Home » Cinema » Horror & Thriller » The Haunting of Sharon Tate | La recensione del film con Hilary Duff

4/10 su 15 voti. Titolo originale: The Haunting of Sharon Tate, uscita: 05-04-2019. Regista: Daniel Farrands.

The Haunting of Sharon Tate | La recensione del film con Hilary Duff

09/04/2019 recensione di Sabrina Crivelli

L'ex teen idol di casa Disney è l'inadatta protagonista della maldestra rilettura degli omicidi di Cielo Drive pensata e diretta da Daniel Farrands

Hilary-Duff-in-The-Haunting-of-Sharon-Tate-2019-film

Può un agghiacciante fatto di cronaca conosciuto da tutti essere rappresentato in modo altrettanto sconvolgente al cinema e stupire ogni volta che viene messo ciclicamente in scena? Nel tentativo di rielaborare secondo una nuova e meno scontata prospettiva il tristemente celebre eccidio di Cielo Drive, lo sceneggiatore e regista Daniel Farrands (The Amityville Murders) ci presenta allora The Haunting of Sharon Tateriscrivendo la storia dell’omicidio a sangue freddo della moglie gravida di Roman Polański. Tuttavia, la sua ‘intuizione’ non paga affatto e la sua versione è incapace di rendere l’orrore della vicenda.

The Haunting of Sharon Tate film posterIniziamo, però, dalla storia vera che ha ispirato il film. L’8 agosto del 1969 Sharon Tate, all’ottavo mese di gravidanza, fu uccisa nella sua villa a Beverly Hills insieme agli amici Jay Sebring, Wojciech Frykowski e Abigail Folger. I colpevoli, Charles “Tex” Watson, Susan Atkins, Patricia Krenwinkel e Linda Kasabian, erano tutti membri di una setta, passata alla storia come The Family e guidata dal carismatico Charles Manson. I quattro, armati di coltelli, un revolver e una lunga corda di nylon, entrarono nella villa dopo aver eliminato il guardiano, Stephen Earl Parent, e uccisero tutti i presenti in modo incredibilmente cruento. Sebring fu colpito da un proiettile all’ascella e finito a coltellate; Frykowski e la Folger pugnalati a morte più volte. Infine, fu il turno della Tate, anche lei trafitta senza pietà da molteplici fendenti.

Raccapricciante ben più di un horror, la vicenda ha ispirato numerosi titoli per il piccolo e il grande schermo sin dai primissimi anni ’70: dal cult La rabbia dei morti viventi (I Drink Your Blood, 1970) di David E. Durston al documentario Manson di Robert Hendrickson e Laurence Merrick, fino alla recente e non particolarmente memorabile serie TV Acquarius e a Charlie Says, presentato all’ultima Mostra del Cinema di Venezia (la nostra recensione), in molti hanno affrontato il turpe soggetto. Forse proprio per questo motivo, Daniel Farrands ha deciso così di stravolgere gli accadimenti, immaginando nel suo The Haunting of Sharon Tate un finale ‘alternativo’. Idea se non altro singolare, avrebbe potuto rivelarsi pure affascinante in qualche modo, peccato sia attuata in maniera troppo confusionaria, sia priva di immagini particolarmente scioccanti e, in generale, manchi della giusta suspense.

Anzitutto sono la struttura e il modo di narrare a non funzionare. L’intero sviluppo ruota intorno a una sola, grande, domanda, ribadita in maniera ridondante innumerevoli volte: “Il nostro destino è già scritto o siamo noi a determinarlo con le nostre azioni?“. Questa è la premessa che porta a ribaltare il corso degli eventi in un surreale revisionismo. Così seguiamo Sharon (Hilary Duff) che, non appena arrivata nella sua nuova e lussuosa magione, inizia ad avere orribili incubi in cui ‘vede’ la morte propria e quella dei suoi amici. Poco contano le rassicurazioni di Abigail (Lydia Hearst) e Wojciech (Pawel Szajda), lei è sempre più persuasa che capiterà presto qualcosa di tremendo a tutti loro.

Haunting of Sharon Tate (2019) - 2Da un lato, la tensione è costruita attraverso una serie di dettagli che emergono via via che il minutaggio di The Haunting of Sharon Tate avanza. La trama difatti si sviluppa su più giorni, in cui si susseguono avvisaglie e premonizioni di morte. Prima la protagonista, durante una passeggiata, incrocia due inquietanti sconosciute che, torve, la fissano. Poi, trova in casa numerose registrazioni di un cantante, un certo Charlie, che aveva inviato in modo ossessivo i propri demo al precedente proprietario di Cielo Drive, il produttore musicale Terry Melcher. Non solo, ascoltando le tracce, la donna si accorge di qualcosa di estremamente sinistro in sottofondo, qualcosa dal sentore ‘satanico’. Poi le sue paure si concretizzano e viene assalita in casa propria da un gruppo di spietati killer. Così descritto sembrerebbe invitante, ma si tratta di un reiterato coito interrotto. Innervosisce, allora, il meccanismo ripetitivo di alterazione a incastro della realtà, e più ancora il finale strampalato e possibilista in stile Sliding Doors, che lascia davvero indispettiti.

