Home » Cinema » Azione & Avventura » The Irishman | Recensione del film di gangster di Martin Scorsese (per Netflix)

8/10 su 151 voti. Titolo originale: The Irishman, uscita: 01-11-2019. Budget: $159,000,000. Regista: Martin Scorsese.

The Irishman | Recensione del film di gangster di Martin Scorsese (per Netflix)

05/11/2019 recensione film di Sabrina Crivelli

Il regista 76enne gira la mastodontica e magniloquente summa della sua poetica cinematografica, che vede nei fidati Al Pacino, Robert De Niro e Joe Pesci i perfetti interpreti

the irishman scorsese film netflix

The Irishman è la sintesi e l’apoteosi del gangster movie. Non potrebbe essere definito altrimenti. Martin Scorsese, l’autore (poiché qui non si può che parlare di autorialità) di quest’opera magniloquente e grandiosa come lo spaccato di vita e società che cattura, riesce a condensare l’essenza stessa della propria cinematografia e tutta la sua arte, sviluppata in una lunga e fruttuosa carriera dietro alla macchina da presa. Il film, prodotto da Netflix e purtroppo destinato di conseguenza alla quasi totale visione domestica, ha tutta l’ariosità del ricordo, del libero racconto, che non sopporta vincoli di minutaggio, come di montaggio. Le sue 3 ore e 30 minuti di durata ne sono la riprova. Tuttavia, proprio per questo, assume i contorni di opera assoluta, che sa di esistenziale e non mediato dalla limitante logica diegetica del taglio e dell’editing (inteso come operazione intellettuale di riordino del girato). Dirompente e incontrollato, come un fiume in piena, The Irishman travolge lo spettatore più che traghettarlo da un punto a un altro, aspetto che rappresenta la principale criticità, ma in fondo anche il maggiore pregio del lungometraggio.

the irishman netflix film posterTratto dal libro I Heard You Paint Houses di Charles Brandt (inedito in Italia), viene narrata la vera storia, raccontata sul letto di morte, del killer della mafia Frank “The Irishman” Sheeran, che avrebbe avuto un ruolo di primo piano nella scomparsa e nella morte del noto sindacalista americano Jimmy Hoffa (un incredibile Al Pacino) nel 1975. L’orizzonte, però, è assai più esteso. Puro Epos americano, si apre con “L’irlandese” del titolo, incarnato da un indimenticabile Robert De Niro, ormai vecchio e malfermo. Lo vediamo seduto su una sedia a rotelle in una stanza spoglia, mentre parla rivolgendosi direttamente in macchina e inizia a ripercorrere il suo passato, che prende presto vita sul grande schermo. Costruito a cornici e digressioni che si alternano a delineare fatti e personaggi, le parole dell’uomo ci riportano indietro di qualche decade. Lui e Russell Bufalino (un altrettanto notevole Joe Pesci) sono in viaggio in macchina da una parte all’altra degli Stati Uniti con le rispettive consorti. Sono infatti diretti alla volta di Detroit, dove li attende il matrimonio di Bill Buffalino.

Tuttavia, le tappe in cui è suddiviso questo percorso non sono solo fisiche (le pause per fumare, per cambiare una gomma …), ma anche e soprattutto mentali, costituendo così un filo conduttore a cui si ritorna di tanto in tanto, tra una digressione e l’altra. Come in una proustiana peregrinazione nella memoria, gli elementi circostanti diventano così in The Irishman una sorta di filmica madeleine, uno spunto per proiettarci ancor una volta indietro di diversi altri lustri. Una stazione di servizio, ad esempio, è il punto di partenza di un flashback a quando il nostro antieroe ancora lavorava come camionista e per caso incontrò per la prima volta quello che sarebbe diventato il suo “mentore” e figura di riferimento nella malavita organizzata, ossia Russell, il suo futuro compagno di viaggio. Ogni aspetto è collegato agli altri, come per una forza centripeta, figlia del punto di vista soggettivo da cui è raccontata, ossia attraverso gli occhi del protagonista medesimo lungo la sua parabola esistenziale e la sua ascesa all’Olimpo di Quei bravi ragazzi al centro del capolavoro del 1990 di Martin Scorsese (con cui non si può non fare un paragone). Lo stesso vale per le infinite incursioni nel passato, nei ricordi, in un continuo flusso senza soluzione di continuità, in cui siamo immersi dalla prima all’ultima scena.

