di Susan Sarandon e Christopher Walken

Leggi
Vincent D'Onofrio, R. Lee Ermey, Matthew Modine e Arliss Howard in Full Metal Jacket (1987)
Azione & Avventura

Recensione story | Full Metal Jacket di Stanley Kubrick

di William Maga

Nel 1987, il regista raccontava in modo lucidissimo e scioccante le brutalità della guerra (non solo del Vietnam)

Leggi
Babyteeth film 2019 shannon Murphy
Azione & Avventura

Babyteeth | La recensione del film d’esordio di Shannon Murphy (Venezia 76)

di Teresa Scarale

A metà fra Beverly Hills 90210 e Colpa delle stelle, l'opera prima della regista australiana è il diminutivo di un film. Un ritrito drammino adolescenziale dai colorini pastello e dalla fotografia slavata, suddiviso in rosei capitoletti come fossero post di Instagram

Leggi
rutger hauer furia cieca
Azione & Avventura

Wanted, Furia Cieca, Sotto Massima Sorveglianza: Rutger Hauer in tre film solo all’apparenza minori

di Francesco Chello

Ripercorriamo tre titoli spesso dimenticati - o comunque non abbastanza celebrati - interpretati dall'attore olandese a cavallo tra la fine degli anni '80 e l'inizio dei '90, ricchi di spunti interessanti

Leggi
first love film miike 2019
Azione & Avventura

Full trailer per First Love, thriller surreale di Takashi Miike tra yakuza e boxe

di Redazione Il Cineocchio

L'ultima fatica del prolifico regista giapponese vede protagonisti Masataka Kubota, Jun Murakami e Shôta Sometani

Leggi
Azione & Avventura

Diario da Venezia 76 | Giorno 8: Il marciapiede sinistro di Via Veneto

di Giovanni Mottola

Al Lido è tempo di documentari sul nostro bel cinema che fu. Si parte con Mondo Sexy e si finisce con Life as a B movie: Piero Vivarelli. Non c'è tempo per Chiara Ferragni

Leggi
Antonio Banderas e Gary Oldman in The Laundromat (2019)
Azione & Avventura

The Laundromat | La recensione del film di Steven Soderbergh sui Panama Papers (Venezia 76)

di William Maga

Il regista firma per Netflix un lungometraggio che affronta con leggerezza - forse eccessiva - la 'più grande fuga di notizie della storia', facendo leva su un cast d'eccezione che vanta Meryl Streep, Gary Oldman e Antonio Banderas

Leggi
weathering with you film 2019
Azione & Avventura

Trailer e data d’uscita per Weathering With You, il nuovo film di Makoto Shinkai che gioca col meteo

di Redazione Il Cineocchio

Dopo il successo di Your Name del 2017, il regista giapponese torna sulle scene con una nuova storia dai contorni fantastici che coinvolge due adolescenti

Leggi
Selfie di famiglia

Selfie di famiglia

19-09-2019

Burning - L'amore brucia

Burning - L'amore brucia

19-09-2019

Eat Local - A cena con i vampiri

Eat Local - A cena con i vampiri

19-09-2019

RECENSIONE

C’era una volta a... Hollywood

C’era una volta a... Hollywood

18-09-2019

RECENSIONE

Chiara Ferragni - Unposted

Chiara Ferragni - Unposted

17-09-2019

May the exquisite scheme be only for her

May the exquisite scheme be only for her

15-09-2019

Tutta un'altra vita

Tutta un'altra vita

12-09-2019

La vita invisibile di Eurídice Gusmão

La vita invisibile di Eurídice Gusmão

12-09-2019

Grandi bugie tra amici

Grandi bugie tra amici

12-09-2019

E poi c'è Katherine

E poi c'è Katherine

12-09-2019

Good Boys - Quei cattivi ragazzi

Good Boys - Quei cattivi ragazzi

12-09-2019

Angry Birds 2 - Nemici amici per sempre

Angry Birds 2 - Nemici amici per sempre

12-09-2019

Apollo 11

Apollo 11

09-09-2019