La verità è dunque fastidiosamente e maldestramente stravolta. Eppure, non è nemmeno questo l’aspetto peggiore di The Haunting of Sharon Tate. In primo luogo il thriller risente della dubbia performance di Hilary Duff nei panni della protagonista, peraltro un’attrice di professione. Dato il ruolo centrale e complesso, si renderebbe necessaria la capacità di trasmettere stati d’animo alterni, dall’iniziale allegria spensierata, all’angoscia e alla psicosi, in ultimo il terrore cieco. È il personaggio su cui si regge l’intero film, ma risulta troppo arduo per l’attrice – nota sostanzialmente per la serie per adolescenti Lizzie McGuire – sostenerne il peso. Al contrario, notevoli sono le interpretazioni delle due sanguinarie seguaci di Charles Manson, Bella Popa Fivel Stewart, che – se fosse stato garantito loro maggiore spazio – avrebbero probabilmente elevato il risultato complessivo. Allo stesso modo, non viene data abbastanza attenzione agli omicidi e alla loro degna preparazione, decidendo di far ruotare tutto intorno alle ‘lucide allucinazioni’ di Sharon Tate. Scelta nefasta, con cui si ottiene solo di interrompere di continuo quello che dovrebbe essere un ansiogeno crescendo.

The Haunting of Sharon Tate film Hilary DuffPiù in concreto, è deludente il modo sbrigativo in cui gli efferati atti di violenza stessi sono girati da Daniel Farrands. Anche in questo caso manca completezza nel creare l’atmosfera, la composizione, in ultimo nel portare a compimento l’azione. La gran parte della ferocia, dei dettagli più scabrosi non è inquadrata (probabilmente per evitare l’R-rating …); ci si limita solo a qualche frammentario gesto, un fendente, uno schizzo rosso, una smorfia, giusto per dare un po’ di pepe. Lo sforzo però è insufficiente. D’altra parte è assente il giusto grado di suggestione, che potrebbe sopperire alla mancanza di gore ‘compiaciuto’. Indubbiamente, non serve una profusione di sangue per suscitare il giusto spavento: l’ottimo Wolves at the Door di John R. Leonetti (la nostra recensione) ci riusciva alla perfezione, pur lasciando la violenza pressoché interamente fuori campo, limitandosi a suggerire sapientemente tutto. Sfortunatamente, The Haunting of Sharon Tate non ci va neppure vicino.

Perché prendere uno dei capitoli neri per eccellenza della cronaca americana degli anni ’60, di per sé profondamente sconvolgente, e banalizzarlo con uno strampalato ‘what if …?‘ che alcuni – come la sorella oggi 66enne di Sharon Tate, Debra, in primis – hanno trovato addirittura “privo di gusto”? Non possiamo che aspettare il prossimo tentativo: chissà, forse ci fornirà un più riuscito ritratto della Famiglia di Manson l’imminente lungometraggio di Quentin TarantinoC’era una volta a Hollywood, con Margot Robbie a interpretare la bionda e sventurata ragazza.

In attesa di capire quando verrà distribuito dalle nostre parti, di seguito trovate il trailer originale di The Haunting of Sharon Tate:

Hilary Duff
Jonathan Bennett
Lydia Hearst
Tyler Johnson
Ryan Cargill
Ben Mellish
Pawel Szajda
Bella Popa
I Guerrieri della Palude Silenziosa di Walter Hill
Horror & Thriller

Recensione Story | I Guerrieri della Palude Silenziosa di Walter Hill

di William Maga

Incompreso in patria e uscito con ben due anni di ritardo in Italia, il thriller del 1981 - ancora oggi inedito in home video nel nostro paese - confermava il grande talento del regista e la sua vena caustica

Leggi
Frankenstein Junior 1974 film gene wilder
Horror & Thriller

Dossier | Frankenstein Junior di Mel Brooks: una pioggia di risate lunga 45 anni

di Francesco Chello

Usciva nel 1974 il film con Gene Wilder, Marty Feldman e Peter Boyle, omaggio ai classici di mostri della Universal divenuto a suo volta un classico senza tempo

Leggi
The Nix (Nøcken, film 2018)
Horror & Thriller

The Nix | La recensione del film di Nicolai G.H. Johansen

di Alessio Di Rocco

Il regista danese firma un sorprendente mediometraggio fanta-horror presentato in concorso al Fantafestival 2019

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per The Banana Splits: i pupazzi dello show TV si ribellano e fanno strage

di Redazione Il Cineocchio

C'è Danishka Esterhazy alla regia del revival, che dà un'inaspettata svolta R-Rated alla serie per bambini di Hanna-Barbera del 1968

Leggi
Horror & Thriller

Isabelle – L’Ultima Evocazione | La recensione dell’horror con Adam Brody

di Sabrina Crivelli

Amanda Crew affianca l'attore nello scombinato thriller soprannaturale incentrato sui postumi di una gravidanza difficile diretto da Robert Heydon

Leggi
Black Christmas - Un Natale rosso sangue film poster 2019
Horror & Thriller