The IrishmanD’altra parte, se la meta ultima del lunghissimo tragitto – in cui è sviluppata quasi l’intera durata – è delineata sin da principio, è al contempo solamente un pretesto per soffermarsi su altro. The Irishman è infatti un diario segreto per immagini, la confessione di un affiliato e sicario (Frank) con diretti contatti con i capi della mafia italo americana operativa a Filadelfia (ma con connessioni su tutto il territorio statunitense). Grazie alla sua esperienza in prima persona ne vengono rivelati lo strapotere e le infinite connessioni, a ogni livello della giustizia, della politica e delle più importati istituzioni del paese. Frank in prima persona, e l’organizzazione malavitosa che rappresenta, raggiunge le più alte sfere, alcune del tutto impensabili. Corruzione, favoritismi e rapporti personali sono inscindibili nel di operare dei suoi adepti, come nel caso dell’amicizia tra il protagonista e Jimmy Hoffa, il capo del sindacato dei camionisti, una figura di spicco “all’epoca famosa più Elvis e dei Beatles messi insieme”.  Insomma, la mafia arriva ovunque … Certo, a volte sono supposizioni (una in particolare farebbe chiarezza su uno dei grandi misteri irrisolti e dei più oscuri complotti della storia degli USA). Che siano fatti di cronaca inconfutabili o notizie non documentate, o pura invenzione, tutto assume una nuova dimensione nel mix tra il realismo dello stile narrativo e totale relativismo nell’approcciarsi alle fonti, due opposti che coesistono in The Irishman.

Incredibile è in tal senso la capacità affabulatoria di Martin Scorsese, nella sua abile regia e messa in scena senza sforzo salta da un episodio all’altro, come faceva l’Ulisse di James Joyce da un pensiero all’altro. Non c’è bisogno di un ordine stringente nel succedersi dei fatti, né di una gerarchia: si è trasportati dagli eventi banali, come dai momenti decisivi, che si fondono tra loro in un determinismo assoluto, quasi a dominare la macchina narrativa e l’esistenza narrata fosse un crudele fato, o meglio la misera inevitabile sorte dell’uomo destinato a precipitare infine nella triste vecchiaia e nel baratro. Aspetto ovvio, vista la rilettura a ritroso da parte di Frank, che è il cuore e la lente attraverso cui è rappresentato The Irishman nella sua interezza. Così, attraverso le sue reminiscenze si materializzano frammenti di vissuto individuale e collettivo, ripercorrendo la piccola e grande storia, quella degli uomini comuni (come Frank), quella dei miti e dei potenti poi dimenticati, come Jimmy Hoffa, e quella dei grandi della storia, come i fratelli Kennedy, lasciati sullo sfondo. Tutti sembrano però soccombere alla giostra del Destino, e ciò che rimane è la solitudine e i rimorsi con cui è necessario coesistere.

the irishman film de niroA brillare come divinità del grande schermo sono infine alcuni dei mostri sacri di Hollywood, primi tra tutti Al Pacino e Robert De Niro, titanici e insieme umani come i personaggi che impersonano. La loro performance raggiunge uno dei più alti picchi del cinema dei nostri giorni, e d’altra parte da simili interpreti diretti da Martin Scorsese non c’era da aspettarsi altro, d’altronde, come il regista in persona ha detto in una intervista, The Irishman è la sua “pellicola testamento“, le cui riprese sono durare ben 5 anni e che è costata ben 125 milioni di dollari (ma si parla di quasi 200 milioni).

Per concludere, non va trascurato l’uso interessante di una tecnologia in fase di ulteriore esplorazione negli ultimi tempi, quella impiegata per ‘ringiovanire‘ le star anziane attraverso un processo di VFX e di cui abbiamo curiosamento visto i risultati anche in moltissimi prodotti recenti dell’ ‘odiata’ Marvel, da Ant-Man a Guardiani della Galassia vol. 2.

In definitiva, l’unico appunto che di può (ri)fare a questo titanico sforzo, è che solo una piccola parte degli spettatori potrà goderselo appieno sul grande schermo.

Di seguito il full trailer internazionale (sottotitolato in italiano) di The Irishman, nei cinema italiani – per soli tre giorni, il 4, 5 e 6 novembre e poi nel catalogo Netflix dal 27 novembre.

