Home » Cinema » Sci-Fi & Fantasy » Tenet | Guida all’interpretazione del film: il finale e la manovra a tenaglia temporale (by Chris Nolan)

Titolo originale: Tenet , uscita: 22-08-2020. Budget: $205,000,000. Regista: Christopher Nolan.

Tenet | Guida all’interpretazione del film: il finale e la manovra a tenaglia temporale (by Chris Nolan)

27/08/2020 news di Redazione Il Cineocchio

Spiegazione e analisi dell'ultima fatica del regista, dalla comprensione non esattamente immediata

washington film tenet 2020

Quello che leggerete è – naturalmente – un enorme spoiler di Tenet, il film di Christopher Nolan nei cinema dal 26 agosto (la nostra recensione), di cui proviamo a fornire una spiegazione dei punti più ostici.

“Quel che è stato, è stato”

Partiamo dal cattivo principale di questa spy story, ovvero Andrei Sator (Kenneth Branagh). L’uomo sta effettivamente lavorando da anni per conto di non ben precisati individui del futuro, un tempo in cui il pianeta è ormai così compromesso che “non hanno altra scelta che tornare indietro”. Una scienziata del futuro ha creato un algoritmo per invertire il flusso del tempo, ma per impedirne l’uso sconsiderato, lo ha diviso in nove pezzi distinti e lo ha fisicamente nascosto nel passato.

branagh tenet filmPer fermare Sator e salvare la vita della sua sventurata moglie Kat (Elizabeth Debicki), ferita da un colpo di arma da fuoco invertito, il team composto dal Protagonista (John David Washington), da Neil (Robert Pattinson) e da Ives (Aaron Taylor-Johnson) si inverte e inizia a tornare indietro nel tempo. Il Protagonista viene però avvertito che non può in nessun caso incontrare il suo io passato e che ha bisogno di un respiratore speciale poiché è invertito, ma “il mondo no”. Tuttavia, non è in grado di fermare subito Sator, poiché l’auto che vede capovolta durante la rapina in autostrada era in realtà la sua auto incidentata nell’inseguimento invertito. Per dare a Kat il tempo di guarire, si dirigono così verso Oslo, poiché sanno che lì si trova un’altra delle ‘macchine del tempo’, sapendo che possono ‘entrare’ nel tempo nel momento esatto in cui hanno originariamente creato il diversivo.

Qui, scopriamo che la persona con cui Il Protagonista ha lottato nei corridoi dell’hangar era in realtà il suo sé del futuro. Dopo aver attraversato la ‘macchina del tempo’ al porto franco, ora sono quindi nel passato, ma avanzano normalmente nel tempo. Il problema è che Sator pianifica di attivare l’algoritmo nel passato. L’ha sepolto nella sua vecchia città natale, sotto diverse bombe. Sembra che quando esploderanno, attiveranno l’algoritmo sepolto sotto di loro, cambiando per sempre l’entropia del mondo. Kat rivela allora che Sator sta morendo per un cancro terminale, e che ha intenzione di usare il suo fitness tracker come interruttore, intenzionato a uccidersi a bordo del suo lussuoso yacht quando saprà che il suo sé del passato non è lì e attivando l’algoritmo per distruggere il mondo.

Il protagonista, Neil e Ives si mettono così in missione per ripescare l’algoritmo prima che la bomba esploda, mentre Kat si dirige verso lo yacht per impedire che Sator si uccida prima che ci riescano.

L’intera operazione è una manovra a tenaglia temporale.”

A circa due ore dall’inizio di Tenet, riceviamo un briefing dal comandante Ives, che confonde ulteriormente le cose, almeno quanto le illumina. Una cosa è certa, però: il nuovo intricato rompicapo architettato da Christopher Nolan sta volgendo al termine. Oppure, aspettate – è solamente all’inizio?

Qui entra in gioco il concetto di ‘manovra a tenaglia temporale’ che Ives cita alcune volte. Nel ‘normale’ movimento a tenaglia, una forza aggira il suo avversario e attacca da due lati contemporaneamente, allargando le sue difese. Una manovra a tenaglia temporale, allo stesso modo, coinvolge delle truppe che attaccano un nemico. Tuttavia, sono ‘rinforzate’ dalle versioni invertite dei suoi soldati, che viaggiano all’indietro nel tempo e sono ‘armate’ della conoscenza di come si è concluso l’attacco originale.

Mal di testa per questa prima parte di spiegazione?

Questo film palindromico è anche esso stesso una manovra a tenaglia temporale. Prende infatti l’idea di una battaglia combattuta su due fronti e pone lo spettatore nel mezzo di una guerra tra passato e futuro.