Black Christmas (Un Natale rosso sangue): poster e data di uscita del remake Blumhouse

di Redazione Il Cineocchio

A 13 anni dal primo rifacimento di Glen Morgan, il classico dell'horror di Bob Clark verrà rivisitato e aggiornato un'altra volta

Leggi
doctor sleep film Mike Flanagan
Horror & Thriller

Doctor Sleep: teaser trailer e data di uscita per il sequel di Shining firmato Mike Flanagan

di Redazione Il Cineocchio

Ewan McGregor è un Danny Torrance cresciuto e alle prese con i fantasmi del passato - tra luccicanza e 'redrum' - nell'adattamento per il cinema dell'omonimo romanzo di Stephen King

Leggi
chernobyl miniserie 2019 hbo
Horror & Thriller

Chernobyl (episodi 1-5) | La recensione della miniserie HBO: un monito severo

di William Maga

Jared Harris, Stellan Skarsgård ed Emily Watson sono i protagonisti dell'ennesimo prodotto televisivo di assoluta qualità, capace di riflettere sul disastro nucleare del 1986 con fermezza

Leggi
Jennifer Connelly in Phenomena (1985)
Horror & Thriller

Recensione story | Phenomena di Dario Argento

di William Maga

Nel 1985 il regista dirigeva Donald Pleasence e la giovanissima Jennifer Connelly in un thriller sbilanciato, efferato ma meno magico di quel che avrebbe potuto essere

Leggi
Blu-ray In Darkness + Attraction + La notte ha divorato il mondo
Horror & Thriller

Recensione Blu-ray | In Darkness + Attraction + La notte ha divorato il mondo

di Redazione Il Cineocchio

Esaminiamo da vicino le edizioni italiane dell'horror con Natalie Dormer, del film sci-fi russo di Fedor Bondarchuk e dello zombie movie francese di Dominique Rocher

Leggi
Zachary Quinto in NOS4A2 (2019) serie amazon
Horror & Thriller

NOS4A2 | La recensione completa della serie con Zachary Quinto (episodi 1-10)

di Sabrina Crivelli

La trasposizione per il piccolo schermo del romanzo fanta-horror di Joe Hill parte molto bene, ma si perde in una seconda metà troppo affrettata e superficiale

Leggi
James Wan – da Saw e Insidious al Conjuring Universe e Aquaman di Nico Parente e Edoardo Trevisani
Horror & Thriller

Recensione libro + intervista | James Wan di Nico Parente e Edoardo Trevisani

di Alessandro Gamma

Dal folgorante Saw - L'enigmista al recente cinecomic Aquaman, i due autori provano a fare il punto della carriera del prolifico e impegnatissimo filmmaker, ormai non più solo Re Mida dell'horror

Leggi
3 from hell rob zombie film
Horror & Thriller

Teaser per 3 from Hell di Rob Zombie: la famiglia Firefly è pronta a far danni

di Redazione Il Cineocchio

A 13 anni da La Casa del Diavolo, i redivivi Sid Haig, Bill Moseley e Sheri Moon tornano sulle scene in un capitolo conclusivo della trilogia imprevedibile e vietatissimo ai minori

Leggi
nomis film daddario cavill
Horror & Thriller

Trailer per Nomis: Alexandra Daddario e Henry Cavill sulle tracce di un serial killer

di Redazione Il Cineocchio

Nel ricco cast del thriller diretto da David Raymond ci sono anche Ben Kingsley, Stanley Tucci e Nathan Fillion

Leggi
human centipede trilogia film tom six
Horror & Thriller

Riflessione | La trilogia di The Human Centipede: una metafora dell’incomunicabilità

di Sabrina Crivelli

Dal Dott. Heiter a Martin a Bill Boss, la scioccante saga dell'olandese Tom Six vuole riflettere più sulla incapacità di comunicare dei perversi protagonisti che sul loro scellerato sadismo

Leggi
Ma

Ma

27-06-2019

Lucania - Terra Sangue e Magia

Lucania - Terra Sangue e Magia

20-06-2019

Sir - Cenerentola a Mumbai

Sir - Cenerentola a Mumbai

20-06-2019

La prima vacanza non si scorda mai

La prima vacanza non si scorda mai

20-06-2019

Anna

Anna

20-06-2019

Arrivederci professore

Arrivederci professore

20-06-2019

Rapina a Stoccolma

Rapina a Stoccolma

20-06-2019

RECENSIONE

The Elevator

The Elevator

20-06-2019

La bambola assassina

La bambola assassina

19-06-2019

Christo - Walking on water

Christo - Walking on water

16-06-2019

Shelter: Addio all'Eden

Shelter: Addio all'Eden

14-06-2019

Il grande salto

Il grande salto

13-06-2019

Soledad

Soledad

13-06-2019

I morti non muoiono

I morti non muoiono

13-06-2019

RECENSIONE

Climax

Climax

13-06-2019

RECENSIONE

Blue My Mind - Il segreto dei miei anni

Blue My Mind - Il segreto dei miei anni

13-06-2019

Beautiful Boy

Beautiful Boy

13-06-2019

Dicktatorship - Fallo e basta!

Dicktatorship - Fallo e basta!

10-06-2019