Robert De Niro
Al Pacino
Harvey Keitel
Joe Pesci
Bobby Cannavale
Ray Romano
Stephen Graham
Kathrine Narducci
J.C. MacKenzie
Craig Vincent
Anna Paquin
Gary Basaraba
Domenick Lombardozzi
Jack Huston
India Ennenga
Jesse Plemons
Larry Romano
John Cenatiempo
Joseph Russo
Aly Mang
Rebecca Faulkenberry
Stephanie Kurtzuba
Sebastian Maniscalco
Robert Funaro
Jeremy Luke
Veronica Alicino
Natasha Romanova
Louis Cancelmi
George Katt
Doris McCarthy
John Scurti
Liz Celeste
Welker White
Kevin O'Rourke
Bo Dietl
Ashley North
Kevin Kane
Claudette Lalí
Alex Ziwak
Kenneth Carrella
Jessica VanOss
Jennifer Mudge
Paul Borghese
Frank Modica
Mike Massimino
Kelly P. Williams
Erika Smith
James Lorinz
Josephine Velez
Jim Coniglione
Saskia Slaaf
Salvatore DiSanto
Mark Falvo
Scotty Atkins
Brent Costantino
Danny A. Abeckaser
Lauren Aparicio
Tom Rhoads
Arthur Hiou
Jessica Carollo
David Wenzel
Robert C. Kirk
Gino Cafarelli
Jarrod LaBine
Kent Sladyk
Patrick Gallo
Ron Castellano
Clark Carmichael
Siena Marino
Anne Horak
Vincent Riviezzo
Joseph Oliveira
Frances Mignano
Bill Timoney
Frank Amoruso
Thomas Bencivenga
Samuel Difiore
Kerry McGann
Thomas E. Sullivan
Melody Krell
James Ciccone
Rob Tunstall
Anthony Welch
Dominick LaRuffa Jr.
Scott Eliasoph
Matteo Borgomanero
Erick Zamora
Richard V. Licata
Cliff Moylan
Franco Quartuccio
Al Linea
Patrick Borriello
John Antorino
Gregory Cioffi
Jamie Mattus
Gage Maynard
Gina Lerario
Cilda Shaur
Emilie Cantante
Steve Garfanti
Kevin D. McGee
John Polce
Thomas D. Weaver
Jason Liebman
Michael Romeo Ruocco
Tommy Bayiokos
Matthew F. O’Connor
John Cashin
Rebecca Merle
Albert Kobrovsky
Steven Van Zandt
Marin Ireland
Action Bronson
Paul Herman
midway film emmerich 2019
Azione & Avventura

Midway | La recensione del film sulla Guerra del Pacifico di Roland Emmerich

di William Maga

Woody Harrelson, Patrick Wilson e Luke Evans sono tra i protagonisti di un kolossal che spreca talenti e budget a disposizione per un risultato incredibilmente svogliato e approssimativo

Leggi
john woo set
Azione & Avventura

John Woo sui cinecomic: “Non saprei girarne uno decente; Stan Lee mi offrì una regia pre MCU”

di Redazione Il Cineocchio

Il 73enne regista cinese ha anche parlato dei 'pericoli' del successo indiscriminato dei film Marvel e DC

Leggi
spider-man far from home londra
Azione & Avventura

Spider-Man: Far From Home | La recensione del film sulla gita in Europa di Tom Holland

di William Maga

Il sequel firmato ancora da Jon Watts ci porta a spasso per il Vecchio Continente, puntando forte sulle gag e un'impacciata romance, e aggiungendo a una formula collaudata il misterioso Jake Gyllenhaal

Leggi
Azione & Avventura

Spider-Man: Homecoming | La recensione del film di Jon Watts

di William Maga

Nella sua terza incarnazione cinematografica, Tom Holland è un Peter Parker quindicenne pensato per un pubblico di coetanei. Una base su cui lavorare per i sequel.

Leggi
spider-man far from home + men in black international bluray
Azione & Avventura

Recensione Blu-ray | Spider-Man: Far from Home + Men in Black: International

di Redazione Il Cineocchio

Scopriamo da vicino le edizioni italiane del sequel con Tom Holland e Jake Gyllenhaal e del quarto film della saga degli 'uomini in nero' con Chris Hemsworth e Tessa Thompson

Leggi
sin city bastardo giallo
Azione & Avventura

Sin City: in preparazione la serie TV. Coinvolto Frank Miller (e, quasi, Robert Rodriguez)

di Redazione Il Cineocchio

Il creatore delle storie hard boiled a fumetti e il regista dei due adattamenti per il cinema insieme per portare Marv e gli altri personaggi di Basin City in TV