Tenet (un titolo palindromo che si riferisce ingegnosamente non tanto al quadrato del Sator latino, ma ai 10 minuti finali in avanti e ai 10 minuti all’indietro – ‘ten’ in lingua inglese, appunto -, come accade nella battaglia cruciale al suo culmine) termina con una scena che chiude il loop del film, poiché Neil rivela che è stato Il Protagonista stesso ad averlo reclutato nel futuro. Il che chiarisce perché Neil fosse sempre un passo avanti e sapeva cosa sarebbe successo (o perché sapesse che Il Protagonista non bevesse mai alcolici sul lavoro).

Questo viene chiarito mentre Neil si allontana, quando vediamo una cordicina arancione pendere dal suo zaino. La stessa che era apparsa sulla borsa dell’uomo che salva Il Protagonista da un proiettile rovesciato durante l’assalto terroristico all’Opera di Kiev nella scena di apertura, e successivamente, durante la manovra a tenaglia temporale, addosso all’uomo che apre il cancello per arrivare alla bomba. Come spiega Neil, questa è la fine della storia per lui: deve tornare indietro nel lato ‘invertito’ della battaglia, in modo da poter aprire il cancello e passare davanti al proiettile destinato al Protagonista. Il loop di Neil è così chiuso, ma per Il Protagonista, questo è solo l’inizio della loro amicizia.

Ma come funziona esattamente questo procedimento fantascientifico?

tenet nolan film 2020Ebbene, come spiega Il Protagonista nell’epilogo di Tenet, quando è seduto sul sedile del passeggero dietro a Priya (Dimple Kapadia), è stato proprio lui a dare il via a Tenet in primo luogo. In futuro si è invertito, ha organizzato l’intera missione, quindi ha reclutato Neil e gli ha fornito le informazioni di cui aveva bisogno per poter essere in grado di aiutarlo. Inoltre, lui stesso sarebbe sembrato reclutato. E si, anche gli spettatori in sala.

Si tratta di un modo pulito per concludere la vicenda. Ma le implicazioni della fisica e le linee temporali interconnesse in Tenet sono così complesse che il film ha bisogno di un epilogo capace di chiudere il loop per legare insieme tutti quei fili sciolti della trama. Dopo tutte le esplosioni dei 150 minuti precedenti, è probabilmente una conclusione meno esplosiva e più rassicurante, che ci permette di riprendere il fiato (e massaggiarci le tempie).

Come finale in sé, Tenet è meno ambiguo della trottola che chiude Inception, e meno emotivamente potente di Tom Hardy che dà fuoco al suo aereo negli ultimi momenti di Dunkirk. Invece, sembra che sia stato posizionato un pezzo di puzzle che ci consenta di vedere il quadro completo. In questo modo, assomiglia più al finale di Memento, che è davvero il centro della storia.

Per Christopher Nolan, a cui decisamente non piace raccontare storie in modo lineare, un finale non è mai un punto fermo, ma più un’ellissi. È il concetto centrale di Tenet. Non si tratta di cambiare il passato o il futuro, tutto è stato parte dello stesso ciclo. Sator non avrebbe mai potuto avere successo nella sua missione di distruzione, perché non ce l’ha mai fatta

Di seguito la featurette esclusiva sul dietro le quinte di Tenet, nei cinema dal 26 agosto:

Fonte: E

LEGGI LA RECENSIONE

Altre notizie su Tenet:

utopia serie amazon 2020
Sci-Fi & Fantasy

Utopia 2020 (stagione 1) | La recensione della serie Amazon con Jessica Rothe (8 episodi)

di William Maga

La versione americana dell'omonimo show britannico di Dennis Kelly del 2013 sorprende, rivelandosi qualcosa di più di una copia sbiadita

Leggi
storia di fantasmi cinesi film 1987
Sci-Fi & Fantasy

Dossier | Storia di fantasmi cinesi: una saga folk che mescola magia, comicità e horror

di Marco Tedesco

Ripercorriamo la saga iniziata nel 1987 dal regista Ching Siu-tung, esponente di spicco del genere FantAsia

Leggi
Skylin3s film 2020
Sci-Fi & Fantasy

Trailer per Skylin3s: si va sul pianeta degli alieni per la battaglia finale

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono Lindsey Morgan e Rhona Mitra tra i protagonisti del terzo - e ultimo - capitolo della saga sci-fi iniziata nel 2010

Leggi
x-files l'uomo che fuma
Fried Barry 1
Sci-Fi & Fantasy

Fried Barry | La recensione del delirante film di Ryan Kruger (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Tossici, alieni, prostitute e criminali sono gli elementi in cui il regista sudafricano immerge lo spaesato Gary Green, in un allucinato ritratto notturno di Cape Town

Leggi