Leggi
eddie murphy beverly hills cop
Azione & Avventura

Beverly Hills Cop 4: Eddie Murphy (aka Axel Foley) finisce in esclusiva su Netflix

di Redazione Il Cineocchio

Dopo anni di incertezze, il film diretto da Adil El Arbi e Bilall Fallah arriverà in esclusiva sulla piattaforma di streaming

Leggi
Black Adam film poster 2021
battle big rock trevorrow jurassic
Azione & Avventura

Intervista esclusiva | Colin Trevorrow su Jurassic World 3: “Sarà un po’ più adulto e spaventoso; eccitante lambire i territori dell’horror”

di Alessandro Gamma

Il regista del primo e del terzo capitolo della nuova trilogia ci ha raccontato del suo rapporto col cinema del terrore, spiegando quanto sia complicato trovare un equilibrio in film rivolti a un pubblico di famiglie

Leggi
sonic il film 2020
Azione & Avventura

Trailer ‘riveduto e corretto’ per Sonic – Il Film: il Dr. Robotnik sulle tracce dell’imprendibile porcospino blu

di Redazione Il Cineocchio

Dopo le feroci critiche dei mesi scorsi sull'aspetto del protagonista, il film di Jeff Fowler con con Jim Carrey e James Marsden ispirato al notissimo videogioco della SEGA è pronto a sfrecciare al cinema

Leggi
Azione & Avventura

Teaser trailer per Soul: la Pixar promette un viaggio nell’anima col film del 2020

di Redazione Il Cineocchio

Il nuovo progetto animato potrà contare sulla colonna sonora originale composta da Trent Reznor e Atticus Ross

Leggi
Joaquin Phoenix e Todd Phillips in Joker (2019)
Azione & Avventura

Joaquin Phoenix sul sequel di Joker: “Già parlato con Todd Phillips; ho fatto dei poster con photoshop”

di Redazione Il Cineocchio

Il protagonista del film campione di incassi ha parlato della sua idea per un eventuale seguito, rivelando di aver pensato a una decina di classici in cui 'calare' il personaggio

Leggi
Azione & Avventura

Trailer per Wendy: Benh Zeitlin rielabora il mito dell’isola che non c’è

di Redazione Il Cineocchio

A 7 anni da Re della terra selvaggia, il regista è tornato dietro alla mdp per raccontare alla sua maniera la vicenda dei 'bambini perduti' di Peter Pan

Leggi
Ip-Man 4 donnie yen film
Azione & Avventura

Teaser e data di uscita per Ip Man 4: Donnie Yen affronta Scott Adkins sul suolo americano

di Redazione Il Cineocchio

C'è sempre Wilson Yip alla regia del quarto - e forse ultimo - capitolo della saga dedicata al maestro di arti marziali, questa volta in trasferta negli Stati Uniti

Leggi
La Lega degli Straordinari Gentlemen Vol. 2 di A. Moore e K. O'Neill (4)
Depeche Mode: Spirits in the Forest

Depeche Mode: Spirits in the Forest

21-11-2019

Aspromonte - La terra degli ultimi

Aspromonte - La terra degli ultimi

21-11-2019

Countdown

Countdown

21-11-2019

RECENSIONE

Cetto c'è, senzadubbiamente

Cetto c'è, senzadubbiamente

21-11-2019

The Lodge

The Lodge

21-11-2019

RECENSIONE

Light of My Life

Light of My Life

21-11-2019

RECENSIONE

L'ufficiale e la spia

L'ufficiale e la spia

21-11-2019

RECENSIONE

Citizen Rosi

Citizen Rosi

18-11-2019

The Report

The Report

18-11-2019

Come se non ci fosse un domani

Come se non ci fosse un domani

14-11-2019

Sono solo fantasmi

Sono solo fantasmi

14-11-2019

RECENSIONE

Gamberetti per tutti

Gamberetti per tutti

14-11-2019

The Bra - Il reggipetto

The Bra - Il reggipetto

14-11-2019

Ailo - Un'avventura tra i ghiacci

Ailo - Un'avventura tra i ghiacci

14-11-2019

Pupazzi alla riscossa

Pupazzi alla riscossa

14-11-2019

Le Mans '66 - La grande sfida

Le Mans '66 - La grande sfida

14-11-2019

Zombieland - Doppio colpo

Zombieland - Doppio colpo

14-11-2019

RECENSIONE